Denuncia di un'associazione: |"Cuccioli uccisi a bastonate" - Live Sicilia

Denuncia di un’associazione: |”Cuccioli uccisi a bastonate”

A Catania nel quartiere Librino
di
2 Commenti Condividi

Cinque o sei cuccioli di cane, appena nati, sarebbero stati uccisi a bastonate da un gruppo di bambini del quartiere Librino di Catania, tra via Castagnola e il viale principale. L’episodio è stato denunciato dall’Aidaa (Associazione italiana difesa animali ed ambiente) attraverso una nota diramata alla stampa.

L’associazione sostiene di aver raccolto tre testimonianze secondo le quali non sarebbe la prima volta che si verificano nella stessa zona violenze nei confronti di animali. L’ente ha presentato un esposto alla procura della Repubblica e al tribunale dei Minori di Catania, “per fare in modo di fermare questa banda di teppisti composta da almeno una decina di giovanissimi, denunciati per il reato di maltrattamento ed uccisione di animali che, se riconosciuti colpevoli, possono essere condannati ad una pena detentiva fino a 18 mesi ed a una multa di 22.500 euro”.

Il presidente Lorenzo Croce ha dichiarato: “Da quanto siamo riusciti a capire questi piccoli delinquenti al mattino marinano la scuola e sfogano il loro istinto violento ammazzando a bastonate cuccioli di cane. Il nostro scopo è limitato alla tutela degli animali, ma forse sarebbe buona cosa che le autorità pubbliche intervenissero per porre fine a queste nefandezze salvaguardando i cani, ma riportino anche i bambini a scuola anche perché lasciarli in mezzo alla strada vuol dire dare una mano a chi vorrebbe poi trasformarli in delinquenti a tempo pieno”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Mi vergogno quando i miei corregionari si comportano incivilmente verso i più deboli e innocenti, in questo caso gli animali, forse perchè qui al nord il rispetto per gli animali è abbastanza sentito. Dove non arrivano i genitori, dovrebbe subentrare la scuola nell’insegnare un comportamente civile ai ragazzi. In Inghilterra nelle scuole (in tutte le scuole) si vedono cartelli che insegnano che “Il grado di civiltà di un popolo si misura da come tratta gli animali” Gandhi. Non vogliamo civilizzarci un po’anche noi?

    DAVANTI A TANTA CRUDELTA’PROVO SOLO ORRORE NON POSSO PENSARE CHE DEGLI ESSERI INERMI SIANO STATI MASSACRATI “PER DIVERTIRSI UN PO'”MA I GENITORI DI QUESTI ASPIRANTI DELINQUENTI DOVE SONO E COSA INSEGNANO AI LORO FIGLI? MI AUGURO CHE VENGANO PUNITI CON LA MASSIMA SEVERITA’ANZI PROPONGO UNA PENA SUPPLEMENTARE:PRENDERSI CURA “TUTTI I GIORNI” PER ALMENO UN ANNO DEI CANI RANDAGI OSPITI DEI CANILI. CHISSA’ CHE NON IMPARINO A VIVERE E A LASCIAR VIVERE!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *