"Gianfranco, stai con noi" - Live Sicilia

“Gianfranco, stai con noi”

L'appello di Castiglione a Miccichè
di
3 Commenti Condividi

Prove tecniche di futuro? Sentite un po’. ”In Sicilia il Pdl è più unito di quanto lo si voglia fare apparire”. Lo ha affermato il co-coordinatore del Pdl in Sicilia, Giuseppe Castiglione, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine di un’audizione della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, svoltasi a Catania.

Ma c’è di più, quasi un appello al figliol prodigo. ”Con il Pdl Sicilia – ha aggiunto Castiglione – c’è la considerazione che nel futuro certamente Gianfranco Miccichè troverà molto più fertile e proficuo il suo rapporto con il Pdl piuttosto che cercare strane alleanze con l’Mpa di Lombardo”.

E su Lombardo, Castiglione è stato chiarissimo: ”Non mi pare vi siano le premesse per un governo siciliano autorevole per dare risposte ai cittadini. Noi stiamo lavorando al dopo Lombardo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    certo che Castiglione che dice a Miccichè stai con noi, ricorda una trama scritta da Ionescu. Pensa se Miccichè avesse lasciato fuori dalla porta Castiglione e ancor più il di lui suocero Firrarello, a navigar nell’incerto mare dell’Udeur, magari invogliandolo verso casa Cuffaro, oggi di Castiglione non se ne avrebbe più memoria e non credo che la cosa avrebbe provocato chissà quali e quanti traumi. Invece a Miccichè tocca riflettere su questi inviti. Però una cosa vorrei sentirmi dire da Castiglione:a quale dopo Lombardo lavora? chi dovrebbe raccogliere questa pesante eredità con in più la riunificazione del partito? quale spazio troverebbe Miccichè tra le sue spalle e i muri sui quali appoggiare le stesse, onde evitare i già pronti pugnali di questa corte di vavvassini? E infine con quale autorevolezza Castiglione prende parola nel dibattito politico siciliano, dal momento che il suo ruolo di coordinatore forse lo riconosce solo lui stesso e i suoi mentori Alfano e Schifani più volte hanno lasciato intendere che dilui ne fanno a meno volentieri?

    Al dopo Lombardo ci stanno lavorando tutti i partiti.
    Ormai il Governo Lombardo è al capo linea.
    Signori a Novembre si scende, avanti il prossimo.
    Un cordiale saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.