Hotel delle Palme, riapertura| in cambio dei licenziamenti - Live Sicilia

Hotel delle Palme, riapertura| in cambio dei licenziamenti

Vertice in Prefettura per la vertenza, Acqua Marcia detta le condizioni tra cui licenziamenti e stagionalizzazioni.

i sindacati: "serve un referendum"
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Aria di tempesta per i dipendenti del gruppo Acqua Marcia che a Palermo gestisce Villa Igiea, l’Excelsior Hilton e l’Hotel delle Palme, con quest’ultimo destinato alla chiusura. L’azienda ha già presentato un piano lacrime e sangue che prevede sacrifici ingenti per i lavoratori di tutte le strutture e oggi si è tenuto un vertice in Prefettura.

Il gruppo romano ha infatti aperto alla possibilità che l’Hotel delle Palme non chiuda, ma a precise condizioni: la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo indeterminato a tempo determinato (otto mesi l’anno) o da full-time a part-time verticale sempre per otto mesi l’anno per i dipendenti di Villa Igiea; l’esternalizzazione dei servizi ai piani, camere, mini bar e lavanderia e il licenziamento di trenta dipendenti , dislocati in tutti gli alberghi, di cui i 15 lavoratori della ristorazione dell’Hotel delle Palme.

“Avevamo già rappresentato la nostra posizione nel corso degli incontri precedenti – dice Mimma Calabrò della Cisl – non sono pensabili accordi che prevedano i licenziamenti, la trasformazione dei rapporti di lavoro da full time a part time o, ancora peggio, da tempo indeterminato alla stagionalità, perchè pesantissime sarebbero le ricadute sugli aspetti retributivi e contributivi dei dipendenti. Necessita intraprendere percorsi alternativi alle proposte aziendali che possano al meglio tutelare i livelli occupazionali coinvolti”.

“La prossima settimana convocheremo i lavoratori in un’assemblea per discutere sulla vertenza Acqua Marcia – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia – la società ha paventato lo spettro del fallimento e misure drastiche se entro metà febbraio non troveremo un accordo e non riuscirà a ottenere un minimo di utile. È positivo che l’Hotel delle Palme resti aperto ma bisogna lavorare per trovare soluzioni che garantiscano il futuro di tutti i lavoratori evitando la chiusura delle strutture. Ogni decisione passerà attraverso il referendum dei lavoratori, ma è chiaro che ci batteremo per diminuire il numero di esuberi e trovare soluzioni alternative coinvolgendo i lavoratori prossimi alla pensione, trasformare la mobilità in cassa, garantire i lavoratori assicurando redditi congrui e il ritorno al tempo pieno se l’azienda recupererà redditività. Chiediamo garanzie su ogni punto del piano – conclude Flauto – stando ben attenti al rischio paventato oggi in prefettura, quello cioè della chiusura totale delle strutture e del fallimento”.

Il termine è il 14 febbraio, altrimenti scatterà il licenziamento per 135 dipendenti.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Perchè Acquamarcia non fa come Almaviva? o mi date canone d’affitto (e restauro) gratuito per tutti gli edifici in cui lavoriamo altrimenti licenzio tutti.

    Perché pagano l affitto? Non sono proprietari? Non hanno i soldi per affrontare il restauro ? Il mancato restauro è causa del calo di fatturato? Beh in questo caso qualunque accordo sindacale sarà inutile tra qualche mese si ritroveranno intorno ad un tavolo a discutere di chiusura….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *