Erano in fuga col bottino| Arrestati tre borseggiatori - Live Sicilia

Erano in fuga col bottino| Arrestati tre borseggiatori

Ad arrestare la banda un carabiniere libero dal servizio.

PALERMO
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Sono stati colti in flagranza, proprio mentre dividevano il bottino degli ultimi borseggi. Sono finiti in manette tre borseggiatori sorpresi da un carabiniere libero dal servizio, alla stazione centrale. Un brigadiere del nucleo Radiomobile ha fatto finire in trappola Giuseppe Landolina, 41 anni, Giovanni Russo, 41 anni, e Francesco Salsiccia di 63.

In base a quanto accertato, la dinamica per mettere a segno i colpi sull’autobus, sarebbe sempre stata la stessa: uno blocca la fila davanti all’obliteratrice, il secondo spinge i passeggeri in fila per salire a bordo e creare confusione mentre il terzo si occupa di puntare la vittima ed entrare in azione. Il brigadiere ha riconosciuto i tre mentre si avvicinavano ad un mezzo della linea 246.

Distanti qualche metro l’uno dall’altro, dopo essersi lanciati degli sguardi d’intesa si sono avvicinati contemporaneamente alla porta anteriore dell’autobus. A quel punto il carabiniere li ha seguiti mentre si allontanavano per poi salire su un altro autobus per dividersi il denaro. Il brigadiere ha così mostrato il distintivo e chiamato al 112 per chiedere l’invio di qualche pattuglia. I tre portati in caserma sono stati arrestati con l’accusa di furto con destrezza e sottoposti subito dopo ai domiciliari. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    DOMICILIARI??????. l’OTTIMO LAVORO ESEGUITO DAI CARABINIERI E’ ANDATO DEL TUTTO PERSO!.

    Complimenti al carabiniere! Vergogna per i ladri, uno addirittura ha 63 anni, non ha messo nemmeno un poco di giudizio con l’età.

    PUBBLICATE LE FOTO DEI LADRONI SUGLI AUTOBUS.

    Vi meravigliate per i domiciliari?
    Aspettate altre 24 ore e vedrete gli arresti domiciliari revocati ed i tre farabutti in giro, a riprendere la loro attività delinquenziale.
    Le Forze dell’Ordine rischiano la vita per arrestare i criminali, i magistrati li rimettono subito in libertà ed i farabutti ridono in faccia sia alle Forze dell’Ordine che ai cittadini onesti.
    Viva la repubblica delle banane.

    come sempre

    BRAVO MANDORLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *