Forestali, sì alla delibera - Live Sicilia

Forestali, sì alla delibera

Palazzo d'Orleans

Approvato il testo con il quale si iscrivono le somme per i lavoratori forestali, previsti dalla delibera Cipe dello scorso 6 novembre.

Palazzo d'Orleans
di
11 Commenti Condividi

PALERMO– Su proposta dell’assessore all’Agricoltura Antonello Cracolici, la giunta regionale ha approvato il testo con il quale si iscrivono le somme per i lavoratori forestali, previsti dalla delibera Cipe dello scorso 6 novembre. Lo rende noto il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta. Presupposto indispensabile è ora la sottoscrizione da parte del Mef e della Presidenza del consiglio della avvenuta deliberazione Cipe. “Con tale deliberazione – sostengono Crocetta e Cracolici – rendiamo possibile l’avvio per 50 milioni di euro di interventi sull’intero territorio siciliano, finalizzati a prevenire i fenomeni di dissesto possibili con l’approssimarsi della stagione invernale e intervenire immediatamente in aree critiche, dove si sono manifestati gravi fenomeni di dissesto del territorio”.

“Si tratta di un impegno ad anticipare le risorse”, scrivono in una nota i segretari generali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil, Salvatore Tripi, Fabrizio Colonna e Gaetano Pensabene, “legato alla definizione del percorso della delibera”. Tant’è che i sindacati parlano di “risultato parziale” e mantengono la mobilitazione della categoria, con presidi territoriali e la vigilanza continua sull’iter del provvedimento. “Ci riterremo soddisfatti – puntualizzano i tre sindacalisti – solo quando i forestali torneranno al lavoro”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Anche questa volta il fragore della piazza ha dato i suoi frutti!
    Pagare i forestali solo per perpetrare questo ammorizzatore sociale e continuare con i doppi o tripli lavori (in nero) di questi sia nel periodo di lavoro che di erogazione della disoccupazione , è l’unica cosa di cui sinora sono stati capaci i ben pagati dirigenti e i plus pagati dirigenti generali e assessori.
    manca la progettualità che significa progetti di risamento e bonifica effettivi, con misurazione finale dei risultati, senza i quali tutto diventa un furto a danno della collettività!
    W la rivoluzione!

    Ah ma perchè lavorano pure??? Qualcuno mi deve spiegare a cosa serve il servizio antincendio il 18 Novemre. Non sarebbe meglio usare quei soldi, che so, per le strade?

    BASTA FORAGGIARE I FORESTALI, CHE VANNO A LAVORARE !!!!!!! LA SICILIA DEVE INVESTIRE RISORSE IN C/ CAPITALE CREARE SVILUPPO FUTURO PER I GIOVANI.

    Servono solo a completare le giornate, a prescindere del risultato.

    E tutti sono quasi felici e contenti, poi l’indomani magari si cambia parere, e di nuovo minacce di scioperi. Egregio Assessore per i Consorzi di Bonifica magari tra una delega e un altra tiriamo a campare, anche se in Sicilia ci sono Persone Umane che per assicurare il sevizio Irriguo nelle zone del Belìcino, mettono a disposizione il proprio mezzo con la benzina di tasca propria e siamo ARRIVATI AL IV° MESE SENZA VEDERE STIPENDIO, dimenticavo che l’agricoltura fatta di cifre come leggasi in varie testate giornalistiche di un comparto in Sicilia che tira tanto in positivo fatto, coadiuvato, assistito e aiutato in qualunque Modo dai Consorzi di Bonifica ma siamo sempre dimenticati e derisi in maniera VERGOGNOSA .

    Si continuano a togliere soldi ai settori produttivi per finanziare sprechi… vergognatevi!

    “Ammuccammu”.Come volevasi dimostrare.Questa dei forestali è una piaga che ci porteremo sulle spalle tutta la vita.Altro che ripresa speranza e futuro.SEMU PERSI.

    i lavori forestali vanno fatti e bene, tutti gridiamo per frane e altri disastri . L’alternativa ai lavori in amministrazione diretta coi forestali delle liste con garanzia occupazionale ( quelli che tutti i lettori vogliono eliminare) è l’appalto all’esterno a ditte coi loro operai e loro mezzi. E’ una scelta , se si vuol fare, bene!
    ma anche per gli appalti ci vogliono i soldi! altrochè

    Ma non mi sembra che tra frane che fanno crollare ponti ed acquedotti questi lavori forestali siano mai stati fatti bene e perciò sull’impiego di queste 25.000 persone,ci sarebbero un bel pò di cose da dire…

    I pollici verso mi spiegano che vogliono dire? Che si può fare a meno dei lavori di manutenzione de territorio?

    L’Assessore Cracolici insieme a Crocetta dovevano mandare a casa i forestali, questi sono fannulloni, invece ancora una volta li hanno salvati, questa è gente che vive alle spalle dei cittadini ed hanno un doppio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.