Contributi e affidamenti diretti | Comune, è bufera su Orlando - Live Sicilia

Contributi e affidamenti diretti | Comune, è bufera su Orlando

Movimento cinque stelle e Ferrandelli denunciano: su cultura e partecipate l'Amministrazione di Palermo eroga troppi finanziamenti senza bandi.

19 Commenti Condividi

PALERMO – Non c’è più bisogno di concorsi pubblici nella Capitale della cultura: è quello che denunciano i consiglieri comunali del Movimento cinque stelle e il leader dei Coraggiosi Fabrizio Ferrandelli, puntando il dito sull’abitudine dell’amministrazione di Leoluca Orlando “di finanziare iniziative e manifestazioni culturali senza ricorrere a gare d’appalto”. Stanziati fondi a chiamata diretta per più di due milioni di euro, e la denuncia coinvolge anche le aziende partecipate a cui sarebbero state garantite sponsorizzazioni e incarichi diretti per diverse decine di migliaia di euro.

La pratica denunciata dai consiglieri d’opposizione è quella dell’affidamento diretto, ovvero la possibilità per l’amministrazione di finanziare dei professionisti o delle associazioni senza bisogno di ricorrere a una gara d’appalto. Un’opportunità garantita all’amministrazione dallo stesso codice degli appalti, nella parte in cui stabilisce che un progetto unico e non paragonabile ad altri progetti può essere finanziato senza gara. E sulla base di questa unicità, denuncia oggi il Movimento cinque stelle, l’amministrazione ha emesso 113 determinazioni dirigenziali tra il 2015 e il 2018. Di queste, 38 riguardano iniziative strategiche del Patto per il Sud e comportano una spesa di circa un milione e mezzo di euro; altre 73 hanno finanziato manifestazioni per un altro milione e due di euro, e due determinazioni hanno assegnato 470 mila euro alla Fondazione Sant’Elia, “braccio operativo” di Palermo Capitale della cultura. I consiglieri del Movimento cinque stelle hanno presentato all’Autorità nazionale anticorruzione e alla Corte dei conti una nota sulle 38 iniziative del Patto per il sud , segnalando “la dubbia legittimità dell’impiego dei fondi del patto per Palermo”.

“La scarsa capacità di programmazione e progettazione, e una non convenzionale propensione all’affidamento diretto da parte dell’amministrazione comunale di Palermo, sono gli elementi che risultano dall’analisi delle determinazioni nel settore cultura”: il gruppo consiliare del Movimento cinque stelle sottolinea in un comunicato la frequenza con cui l’amministrazione Orlando ricorre alla chiamata diretta per le manifestazioni culturali. “Con questa prassi – afferma il capogruppo Ugo Forello – la chiamata diretta di enti o associazioni culturali è stata elevata a regola, mentre i principi di trasparenza, parità di trattamento e il ricorso a procedure concorsuali sono state costantemente ignorate. Tutto ciò è anche il risultato di una incapacità dell’amministrazione comunale di operare una corretta programmazione e progettazione dei propri fabbisogni”.

Dello stesso parere Fabrizio Ferrandelli, leader dei Coraggiosi, che ieri aveva segnalato il ricorso frequente da parte del Comune al finanziamento sotto la soglia minima oltre la quale si deve svolgere una gara d’appalto. Per Ferrandelli “in un settore strategico come quello della cultura c’è troppa discrezionalità, così come è emerso dai miei atti ispettivi in commissione Bilancio, analizzando proprio gli affidamenti diretti che, in questi anni, hanno messo in circolazione milioni di euro senza il benché minimo rispetto di una griglia di regole certe per tutti”. Ferrandelli segnala l’utilizzo dello stesso approccio anche in un altro settore, quello delle partecipate: “Ho analizzato diversi atti delle aziende controllate – dice Ferrandelli – e mi stupisce che, nonostante i conti in rosso, qualcuno abbia autorizzato sponsorizzazioni, finanziamenti e affidamenti di incarichi senza procedure di evidenza pubblica o attestazioni di congruità” Ferrandelli prosegue citando il caso dell’acquisto da parte di Amat di un video in cui il sindaco Orlando parla dei vantaggi del tram: “C’è una delibera in cui si decide l’acquisto del video ‘per intese verbali con l’assessore’. Intese verbali? È così che opera un’azienda controllata dal Comune?”. Il leader dei Coraggiosi cita poi alcuni esempi di sponsorizzazioni e incarichi dati a professionisti per chiamata diretta: “Alla Sispi lo stesso professionista ha ricevuto più incarichi da 22 mila euro, 3 mila euro, quattro diversi incarichi da circa 20 mila euro. Chiedo al Collegio dei revisori del Comune se ci sono gli estremi per un’azione di responsabilità”.

Tra le manifestazioni finanziate con l’assegnamento diretto e sotto la soglia ci sono il progetto culturale “La macchina dei sogni”, il progetto “Immagina Palermo” e il progetto “La notte di Palermo” che hanno ricevuto poco meno di 40 mila euro ciascuno; la celebrazione dell’Immacolata concezione da parte di una parrocchia a cui sono andati 33 mila euro; un workshop di canto lirico finalizzato all’opera “La Boheme” a cui sono stati assegnati 32 mila euro; il festival Ballarò Buskers 2017 che ha ricevuto 20 mila euro; un film monografico sulla fotografa Letizia Battaglia a cui sono andati 24 mila euro; la “Notte di zucchero-Festa di morti, pupi e grattugie” a cui sono stati assegnati 20 mila euro; il progetto “Omaggio a Pirandello” a cui sono stati assegnati 18 mila euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    Ma non sarebbe opportuno segnalare ciò alle autorità competenti oppure i 5 stelle e i coraggiosi fanno solo chiacchiere per avere pure loro qualcosa?

    Dimissioni immediate dell’assessore alla cultura per iniziare……poi un indagine da parte della procura. Il cerchio magico colpisce ancora ………

    La politica delle clientele e cosi sono tutti felici, contenti e finanziati !!!

    La procedura, come sottolineato dal vostro stesso giornale, è assolutamente legittima e prevista dal codice degli appalti. Leggo poi, su altre testate, i nomi dei beneficiari. Cuticchio, Battaglia, Ditirammu, Sicilia Queer, Virgilio Sieni, eccellenze internazionali sulle quali c’è ben poco da discutere. Ma poi come si potrebbero finanziare a bando queste iniziative che hanno tutti i crismi dell’eccezionalità che il provvedimento richiede? Sarebbe davvero vergognoso se Cuticchio e Battaglia dovessero passare da un bando per poter svolgere un servizio dalla città, magari finendo sorpassati dall’impresario che è solo più abile a scrivere un progetto. Più che bufera mi pare un venticello.

    Forse immagina che il PD sia ancora quella cosa alla quale, aderendo, ti è consentito tutto…
    Ma questo prima, non credo che ora continui così

    Sembrano le critiche di chi non ha mai amministrato niente… ed infatti!

    a che ci siamo un piccolo affidamento diretto a un giardiniere che sale con una scala sulla facciata dei 4 canti e toglie le piante che sono cresciute sui muri? non ci vuole molto, forse 100 euro. Però la città ne guadagnerebbe viste le migliaia di foto che i turisti fanno li. Ma sicuramente, visto che è per il decoro della città non se ne farà niente.

    Ho un pensiero che ricorre da tempo nella mia testa: Ferrandelli si andrà ad ammarronare pure tra i 5 stelle?

    5 STELLE DENUNCIATE…PORTATE TUTTO IN PROCURA…ALTRIMENTI SONO CHIACCHIERE

    Per cui dei 113 affidamenti 5 sono giustificati. Ne rimangono 108, chiamalo venticello se vuoi….

    È una politica corrotta ma … politicamente corretta, e quindi si sentono tranquilli.

    Hai perfettamente centrato il problema, qui si tratta di scegliere tra le chiacchiere delle opposizioni ed i fatti concreti dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Leoluca Orlando. E se ciò non bastasse vorrei ricordare ai sig.ri delle opposizioni che le ultime elezioni comunali non le hanno vinte loro.

    E’ sempre stato così. Il merito in questo settore non ha mai contato nulla, la cultura è stata sempre utilizzata per favorire gli amici.

    Se un ente pubblico dà cento euro a un giardinere, quello non prende nessuna scala ma se ne va direttamente in osteria.

    ma quale razza di eccellenza é il sicilia queer ?????? posso capire la battaglia e cuticchio; ma una associazione che vuole fare rassegne deve passare da un bando e basta

    Va ricordato che Orlando prevalse al primo turno x la legge elettorale su misura.

    Brinda alla salute di chi gli ha proposto 100 euro! E magari lo vota pure!

    Andate a guardare a chi vengono finanziate le attività sociali…

    sei un ollandiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.