Indennità non dovute ai dipendenti| Palermo, assessori pagano i danni - Live Sicilia

Indennità non dovute ai dipendenti| Palermo, assessori pagano i danni

Palazzo delle Aquile

Respingono l'accusa di danno erariale, ma chiudono la faccenda

Palazzo delle Aquile
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Respingono l’accusa di avere provocato un danno erariale alle casse del Comune, ma chiudono la partita giudiziaria pagando poco più di sei mila euro ciascuno.

A sborsarli sono Sergio Pollicita, dirigente dell’ufficio sviluppo organizzativo del Comune di Palermo, l’assessore Giusto Catania, gli ex componenti della giunta Agnese Ciulla e Barbara Evola, il segretario generale Fabrizio Dall’Acqua. Erano stati citati in giudizio assieme al sindaco Leoluca Orlando, Cesare Lapiana, Giuseppe Barbera, Agata Bazzi, Francesco Giambrone, Rosa Vicari, Antonino Maraventano, Fulvio Coticchio e Francesco Vetrano.

Il danno complessivo contestato ammonterebbe a 290 mila euro e riguarda il pagamento ad alcuni dipendenti della “indennità di video terminale”. Il pagamento fu deliberato dalla giunta comunale nel 2013. Secondo la Procura regionale della Corte dei Conti, il pagamento sarebbe “contrario al principio di tassatività e tipicità dei compensi a carattere indennitario erogabili ai dipendenti pubblici in aggiunta”. Insomma, i soldi non dovevano essere pagati. I cinque che hanno scelto di chiudere la faccenda avevano chiesto il giudizio abbreviato. Per tutti gli altri il giudizio prosegue.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    In questi anni hanno tentato di far pagare ai dipendenti errori fatti da altri. Finalmente la PROCURA sta facendo chiarezza su molti aspetti. I dipendenti prendono stipendi da fame e differenza dei dirigenti, troppa la differenza.

    LA CORTE DEI CONTI MENO MALE CHE ESISTA PER COLPIRE GLI ABUSI AI DANNI ALL’ERARIO.
    MA DOVREBBE ANCHE E MAGGIORMENTE COLPIRE LA FURBATA DI NON RICHIEDERE I RIMBORSI DELLE INDENNITÀ VIDEOTERMINALI ILLEGITTIMAMENTE PERCEPITE DAI DIPENDENTI COMUNALI GRAVANDOLI INVECE SUL FONDO EFFICIENZA E SERVIZI.
    QUI LA CORTE DEI CONTI DEVE ADESSO INTERVENIRE!!!!!!!!!!!!

    Ogni tanto una bella notizia! Pagare e sorridere, ancora siamo a niente. Il bello deve venire cosi’ si vedrà come avete governato!

    devono pagare anche i sindacati che hanno con la loro firma permesso l’erogazione delle some ma anche i dirigenti che li hanno certificati illeggittimamente ai dipendenti e ancor peggio ai part time che non raggiungevano le ore necesarie per la certificazione delle indennità . QUESTO E UN DANNO ERARIALE BELLO E BUONO SIG. SINDACO ORLANDO E SIG RAGIONIERE BASILE O FATE FINTA DI NON SAPERE????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *