Controlli anti Ebola su un francese | Scattano le procedure di sicurezza - Live Sicilia

Controlli anti Ebola su un francese | Scattano le procedure di sicurezza

Si tratta di un sessantenne di nazionalità francese, visitato oggi pomeriggio all'ospedale Buccheri La Ferla e sottoposto. I campioni del suo sangue sono stati inviati all'ospedale 'Lazzaro Spallanzani' di Roma, dove sarà accertata l'eventuale infezione del virus. Secondo l'assessorato alla Sanità non c'è alcun allarme.

Palermo
di
24 Commenti Condividi

PALERMO – Si è recato in ospedale in preda al panico: è tornato venti giorni fa dal Togo, in Africa, ed oggi si è svegliato con la febbre alta. Si tratta di un sessantenne di nazionalità francese, visitato oggi pomeriggio all’ospedale Buccheri La Ferla e sottoposto a tutti gli accertamenti in grado di escludere che si tratti della temutissima Ebola.

Quando il paziente è arrivato al pronto soccorso è stato immediatamente preso in cura dai medici. L’uomo, a parte la febbre a 38, non accusa altri tipi di malessere, né vomito, né diarrea: un aspetto che ha fatto subito scongiurare il peggio. L’uomo è stato posto in isolamento in una stanza del reparto di Medicina ed è stato trattato dai sanitari con tutte le precauzioni previste dal ministero. I campioni del suo sangue sono stati inviati all’ospedale ‘Lazzaro Spallanzani’ di Roma, dove sarà accertata l’eventuale infezione del virus e dove l’uomo dovrebbe essere trasferito qualora il contagio venisse accertato.

Come precauzione, in queste, ore le ambulanze del 118 hanno dirottato i propri pazienti in altri ospedali della città. “Le nostre attività proseguono normalmente – fanno sapere dall’ospedale – e qui al pronto soccorso continuano le visite ed i consulti”. In Togo, da quando la terribile epidemia si è diffusa seminando morte e distruzione nell’Africa occidentale, si sono verificati soltanto due casi legati all’Ebola. Fonti dell’assessorato regionale alla Salute hanno spiegato a Livesicilia che il quadro generale non desta allarme.

Aggiornamento di venerdì 17 ottobre, ore 11.40. Il sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia, Leoluca Orlando, ha incontrato l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino all’Ospedale Buccheri La Ferla, in occasione dei 50 anni di presenza dei Fatebenefratelli a Palermo. Orlando ha rappresentato “le preoccupazioni dei sindaci siciliani per l’epidemia di Ebola”, ricevendo dall’assessore Borsellino assicurazioni sull’approntamento già predisposto di ogni misura in conformità ad esigenze e prescrizioni sanitarie. Il sindaco e presidente Anci ha espresso apprezzamento per quanto assicurato, confermando “piena disponibilità di Comuni siciliani per fornire ogni intervento e contributo richiesto per prevenire e fronteggiare la emergenza Ebola”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

24 Commenti Condividi

Commenti

    Tranquilli: La sanità siciliana è una eccellenza internazionale in grado di fronteggiare manco una influenza- Ringraziate Alfano, l’Europa,il PD e pregate affinchè la sorte ce la mandi buona.

    Se l ebola viene trattata come sono trattati i pazienti….state tranquilli….a presto saremo tutti infetti

    Sono preoccupato . Sono al triage ho paura aiutooooooooooooooooooooooooooooo

    Effettuare dei prelievi ematici, col sospetto che siano positivi al virus ebola, e mandarli in giro per mezza Italia é un protocollo di sicurezza? Masticazzi!!!!

    Tranquilli cmq questa sarà la fine del mondo in anticipo. Anche se penso che è stato fatto tutto di proposito per farci morire tutti.

    Daniele: visto che questa volta si tratta di un francese e non di un immigrato, chiediamo che l’italia venga spostata al Polo Nord?

    Bravo, è quello che pensavo.
    Ma poi cavolo: non abbiamo la possibilità di testare l’ebola? Noi che siamo il front-end dell’Africa? Masticazzi al quadrato!

    vabè…tecnicamente l’immigrato può essere anche Eschimese!

    Diciamo che è un immigrato per fini turistici?

    Calcolando una mortalità minima del 50% e infettando tutta l’Italia, nel giro di un paio di mesi, l’inps andrebbe in attivo, la disoccupazione sparirebbe anzi dovremmo assumere qualche decina di migliaia tra becchini e l’indotto!! Azz!!
    I morti vedrebbero la famosa luce intensa, i sopravvissuti forse comincerebbero a vedere l’altrettanto famosa “luce in fondo al tunnel!!

    Questo Francese non è un immigrato, ma è stato in Africa. Cmq l’altro giorno Palermo è bella su un mio commento sull’Ebola mi disse: la Sicilia non corre rischi. Evidentemente per lui la Sicilia ha l’antivirus. La sicilia cosa usa? Avg, Avast, Nod, avira oppure Norton antivirus? ma per favore. Per chi non lo sa sull’ebola ancora non si sà nulla perchè quasi 30 anni fa quando il primo ceppo si è sviluppato è stato sottovalutato e tutti se ne son fregati. L’unico rimedio è chiudere le frontiere a gente che proviene da luoghi a rischio. Di sicuro Malta non si crea problematiche sull’Ebola.

    ……come quando ci dissero che l’incendio di Bellolampo non produceva gas tossici……

    Non capisco i bed… a questi due chiederei: ma vi sembra giusto che in Sicilia non sia possibile testare l’ebola su un presunto infetto?

    Mah! Boh?

    CONFERMO AL SIGNOR ANTONINO CHE LA SICILIA NON CORRE RISCHI E LO INVITO A INFORMARSI PERCHE’ IL FRANCESE NON AVEVA L’EBOLA!E’ STATO ESCLUSO CATEGORICAMENTE.
    come hanno ripetuto i principali esperti e medici, la regione, il ministero della salute e tutti, non c’e’ rischio epidemia di ebola in sicilia. non e’ escluso che in futuro ci sia qualche isolato caso in italia, ma di certo non sara’ portato dai barconi della speranza, ma da qualche uomo d’affari o turista che viaggia in business class!
    non capisco poi perche’ dovremmo credere al signor antonino e non ai massimi esperti.

    per evitare disinformazione, i punti assodati sono questi:
    1) UN IMMIGRATO CHE SBARCA IN SICILIA NON PUO’ PORTARE L’EBOLA PERCHE’ I VIAGGI DELLA SPERANZA DURANO MOLTO DI PIU’ DEI TEMPI DI INCUBAZIONE DELL’EBOLA(in media una settimana, in ogni caso non oltre i 21 giorni, mentre gli immigrati viaggiano per mesi!!!).
    2) L’EBOLA NON SI CONTAGIA PER VIA AEREA, CON IL RESPIRO, CON LO STARTUTO O CON LA TOSSE, MA SI CONTAGIA SOLO SE UNA PERSONA ENTRA A CONTATTO CON IL SANGUE E I FLUIDI DI UN MALATO (quindi anche se, periodo ipotetico dell’irrealta, in autobus viaggiasse un malato di ebola, non ci si contagierebbe!).
    3) L’EBOLA SI CONTAGIA SOLO IN PRESENZA DI SINTOMI E SONO SINTOMI GRAVI. PER CUI NON CREDO CHE SI SCAMBI UNA SIRINGA O SI TOCCANO I FLUIDI DI UN MALATO CHE HA I SINTOMI DELL’EBOLA!!!!!
    4) INVECE DI PENSARE A VIRUS PERICOLOSI MA DIFFICILISSIMI DA CONTAGIARE, L’ITALIA PENSI A PREVENIRE TUMORI, INFARTI, ICTUS E INCIDENTI STRADALI CHE SONO LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA (NON CERTO L’EBOLA!!!)

    che il francese non era infetto questo lo sapevo , ma vedo che forse non leggi quello che scrivo o quantomeno fai finta di interpretare al contrario. Puoi gentilmente spiegarmi il perchè la Sicilia non corre il rischio con l’ebola? Questo ancora non son riuscito a capirlo. E poi carissimo Palermo è bella vedi che io mi incavolo se la gente mi ascolta, anzi io voglio essere il re incontrastato degli ignoranti e come tale non voglio seguaci. Però non capisco come si fa a dare retta ad uno acculturato come te che continua a dire che la Sicilia è immune da rischi ebola. Penso che tra noi lettori e commentatori ci sia qualcuno che si è posta la domanda del perchè la Sicilia è immune. Non so forse tra i tuoi cari immigrati arriva anche anche l’immigrato scudo che protegge la Sicilia anzi che fa da scudo? Per cortesia puoi spiegare la tua affermazione? Tanto per colmare le nostre ignoranze.

    Chissà perchè le staffette mafia libica – mare nostrum sono certamente esenti dal virus dell’Ebola e la business class invece no?

    ah vabbè, se lo dici tu siamo tutti tranquilli e rilassati. Sei come la moneta da 3€: falso.

    anzi sei come le agenzie di rating che il 14/09/2008 quotavano Lheman Brothers con rating AA+ e outlook positivo.

    Il 15/09/2008 Lheman Brothers dichiara la bancarotta.

    Troppa sicurezza induce all’errore.

    signor antonino:
    perche’ la sicilia non corre pericolo di epidemia?
    1) perche’ l’hanno esclusa i principali epidemiologi.
    2) perche’ il contagio e’ difficile, non e’ per via aerea.
    3) PERCHE’ IN NORD AFRICA NON C’E’ NEMMENO UN CASO DI EBOLA E IN TUTTA L’AFRICA (TRANNE 4 STATI) NON CI SONO CASI. NON SI CAPISCE PERCHE’ DOVREBBE SCOPPIARE UN’EPIDEMIA DI EBOLA IN SICILIA, QUANDO IN TUTTO IL NORD AFRICA NON C’E’ NEMMENO UN CASO E QUANDO PERSINO NEI PAESI CONFINANTI AI 3 STATI CON EPIDEMIE DI EBOLA, NON C’E’ NEMMENO UN CASO DI EBOLA.
    risponsa signor antonino, perche’? perche’ in sicilia si e in ghana no? (addirittura in ghana vogliono fare la coppa d’africa tanto e’ sicura dal punto di vista dell’ebola).

    rob:
    LE STAFFETTE MARE NOSTRUM NON POSSONO ESSERE VEICOLI DI EBOLA PERCHE’:
    1) NON C’E’ EBOLA NEI PORTI DI PARTENZA IN LIBIA. NON SI CAPISCE PERCHE’ DOVREBBE SCOPPIARE L’EBOLA IN SICILIA E NON IN LIBIA.
    2) GLI IMMIGRATI VIAGGIANO 2 MESI NEL DESERTO E SETTIMANE NEL MEDITERRANEO. UN MALATO DI EBOLA GIA’ SAREBBE AL CAMPOSANTO DUE MESI E MEZZO PRIMA.
    3) UN MALATO DI EBOLA NON HA NEMMENO FORZA DI ALZARSI DAL LETTO FIGURIAMOCI SE CAMMINA NEL DESERTO O SE SI IMBARCA IN UN BARCONE DELLA SPERANZA….

    signor vomitai, mai detta una falsita’ in un mio messaggio. anzi ho smascherato falsita’!
    ripeto da mesi che l’ebola non viene portato da immigrati che sbarcano in sicilia, non puo’ essere portato per i motivi spiegati sopra, ed ora lo confermano tutti gli esperti intervistati dai giornali (compreso il giornale di sicilia) ogni giorno.
    COSI’ COME SCRISSI CHE ERA FALSO L’ALLARME EBOLA A LAMPEDUSA AD AGOSTO, E COSI’ E’ STATO. CHI AVEVA INVENTATO LA NOTIZIA STA PASSANDO GUAI GROSSI CON I LAMPEDUSANI CHE VOGLIONO RISARCIMENTI RECORD!
    cosi’ come scrissi che era falso che mesi fa un immigrato aveva il vaiolo (era una banale varicella!), semplicemente per la constatazione logica che il vaiolo e’ completamente scomparso in tutto il mondo, non si capisce perche’ doveva portarlo un immigrato in sicilia, se nel suo paese di origine come nel resto del mondo non c’era piu’ un caso da 30 anni!
    LA LOGICA, BASTA SOLO LA LOGICA CERTE VOLTE PER SMENTIRE LE BUFALE E LE PATACCHE CHE GIRANO NEL WEB, IN TV E NEI GIORNALI!

    Quindi lei mi esclude il sudore come fluido corporeo? I casi segnalati, tra i quali anche quello oggetto della discussione, sono soltanto casi di ESIBIZIONISMO NARCISISTICO? Inoltre, mi spiega perché lei è così razzista? Il virus Ebola non preferisce gli immigrati o quelli di colore, credo anzi che non guardi in faccia a nessuno viste le ultime cronache. Il portatore, se ancora non lo ha capito potrebbe essere chiunque, che diversamente dagli immigrati che transitano in Libia, proprio perché bianco o di diversa nazionalità da quella africana una volta avvenuto il contatto non viaggia certamente in barconi alla deriva. La sua è veramente massima disinformazione. Si salta da eccessivi allarmismi a eccessivi rilassamenti, credo sia il caso di essere estremamente seri, perché potremmo essere alla vigilia della “SPAGNOLA” del 21° secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.