"Il suo archivio dati è illegittimo" | Gioacchino Genchi a giudizio - Live Sicilia

“Il suo archivio dati è illegittimo” | Gioacchino Genchi a giudizio

Gioacchino Genchi

Il funzionario di Polizia, oggi avvocato, uno dei più gettonati consulenti delle Procure di mezza Italia è stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio. La difesa: "Nessuno ha mai chiesto la restituzione dei dati". L'archivio di Genchi è sotto sequestro.

2 Commenti Condividi

PALERMO – Dopo la condanna subita a Roma, nuova grana giudiziaria per Gioacchino Genchi. Nella Capitale è stata ritenuto colpevole di avere acquisito tabulati telefonici di parlamentari senza l’autorizzazione delle Camere, in Sicilia dovrà difendersi per avere detenuto l’archivio informatico finito sotto sequestro nel giugno dell’anno scorso.

Il funzionario di Polizia, oggi avvocato, uno dei più gettonati consulenti delle procure di mezza Italia è stato rinviato a giudizio per abuso d’ufficio e detenzione di materiale informatico attinente alla violazione della privacy. La decisione  è del giudice per l’udienza preliminare Maria Pino che ha accolto la richiesta dei pubblici ministeri Claudia Ferrari e Gaetano Guardì. Il processo inizierà il 2 febbraio prossimo.

Nel suo archivio informatico ci sono anche quei dati che gli sono costati la condanna a un anno e tre mesi, a Roma, nel processo Why Not, assieme al sindaco di Napoli ed ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris.

Secondo i magistrati palermitani, Genchi avrebbe dovuto restituire il materiale alla Procura calabrese che si era avvalsa della sua consulenza. Ed, invece, avrebbe finito per ingrossare il mega archivio del consulente. Un archivio servito al poliziotto per scrivere il libro “Il caso Genchi” da cui è scaturita l’indagine che gli ora è costata ora il rinvio a giudizio. Nel volume, infatti, c’erano dei dati personali del magistrato calabrese Alberto Cisterna, parte civile nel processo che si aprirà a febbraio con l’assistenza dell’avvocato Monica Genovese.

L’imputato, assistito dagli avvocati Fabio Repici e Massimo Motisi, ha sempre sostenuto la legittimità del mantenimento dei dati, sia perché fornivano uno strumento investigativo insostituibile utile per incrociare dati in tempo reale, sia perché le procure che si erano avvalse delle preziose consulenze di Genchi non avevano mai chiesto la restituzione dei dati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Le procure pagano e Genghi si fa un archivio personale. Non solo, ora l’avvocato dice, oltre al resto, che quei dati gli servivano per fare possibili incroci in tempo reale. Ma per conto di chi faceva quegl’incroci ? A che titolo, insomma? Senza un mandato specifico, quel reticolo di notizie era un prodotto illegale.

    E’ stato gravissimo averglielo permesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *