Controlli e ambulanti in fuga| Ballarò, maxi sequestro di pesce - Live Sicilia

Controlli e ambulanti in fuga| Ballarò, maxi sequestro di pesce

Il blitz della polizia, sequestrati i prodotti ittici. Multe e denunce.

PALERMO
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – La polizia ha effettuato stringenti controlli nel centro storico cittadino. Ieri mattina un ampio dispositivo coordinato dal commissariato “Oreto-stazione”, a cui hanno preso parte agenti del Reparto Prevenzione Crimine e personale della Guardia Costiera e della Polizia Municipale, ha eseguito accurati controlli ad esercenti di pescherie nel quartiere “Ballarò”Sono tre gli esercizi commerciali, tutti nei pressi di piazza del Carmine, dove sono state riscontrate gravi violazioni di natura amministrativa; ad una pescheria, risultata abusiva durante l’accesso ispettivo, sono state contestate le violazioni amministrative della mancanza della Scia Comunale e della Scia Sanitaria, l’occupazione abusiva del suolo pubblico, e la mancata tracciabilità del prodotto ittico.

Oltre al sequestro del locale, si è provveduto al sequestro del pesce, pari a circa 680 chili, destinato alla distruzione poiché tenuto in cattivo stato di conservazione. Al gestore dell’attività commerciale sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 7.770 euro. Un chiostro in forma mobile è stato sanzionato per la mancanza della Scia Sanitaria, per l’occupazione abusiva del suolo pubblico, per la mancata autorizzazione dell’attività di ambulante su area pubblica ed il gestore è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per l’occupazione abusiva del suolo pubblico. Le rastrelliere ed i banconi sono stati posti a sequestro amministrativo, il prodotto ittico, circa 20 chili, privo di tracciabilità ed in cattivo stato di conservazione è stato sequestrato e destinato alla distruzione. Le sanzioni amministrative contestate ammontano a circa 5000 euro. Ancora, sempre nei pressi di piazza del Carmine, è stata riscontrata l’attività abusiva di vendita di prodotti ittici.

Di tale attività, non si conosce il gestore, in quanto poco prima dell’arrivo delle forze dell’ordine, l’esercente si è dato a precipitosa fuga, facendo perdere le proprie tracce e lasciando quindi incustodita l’attività commerciale. Si è proceduto pertanto al sequestro amministrativo a carico di ignoti delle attrezzature e del denaro, circa 400 euro, trovato in un cassetto adibito a cassa. Si è provveduto inoltre a far rimuovere la struttura in metallo fissata sul suolo pubblico e le tende su di essa apposte utilizzate dall’ambulante per la protezione dal sole. Nel corso dei controlli sono state elevate sanzioni per un totale di circa 12.000 euro e sequestrati circa 860 chili di prodotti ittici.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Non sono abituati ai controlli.
    E così si è perso il concetto di legalità, del rispetto delle regole, rispetto per le Forze dell’ordine, rispetto per i cittadini perbene e per questa povera, sporca, città.
    I controlli sarebbero serviti prima.

    Finalmente lo Stato mostra gli attributi.
    Aspetto ora interventi contro gli stigghiolari abusivi che affumano e umiliano la bellezza di questa città.

    Benissimo. Gli interventi devono essere regolari, così la gente capisce finalmente che esistono le REGOLE. Grazie alle Forze dell’Ordine.

    Bene i controlli, ma se la gente non comprasse da questi abusivi, specialmente il pesce tenuto in cattive condizioni, il problema non esisterebbe.

    Vigili non venite al corso olivuzza, e’ tutto ok.

    Nooooooo,
    abusivismo e pesce in cattivo stato di conservazione a ballaro’?
    Ma smettetela.
    Il VATE, il DEUS EX MACHINA, COLUI CHE TUTTO IL MONDO CI INVIDIA, definisce il centro storico, ed i relativi mercati, quale cuore pulsante della “città” e nucleo dell’attività economico-commerciale di palermo.
    Come osate parlare di illegalità in questi luoghi?
    LUI si ammazza di lavoro per la “città” e voi ne denigrate il cuore.
    Ingrati, non meritate un “sindaco” come leoluca orlando cascio.

    Non vorrei alleviare la felicità…..ma tutto tornato come sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.