Travolge e uccide un uomo | Caccia al pirata della strada - Live Sicilia

Travolge e uccide un uomo | Caccia al pirata della strada

(Foto d'archivio)

Era su uno scooter quando è stato investito. Chi è la vittima. Altro incidente mortale sulla 113.

PALERMO
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Tragedia della strada stamattina in viale Regione Siciliana, nel tratto compreso tra il Bingo Las Vegas e il Lidl. Un uomo, Francesco Di Miceli, è stato travolto da un’auto mentre si trovava sul suo scooter: l’automobilista non si è fermato a prestare soccorso e si è dato alla fuga.

Quando è stato lanciato l’allarme sul posto sono arrivati i sanitari del 118, ai quali non è rimasto che accertare il decesso dell’uomo. Lo scontro si è verificato sulla carreggiata della circonvallazione di Palermo in direzione dell’autostrada A19, dove sono giunti anche gli uomini dell’Infortunistica della polizia municipale. Il pirata della strada sarebbe stato alla guida di un’auto scura.

I rilievi sul luogo dello schianto sono ancora in corso, al vaglio ci sono le immagini delle telecamere della zona, da cui potrebbero emergere importanti elementi per rintracciare il pirata della strada. Nella zona si sono registrati forti rallentamenti al traffico in direzione della Palermo-Catania.

In tarda mattinata si è verificato un secondo incidente mortale: a perdere la vita sulla strada statale 113, nei pressi della stazione ferroviaria di Finale di Pollina, in provincia di Palermo, è stato un altro motociclista, Vincenzo Strano, palermitano di 41 anni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i rilievi per ricostruire l’esatta dinamica dello schianto sono in corso.

Tre croci sull’asfalto in pochi giorni a Palermo e provincia: giovedì a perdere la vita nella centralissima via Libertà è stato Giovanni Testaverde, muratore delle zona del Borgo  Vecchio. E’ stato travolto da un autobus della linea 101 sulla carreggiata in direzione dello stadio. Anche in questo caso, all’arrivo del 118, per l’uomo non c’è stato nulla da fare.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Il fatto che molto, molto spesso, a Palermo la gente fugga anziché fermarsi senza curarsi del fatto che un aiuto immediato potrebbe salvare la vita della persona vittima dell’incidente, la dice lunga sul tipo di cultura largamente diffusa da noi. Putroppo siamo anni luce da una società civile.

    Non è possibile continuare così

    Sono vite umane non birilli

    Caccia continua!
    Speriamo che riescano a prenderlo

    Perché le siepi di via Libertà sono così alte da togliere la visuale a chi attraversa e a chi guida un mezzo?
    I pedoni che attraversano, anche sulle strisce pedonali, devono allungare il collo come una giraffa per vedere se arriva qualcuno, mentre chi guida un’auto o un bus non può vedere in tempo chi sbuca dalle siepi altissime.
    Se le potassero correttamente, si vedrebbero i pedoni e il povero signore di via Libertà, forse, non sarebbe stato investito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *