Ladro d'auto torna sul luogo del delitto: arrestato - Live Sicilia

Ladro d’auto torna sul luogo del delitto: arrestato

L'uomo ha agito in un parcheggio di San Giovanni la Punta, ma ha trovato i Carabinieri ad attenderlo
IL FURTO
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – Ruba un’auto, ma dopo un po’ torna nel parcheggio in cui si è svolto il furto: per questo i Carabinieri della Stazione di San Giovanni La Punta sono riusciti ad arrestare un 24enne di Misterbianco, ritenuto responsabile di furto aggravato.

Il furto in video

Il tutto è accaduto nel pomeriggio di ieri presso il parcheggio di un noto centro commerciale puntese, quando il servizio di vigilanza ha avvertito telefonicamente i militari della locale Stazione del furto di una Jeep Renegade.

I militari sono intervenuti immediatamente concentrandosi sulla disamina dei filmati del sistema di videosorveglianza, riuscendo, a individuare il ladro di autovetture. Dopo essere giunto a bordo di una Ford Fiesta portando uno zainetto sulla spalla con all’interno i “ferri del mestiere”, l’uomo ha adocchiato la sua preda di colore blu. Dopo aver disattivato il sistema d’allarme e aver aperto il cofano per agire sulla centralina, il ladro si è allontanato con nonchalance sulla “sua” nuova autovettura.

La trappola

Gli immediati accertamenti dei militari hanno però fatto scattare la trappola per il 24enne che, dopo quasi due ore, è ritornato in quel parcheggio a bordo di uno scooter guidato da un amico.

Il giovane, riconosciuto per le sue fattezze e per il fatto di indossare gli stessi indumenti utilizzati durante il furto, è stato acciuffato dai militari che lo aspettavano nei pressi della Fiesta, sicuri che sarebbe ritornato per riprendere l’autovettura con la quale era prima arrivato. Il giovane è stato posto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Finchè questi delinquenti saranno posti ai domiciliari sarà sempre più dura per i cittadini onesti potere vivere tranquillamente.Ci vuole il carcere,e tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *