Controlli sul pescato | Sequestrati 40 chili di novellame - Live Sicilia

Controlli sul pescato | Sequestrati 40 chili di novellame

Sono frutto dell'attività di controllo della squadra nautica della questura nei pressi del lungomare e delle arterie percorse dai pescatori nella cittadina termitana. I sequestri sono stati effettuati in due diversi interventi.

Termini Imerese
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso la Squadra Nautica della Questura di Palermo, nel corso di due distinti episodi, nei pressi del porto di Termini Imerese, hanno sequestrato 40 chili di novellame di sarda sotto misura e per questo illegale.

I poliziotti nei pressi di una grossa arteria stradale di collegamento tra il porto di Termini e l’agglomerato industriale dell’ex indotto Fiat, hanno fermato un’auto nel cui bagagliaio è stato trovato un secchio di plastica contenente il novellame di sarda per un peso complessivo di circa 9 chilogrammi.

Un episodio simile, a distanza di qualche ora, è avvenuto sempre sul lungomare di Termini Imerese, dove i poliziotti, transitando nell’asse di scorrimento veloce, della zona agglomerato industriale all’altezza dei cosiddetti “laghetti” di Termini Imerese, hanno notato un natante di vetroresina, che in modo furtivo, veniva condotto vicino ad un altro natante ormeggiato ad un pontile galleggiante lì allocato, ed effettuava una manovra di affiancamento con una breve sosta. Tale manovra era servita a consentire il trasbordaggio di altro novellame di sarda, contenuto in un secchio di plastica.

In entrambi i casi i pescatori sono stati denunciati in stato di libertà ed il novellame sequestrato, dopo i controlli dell’Asp, è stato donato ad istituti di carità.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *