Incendio "d'onore" a Palermo - Live Sicilia

Incendio “d’onore” a Palermo

Svelato il retroscena del rogo in condominio di via Danimarca
di
0 Commenti Condividi

Un uomo a torso nudo fugge via da un condominio mentre un’auto esplode e altre tre bruciano. Sono le immagini catturate dalle telecamere di videosorveglianza di un condominio in via Danimarca, a Palermo, lo scorso 26 settembre. Sull’episodio hanno fatto luce gli agenti del commissariato “Mondello” che hanno notificato la misura cautelare dell’obbligo di dimora a Palermo a D.B.G., 19 anni. Secondo la ricostruzione dei poliziotti il giovane avrebbe “vendicato” la sorella.

La stessa sera, infatti, un uomo ha raccontato di aver avuto una lite con la propria fidanzata, denunciando anche un’aggressione fisica. La donna avrebbe annunciato all’uomo la prossima “vendetta” del fratello a cui avrebbe raccontato della lite. La stessa sera, affacciatosi al balcone dopo aver sentito un boato, l’uomo ha visto la sua Alfa Romeo data alle fiamme, che coinvolgevano altre vetture nel parcheggio del condomionio, e un uomo a torso nudo allontanarsi a grande velocità.

Secondo le immagini registrate, infatti, il ragazzo avrebbe prima scavalcato insieme a un complice, dando un’occhiata al parcheggio, probabilmente per individuare l’auto. Dopo alcuni minuti, aspettando che qualcuno uscisse dal cancello, ha bloccato la fotocellula del cancello con un giubotto e dentro, dopo aver versato la benzina sull’auto, gli ha dato fuoco con un accendino. Le fiamme sono divampate immediatamente al punto da investire lo stesso giovane a cui si bruciava la maglietta. Gli agenti hanno mostrato il video ai condomini e, così, l’incendio “d’onore” è stato scoperto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *