Giovane violentato con un compressore - Live Sicilia

Giovane violentato con un compressore

A Troina, nell'Ennese
di
1 Commenti Condividi

Uno scherzo terribile come “punizione” nei confronti di un ragazzo che si era ribellato alle continue angherie che subiva: tre giovani hanno infilato il tubo di un compressore nell’ano della loro vittima aprendo l’aria a forte pressione che gli ha distrutto parte dell’intestino. E’ accaduto a Troina, un paese dell’ennese. I protagonisti della vicenda, tutti di età compresa tra i 20 e i 30 anni, sono stati denunciati per lesioni gravissime dai genitori del giovane, conosciuto in paese come una persona mite.

La notizia confermata oggi dai carabinieri era apparsa diversi giorni fa sul web su “Silvmary’s blog” in cui si diceva che “nel paese tutti sapevano della vicenda ma nessuno aveva fatto nulla”. Il ragazzo, che ha 22 anni, da mesi era preso di mira dal “branco” con scherzi e burle. Quando, stanco delle continue angherie, si è ribellato i tre lo avrebbero rinchiuso all”interno dell’officina in cui lavora violentandolo con l’ aria compressa. Saranno ora le perizie medico legali a stabilire l’entità delle lesioni provocate dai tre indagati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Perchè non è pubblicata in prima pagina questa notizia? Perchè ci continuiamo a scervellare sulle fantomatiche imprese di quattro politicanti che giocano a risiko con fior di stipendi, fottendosene della gente ? Perchè non si fanno le fiaccolate contro la barbaria e la violenza della nostra società?
    Il procuratore che dovrà perseguire i colpevoli speriamo sia attento e determinato così come lo sono quando perseguono nani e ballerine e personaggi eccellenti.
    Il giornalista che ha raccolto la notizia, pubblichi le foto di questi animali, tanto che la gente che li incontrerà per strada li possa scansare ed emarginare.
    Sia chiesto alle famiglie di dissociarsi dai loro comportamenti pubblicamente e chiedere perdono ai familiari di quel ragazzo ed al ragazzo stesso.
    Basta con la violenza, la quale, ancorchè comune genera solo la sua replica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.