"La Roma sarà arrabbiata per il derby| Rimpianti con i rosa? La Champions" - Live Sicilia

“La Roma sarà arrabbiata per il derby| Rimpianti con i rosa? La Champions”

walter sabatini a livesicilia
di
1 Commenti Condividi

E’ lui il grande ex della partita di domenica. Walter Sabatini Roma-Palermo la vivrà in maniera intensa, non solo perché dopo il k.o nel derby i giallorossi hanno urgentemente bisogno di una vittoria, ma perché di fronte c’è quel Palermo che lui ha sognato di far diventare grande, riuscendoci a metà.

“Ovviamente vivo questa vigilia di partita con tanta preoccupazione. Nei confronti del Palermo nutro precisi sentimenti che mi legano tanto ad alcuni giocatori che ho avuto nella mia parentesi in rosanero – dice il ds della Roma a Livesicilia – stimo dal punto di vista calcistico e umano tanti calciatori del Palermo. La Roma comunque in campo sarà molto arrabbiata, abbiamo giocato nel derby al pari della Lazio e alla fine abbiamo perso ad una manciata di secondi dalla fine. Il Palermo invece ha perso meritatamente a San Siro, ma il k.o dei rosa è più uno scivolone nervoso e comunque ci può anche stare visto che giochi a Milano contro i campioni d’Italia”.

Il rapporto tra Sabatini e Zamparini è sempre idilliaco, nessun contrasto: “Con il presidente conserviamo un rapporto di stima reciproca. Lui quando interviene è per aggiustare le cose, per dare una carica in più, ma credo che per adesso non ce ne sia bisogno, visto che la squadra sta facendo davvero molto bene”. Sabatini conserva tanti bei ricordi della gestione rosanero: “Le vittorie contro le grandi squadre le porterò sempre con me – aggiunge il ds – l’unico rimpianto è di non aver potuto regalare ai palermitani la Champions League”.

Oggi per il Palermo seduta d’allenamento mattutina. Devis Mangia sembra orientato a schierare il 4-3-2-1, con due trequartisti come Ilicic e Zahavi alle spalle dell’unico terminale offensivo che dovrebbe essere Mauricio Pinilla. In sala stampa è invece andato il greco Tzorvas: “Milan? Tutte le partite in Italia sono molto difficili. La cosa più importante è comunque provare a ottenere un risultato positivo contro qualsiasi avversario, anche se non è sempre possibile, ovviamente. Quando capita di perdere contro un avversario cosi importante, bisogna correggere gli errori e andare avanti”.

Tzorvas prova a fornire una ricetta per battere la Roma: “Totti è il leader della squadra, il capitano. Noi dobbiamo giocare con grande attenzione, essere bravi nella fase difensiva e di cercare di sfruttare le occasioni che ci potranno capitare nel corso del match. Possibili miglioramenti? E’ normale che ci siano degli aspetti da migliorare. Io ho 29 anni è non ho sicuramente lo stesso tempo a disposizione per migliorare di quello che avrebbe un giovane portiere. Tuttavia sono fiducioso. In Grecia la scuola dei portieri è diversa da quella italiana e io farò di tutto per modificare i miei piccoli errori e migliorare le mie prestazioni”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Grande Sabatini, l’unico che sia riuscito a piantare in asso come un citrullo il friulano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.