Elezioni a Tortorici e Partinico sciolti per mafia, voto anche a Misiliscemi

Elezioni a Tortorici e Partinico sciolti per mafia, voto anche a Misiliscemi

Le urne saranno aperte domenica prossima
ELEZIONI
di
0 Commenti Condividi

Dopo tre anni e mezzo di commissariamento, tra cui due per infiltrazioni mafiose, Partinico (Pa) si prepara al voto per eleggere sindaco e Consiglio. Le urne saranno aperte domenica prossima, come in
altri due comuni in Sicilia: Tortorici (Me), anche qui organismi sciolti per mafia, e Misiliscemi (Tp), municipio sorto due anni fa grazie a una legge approvata dall’Assemblea siciliana.

Eventuale turno di ballottaggio

A Partinico (31.401 abitanti) si voterà con il sistema proporzionale; a Tortorici (6.732 abitanti) e Misiliscemi (6.930 abitanti), si applicherà il sistema maggioritario. L’eventuale turno di ballottaggio, che riguarderebbe solo del palermitano, è previsto per domenica 27 novembre.

Chi sono i candidati a Partinico


Tre i candidati che si sfidano a Partinico, col centrodestra spaccato: Bartolomeo Parrino per il centrosinistra sostenuto da due liste civiche dove sono confluiti candidati di M5s, Pd, Verdi, ArticoloUno e Prc; l’autonomista Pietro Rao con tre liste civiche appoggiate da Fi e Dc nuova; Toti Longo supportato da FdI e due civiche. In totale 10 liste e 231 candidati al Consiglio comunale.

Competizione a tre anche a Tortorici


Anche a Tortorici la competizione è a tre: Carmelo Rizzo Nervo, già sindaco per quattro mandati (dal 1995 al 2004 e dal 2009 al 2019) con la lista “Victoria Civitas” appoggiata da pezzi del Pd; Maurilio Foti, sindaco dal 2004 al 2009, con la lista “Tortorici terzo millennio”; Franco Franchina con la lista
“Liberiamo acqua Sollazzo”.

In corsa a Misiliscemi: Tallarita e Peralta


Competizione a due invece a Misiliscemi, comune che raggruppa le ex frazioni (staccatesi dalla città di Trapani) di Salinagrande, Marausa, Rilievo, Fontanasalsa, Guarrato, Locogrande, Palma, Pietretagliate e Birgi. Il voto arriva poche settimane dopo l’alluvione che ha provocato danni quantificati in circa 15 milioni di euro. In corsa Salvatore Tallarita, promotore del comitato per l’autonomia amministrativa, con la lista “Progetto Comune”, e Giuseppe Peralta, ex consigliere comunale a Trapani dell’allora Pds, con la lista “Misiliscemi Insieme”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *