D'Alì, concluse le indagini|Ecco le accuse al senatore - Live Sicilia

D’Alì, concluse le indagini|Ecco le accuse al senatore

Il provvedimento
di
12 Commenti Condividi

Un anno fa la richiesta di archiviazione, oggi il capovolgimento della posizione. Per il senatore Antonio D’Alì, ex sottosegretario all’Interno e adesso presidente della commissione Ambiente del Senato, la Dda di Palermo ha presentato un avviso di conclusione delle indagini e un faldone giudiziario di oltre 3 mila pagine. La decisione arriva dopo che il gip ha rigettato la richiesta di archiviazione nei confronti del politico del Pdl.

D’Alì è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Stando così le cose sembra che l’intenzione dei magistrati antimafia di Palermo, i pm Paolo Guido e Andrea Tarondo, sia quella di chiedere il rinvio a giudizio. Non c’è infatti pagina del faldone che non indichi vicende per le quali il senatore trapanese non sarebbe responsabile: secondo l’accusa, infatti, ci sono rapporti pericolosi, legami con soggetti mafiosi, vicende legate ad appalti e campagne elettorali. C’è la storia mai chiarita della compravendita fittizia di un terreno di Castelvetrano di proprietà della famiglia D’Alì: dopo la vendita sulla carta a soggetti prestanome di mafiosi, il denaro, secondo l’acquirente, il gioielliere castelvetranese Francesco Geraci, sarebbe stato restituito a rate alla cosca di Messina Denaro.

C’è la storia dei Messina Denaro, storici campieri della famiglia D’Alì anche nel periodo in cui sarebbe stata notoria la loro appartenenza alla mafia. Matteo, l’attuale latitante, risulterebbe sul libro paga dei D’Alì fino a ridosso dell’inizio della sua latitanza (giugno 1993), e fino ad allora veniva pagato, anche se più che dei terreni il boss rampante si interessava in quegli anni di delitti e stragi di mafia.

C’è poi il capitolo relativo ai lavori nel porto di Trapani. Cento milioni di euro spesi nel 2005 per attrezzare il porto ad ospitare la Coppa America. I risvolti li ha raccontati l’imprenditore Nino Birrittella, che dopo essere stato arrestato nel 2005 ha deciso di alzare il coperchio sulle commistioni tra mafia, politica e impresa. Ad essere stati sentiti negli ultimi mesi sono stati i collaboratori di giustizia Vincenzo Sinacori, Francesco Geraci, ex braccio destro del boss belicino Matteo Messina Denaro, e Francesco Campanella, ex presidente del consiglio comunale di Villabate.

Uno dei capitoli dell’inchiesta è poi dedicato al caso Fulvio Sodano. L’allora prefetto di Trapani ebbe uno scontro con D’Alì, all’epoca sottosegretario all’Interno, e il governo Berlusconi, invece di ringraziarlo per non avere lasciato in disuso i beni confiscati, per avere impedito il tentativo di Cosa nostra di riprendersi l’azienda Calcestruzzi Ericina sottratta al capomafia Vincenzo Virga, lo mandò ad Agrigento. Lontano da Trapani, su richiesta – secondo Sodano – dello stesso D’Alì.

Gli avvocati: “Nessuna novità”
“La documentazione relativa agli atti integrativi delle indagini depositata dalla Dda di Palermo non ha apportato rilevanti novità al quadro accusatorio per il quale la stessa Procura ha richiesto per ben due volte l’archiviazione”. Lo dicono i difensori del senatore Antonio d’Alì, Gino Bosco e Stefano Pellegrino, commentando l’avviso di conclusione di indagini notificato dalla Dda dopo che l’archiviazione è stata respinta dal gip Antonella Consiglio che ha chiesto ulteriori accertamenti. “L’intendimento – proseguono i legali – èquello di poter contribuire anche con proprie indagini difensive, come già accaduto in occasione della precedente udienza preliminare, al definitivo e sollecito chiarimento della posizione del senatore, al fine di dimostrare, in questa fase ancora puramente istruttoria, ogni estraneità dello stesso alle ipotesi di reato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Vergogna espulsi i politici dai Partiti e dal Governo.Questa gente non dovrebbe fare più politica,espulsi vergogna.Ma da chi siamo rappresentati??Fuori dalla politica.

    giovanni hai ragione

    @ rino giacalone: chiaro, preciso e pulito. bella notizia data benissimo

    Vergogna a voi che aggredite persone ingiustamente e perbene come il sen d’Ali

    Io da Palermitano manderei Cammarata a vedere quello che ha fatto onestamente il sen d ali per la sua città altro che appalti truccato . D ali non ha bisogno e non aveva bisogno di rubare . Ennesimo errore dalla magistratura .

    Lavori fatti dalla provincia di Trapani d non era sta Giulia Adamo la presidente altro che sto d ali ? Mah !

    giudici comunisti…il senatore non conosceva la caratura criminale dei messina denaro!! ha agito in buona fede

    Ma come si fa a ritenere persona perbene uno che ha a libro paga matteo messina denaro…..la sicilia va sempre piu in fondo per questi politici e per chi gli va dietro in maniera vergognosa……l unica cosa da dire nei confro.ti di un personaggio simile, ancor piu perche senatore, e’ dimissioni e galera subito….premetti che ho votato pdl…

    Corretto è scrivere “risulterebbe sul libro paga dei D’Alì fino a ridosso dell’inizio della sua latitanza (giugno 1993), e fino ad allora veniva pagato, anche se più che dei terreni il boss rampante si interessava in quegli anni di delitti e stragi di mafia”???
    Basta leggere attentamente la frase per capire come si insinui una correlazione tra il fatto che Messina Denaro fosse assunto per occuparsi dei terrreni dei D’Alì (quando ancora non era latitante) e il fatto che si scoprì successivamente che fosse implicato in delitti di mafia…

    La Procura ha avanzato due volte la richiesta di archiviazione, il GIP ha chiesto altrettante volte un supplemento di indagini. Ognuno avrà agito con scienza e coscienza: chi é nel giusto? Personalmente confido nel sereno ed attento giudizio della Magistratura. Conosco il Senatore Antonio d’Alì dal 1994 ed é il mio principale riferimento politico da circa cinque anni, ne seguo e apprezzo l’intensa attività politica, che valuto ripetutamente fruttuosa di risultati apprezzabili per il nostro territorio. In un momento in cui alcuni potrebbero preferire diverso atteggiamento, gli rinnovo la mia stima e gli auguro di potere dimostrare presto la sua completa estraneità ai fatti addebitatigli.

    si infatti 2 anni da presidente della provincia senza muovere una foglia e dopo aver portato l’amministrazione a lo sfracelo si dimette per candidarsi al senato piu politico di cosi…….SFIDO CHIUNQUE A PROVARE IL CONTRARIO firmato dipendente provinciale

    Certo che si leggono dei commenti assurdi.

    @Saro: chi ha aggredito chi?

    @Lucia: gli appalti truccati sono ancora da verificare, come fai a dire che non esistono? conosci la documentazione per caso?

    @Romano:in questa vicenda è importante il quadro complessivo della famiglia Messina Denaro inserita totalmente nelle attività dei D’Alì.

    @Paolo Ruggeri: esiste ancora gente che “apprezza l’intensa attività politica” di D’Alì, “che valuta ripetutamete fruttuosa di risultati”? O sei un parente o sei un suo amico. In alternativa dovresti preoccuparti per la tua salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.