Lavoro e figli di boss | Scoppia la polemica - Live Sicilia

Lavoro e figli di boss | Scoppia la polemica

L'altra Bontade a Sicilia e- servizi?
di
46 Commenti Condividi

In una terra agra, scarsa di opportunità, ma ricca di laureati mendicanti (come da fotomontaggio), il lavoro è un tema sensibile e scottante. La polemica oggi scoppia dopo un comunicato stampa del deputato Pd, Davide Faraone. “Ho scoperto –  dice Faraone – che ‘Sicilia e-Servizi S.p.A.”, la società di servizio per la Regione Siciliana, protesi clientelare dell’Udc di Cuffaro e Romano, oggi Pid, ha come dipendenti, assunti rigorosamente senza concorso, la figlia del famoso boss Giovanni Bontate e suo marito. La figlia in questione è sorella dell’altra Bontate junior, finita nelle cronache palermitane dopo un servizio di Stefania Petyx, perché impegnata in un’associazione, guarda caso sempre vicina ai cuffaro-romaniani, che gestisce i beni confiscati alla mafia”.

Mi pare che, dopo le polemiche dei giorni scorsi, e dopo le parole importanti di Roberta riportate oggi da un quotidiano – conclude Faraone – ci sia comunque un tema politico-sociale che non si può eludere: il reinserimento e il recupero ai valori della legalità e della giustizia di soggetti che provengono da ambienti difficili significa, come sembra essere per le due assunzioni a Sicilia e Servizi, consentirgli una corsia preferenziale occupazionale?”. Una presa di posizione con un’accusa precisa che provoca reazioni fumantine.

La replica
“Faraone è solo un mascalzone: mi tira in ballo in una vicenda di lavoro
che dovrebbe riguardare esclusivamente l’azienda e il lavoratore”. Lo dice Saverio Romano, coordinatore nazionale Popolari di Italia domani, rispondendo a Faraone. “Spero che la signora Bontade – aggiunge – che ha avuto la disgrazia di assistere, a soli sedici anni, all’omicidio dei propri genitori non debba per questa sua grave colpa essere ancora una volta offesa da altri mascalzoni. Per quanto mi riguarda darò mandato ai miei legali affinché procedano nei confronti di Faraone”. Dal suo canto, Faraone ha sfidato Romano a un confronto pubblico in tv.

Livesicilia ha chiesto notizie alla società. Nessuna replica ufficiale al momento. Fonti interne affermano, però,  che la figlia di Bontate è stata una collaboratrice a tempo determinato alla quale recentemente, e precedentemente alle polemiche di queste ore, non è stata rinovvata collaborazione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

46 Commenti Condividi

Commenti

    In questa societa’ non c’è possibilita’ di inserimento per le persone oneste e di indubbia correttezza ;
    ancora una volta assistiamo a discriminazioni sociali che ci fanno capire che se sei mafioso e/o disonesto sei rispettato e riverito;
    ancora una volta il cuffarismo viene fuori in tutte le sue forme anche le piu’ inimmaginabili;
    e ancora figli ,nipoti, cognati, figli dei figli ,ecc.,ecc., non conoscono quello che significa “essere disoccupato ” anzi hanno corsie preferenziali per posti addirittura di nel sistema regionale ;
    bravi, bravi , bravi veramente ai nostri politici del ca…. e poi ci vengono a chiedere i voti, ma valli a prendere dal mafioso di turno!!!!!!!!! cogl……

    Se l’on faraone e’ sicuro di cio’ che dice e di presunti collegamenti, considerando che ormai da due anni i cuffaro romaniani non governano più, xche’ non va in procura?

    l’On. faraone farebbe meglio a guradrsi dentro casa sua oggi il potere nelle partecipate lo ha l’On, Cracolici e mi stranizza che lui non lo sappia

    sono fatti tutti della stessa pasta ! destra e sinistra non si salva nessuno.

    Cominci Cuffaro a ritirarsi definitivamnte dalla vita politica se crede ,Egli che ci ha affidati alla Madonna, che i coetanei dei suoi figli hanno il diritto di pensare che la nostra Terra debba essere una Regione Normale.

    PECCATO CHE I FIGLI DEGLI IMPIEGATI REGIONALI E/O DI TUTTI GLI ALTRI LAVORATORI ONESTI, SONO TUTTI DISOCCUPATI, PERCHE NON HANNO COMMESSO REATI, O PERCHE, MA A QUESTO POSSIAMO RIMEDIARE, UN BACKGROUND CON LA MALAVITA…

    PECCATO CHE I FIGLI DEGLI IMPIEGATI REGIONALI E/O DI TUTTI GLI ALTRI LAVORATORI ONESTI, SONO TUTTI DISOCCUPATI, PERCHE NON HANNO COMMESSO REATI, O PERCHE, MA A QUESTO POSSIAMO RIMEDIARE, NON HANNO UN BACKGROUND CON LA MALAVITA…

    Ma perchè l’On faraone non parla del bene confiscato affidato all’associazione della moglie?

    Volevo chiedere al sig. Faraone quale è il nesso tra l’articolo di Rep. su Roberta Bontade, la quale risulta abbia preso le distanze dalla mafia pubblicamente attraverso incontro con proc. Grasso e coi i fatti rinuncia a proventi illeciti con la sorella e di cui non sappiamo niente impiegata (clientelarmente o meno) presso una società di servizi? non mi sembra che dall’articolo di Roberta si evincesse che cercasse “una corsia preferenziale occupazionale”. Mi sembra che Lei abbia solo chiesto di avere riconosciuta la sua dignità di persona. Perché non parliamo ad esempio di enti di formazione gestiti da parenti di politici come “una corsia preferenziale occupazionale”?

    Se potessi rinascere, dovrei sperare di essere figlio di boss pentito per occupare un dignitoso posto di lavoro? Che schifo!!! E penso proprio di parenti di mafiosi neanche pentiti, collocati nel pubblico come anche nel privato “eccellente”, ce ne devono essere tanti. E certo, coi pveri cittadini, non si corre alcun rischio, mentre con costoro…..
    Per Kant la morale era scomoda; più vado avanti e più mi accorgo che è ancora peggio…..

    piccoli professionisti antimafia crescono. Faraone allievo di Lumia. Che squallore

    @mariella

    dacci qualche info in più.
    Ricordo che faraone è consigliere comunale e onorevole all’ars. Lui dice che non prende un soldo come consigliere. Certo potrebbe mai rifiutare il lauto stipendio dell’ars e tutti i privilegi connessi ?

    On faraone è vero quello che diceva Sciascia bisogna stare lontani dai professionisti dell’Antimafia,in pese dove si parla tanto della delinquenza mafia non si può condannare persone vittime del proprio cognome, si vergogni Lei oggi ha fatto un grande errore denunciare un falsoooooooooooo

    Si possono fare tutti i commenti che si vogliono, però una cosa è chiara: chi ha a che fare con la malavita e la mafia, in sicilia in particolar modo, gode sempre di privilegi. Le persone oneste, al contrario, devono farsi un culo così per trovare uno straccio di lavoro che spesso non è niente di più che un contratto a termine. Nonostante le critiche di alcuni signori che non vedono nulla di male in una realtà come quella a cui ci vogliono fa abituare, Faraone fa bene a fare quello che fa. Al contrario di Cracolici, che sembra essersi definitivamente perso nel vortice del compromesso politico, lui dimostra coraggio e determinazione denunciando pubblicamente certe cose. Coraggio, Davide!

    I lettori, comunque, prendano atto che nulla vale più, in Sicilia, per far carriera in politica, si arriva a tanto. In quanto poi alla definizione di «politico che si sente gentiluomo», c’è da restare esterrefatti.

    perche il dotto Grasso non ci dice se Roberta Bontade si presento’ o no da lui?

    Vorrei ricordare a lor signori che il il Faraone, detto Davide, siede dalla parte di Mirello Crisafulli!! un vero boss del centro sinistra, di cui si trovarono ampie fot e filmati che lo rietraevano in un hotel dell’ennese con un personggio malavitoso.
    Faraone, che mi risponde?? I politice devono rispondere ai cittadini, io sono un cittadino, risponda. Cosa pensa di Mirello, ovvero Vladimiro? Quello è il vero problema siciliano, i Mirelli irrisolti pagati dalle nostre tasche!! Faraone buttate il Mirello fuori dal PD, almeno date un segnale ai siciliani che aspettano il cambiamento. E smettetela di massacrare Roberta, è una brava persona che ha già pagato a caro prezzo. Chiudiamo la vicenda, e cominciamo a fare pulizie in politica, tutto parte da lì. Sono i politici a cercare i voti in un modo o nell’altro, spesso metodi sporchi. Vado al lavoro, il lavoro nobilita l’uomo, la disoccupazione lo avvilisce, lo rende malvagio,incattivito.
    Faraone sveglia, di a Mirello di togliersi dalle palle
    un amico dall’estero.

    Faraone….Le conviene concentrarsi sul suo Presidente…che rispetto a lui, Cuffaro è un chierichetto

    caro disonorevole faraone dovresti veramente vergognarti. vuoi fare cassa armonica e strumentalizzare un caso di una donna colpevole ma di ke cosa? bravo onerovole romano insisti .

    Rimango stupito di come ancora la gente si sorprenda per le assunzioni eccellenti. Non conosco la figlia di Bontade però mi stranizza che nella stessa società vengano assunti marito e moglie, ma non è questo il problema perchè Sicila @Servizi è piena di cognomi eccellenti(???). Essere figli di una persona che konta non è peccato e non può essere colpa ma nemmeno privilegio. Qualcuno mi sa dire come sono stati assunti i vari Cammarata, Liotta, Genova, Sarrica…..
    Chiaramente porgo le mie scuse a coloro che pur essendo figli di noti, non sono stati citati. meditate gente, meditate.

    Ogni giorno che passa mi convingo sempre di più che la SICILIA FA SCHIFO, e che ho fatto bene ad andarmene via… Molti miei amici mi dicono “ma come fai a pensare ancora alla Sicilia? Ti sei laureato e ti hanno mandato via con il primo aereo e tu ancora ti preccupi per lei?
    E’ vero la SICILIA per come è messa adesso non ci merita più.
    MI DISPIACE PER VOI CHE RESTATE e che siete vittime del sistema siciliano (Cuffarismo, Lombardismo, Ascarismo) che ogni giorno mortifica la vostra onestà e la vostra dignità.
    Morale della Favola? In Sicilia se vuoi un impiego pubblico devi essere almeno un delinquente quindi dimentichiamoci regolari concorsi!!!
    AD MAJORA!!!

    ..con riferimento alla mia segnalazione di ieri,,, a proposito di specchiate persone, magari gli uomini engineering / accenture alla servizi di questa storia sicuramente non ne sapevano nulla….anche se magari trattasi dell’AD.

    ma si sponsoriziamo il festival della legalità…e poi assumiamo bontade e company,raccomandati etc. chiaramente tutti referenziatissimi dal primo all’ultimo. Ce ne fosse uno preso per capacità professionali, non sia mai rovinare la media.

    Alle prossime elezioni voto Cicciolina, era l’unica che non c’è lo metteva in quel posto e sicuramente molto più trasparente di certi galantuomini che parlano di legalità.

    baciatevi le mani io voto lega e vado a milano

    Faraone vai avanti….

    so soltanto che viviamo o per meglio dire vivo in una societa di schifo ,a sentire certe cose mi vengono i brividi io ho perso tutto e tutti a causa della mafia sto rischiando grosso con la salute di mio figlio di 8anni disabile ho bollette scadute assicurazione scaduta ecccccccccccccc………………..e sento delle notizie che verrebbe da scappare o fare scoppiare una guerra di persone deboli disperate ec……..

    la sicilia è sempre uguale….senza padrini non si va da nessuna parte…e la cosa piu scandalosa è che i palermitani non riescono piu ad indignarsi per nulla..neanche quando c’è di mezzo la mafia!!!
    e se qualcuno scopre le carte ecco che l accusa dell essere professionisti dell antimafia si fa avanti.
    Nn conosco personalmente l on. Faraone ma lo seguo quotidianamente x le dichiarazioni che fa, per le iniziative e per le idee…apprezzo il suo lavoro e l’impegno che mette.
    Ce ne fossero anche solo un paio come lui in giro…solo solo per il movimento che porterebbero…per lo scombussolamento alle logiche del potere e delle poltrone…
    stiamo veramente toccando il fondo dell indifferenza e dello squallore..Palermo nn è questa..o meglio, non lo era una volta….

    On. Faraone come mai non risponde alle domande/accuse/insinuazioni dei lettori?

    bravo fabrizio continua ad apprezzarlo il caro faraoneeeeee. poveretto e’ cosi interssato….stai toccando il fondo anche tu che non ti chiedi il perche’ delle cose.

    Gentile onorevole Faraone, sarà una sorpresa per lei ma tutti quelli che lavorano nelle società di servizio della regione siciliana sono stati assunti per chiamata diretta e certamente non per particolari virtù e abilità. Si guadagni quello schifo di stipendio che le danno e pretendi, come deputato regionale e di una coalizione che è ora al governo, che le assunzioni in queste società avvengano tutte per concorsi pubblici (si ricordi di pensare a quelli che non lavorano e non solo agli LSU, ex Pip ecc. ecc.) Oppure si indigni per le operazione di occupazione dei posti di potere già fatti o che si accinge a fare il suo presidente Lombardo, e delle relative quote parte che ora spettano al PD. Queste sono trasparenti Faraone? Ormai la sinistra, almena quella rappresentata nei posti di governo, rasenta il ridicolo. E le anticipo che sono stato un elettore del PD ma di quel PD che non ha votato Lombardo e che non era in coalizione con gli ex-fascisti.

    Ho appena letto un altro commento di mariella di cui sopra. Faraone cosa è questa storia? E’ vero oppure no che alla associazione di sua moglie è stato affidato un bene confiscato dalla mafia? Dia una risposta si o no, ci metta al corrente dell’attività, delle esperienze portate avanti, di quanto sono bravi quelli di questa associazione ecc. Consociativismo o meno siamo veramente ormai fuori da tutto, si è persa la bussola: povera sinistra mia.

    Scommetterei qualunque cosa che i commenti che attaccano Faraone hanno un’unica mano: il servo del malaffare!
    Povera Sicilia… ma quando si sveglia?! Direi mai!

    @ giovanni
    anzi io direi che ci deve scrivere nome e cognome di tutti i componenti dell’associazione e i relativi parenti per vedere se anche lì c’è qualche collegamento con la mafia. non si mai…

    sicilia e servizi era di Cuffaro. ora è di lombardo e soci. non si muove foglia senza il loro consenso. e allora faraone di che parliamo?

    Trovo fuori le righe ed eccessivamente esagerata la reazione che l’On. Saverio Romano ha avuto a seguito di una dichiarazione dell’On.le Davide Faraone. La cui dichiarazione, invece, non mi è sembrata per niente lesiva o particolarmente offensiva per la persona. Ha solo stigmatizzato una cosa che a Palermo è a Tutti nota. Molte società che gravitanavano e continuano a gravitare sotto l’ombrello economico e politico della Regione assumono – a discrezione – persone molto vicine ai rispettivi comitati elettorali. E, spesso, questa consuetudine è stata sbandierata dai medesimi fruitori quasi con atteggiamento scansonatorio nei confronti di altri coetanei che – a loro parere – si sarebbero legati a “carri non idonei”. Io ricordo di aver appreso che una delle tante iniziative politiche recentemente condotte dal Faraone fosse incentrata a favorire – in futuro – che le assunzioni nelle amministrazioni pubbliche avvenissero esclusivamente per concorso pubblico. Questo, credo, che all’On.le Romano dovrebbero averlo comunicato. Certamente mentre è giusto non ribaltare sui figli le colpe dei genitori (e questo vale anche per le figliole dei capimafia, trovo molto strano che marito e moglie siano stati assunti entrambi in una delle anzidette società pertinenziali della Regione e che un’altra figliola lo sia o lo sia stata diversa società. Io conosco molti, compreso i miei figli che questa opportunità di “infilamento” in società regionali non l’hanno ancora perseguita o non è stata loro prospettata. E’ solo una fortunata coincidenza ? Ciò premesso, a mio parere, sarebbe lodevole che l’On.le Romano accettasse “la provocazione” dell’On.le Faraone e si misurasse con il medesimo in un pubblico dibattito politico, fuori dalle polemiche personali. Così si ragiona nelle democrazie europee. Vogliamo diventarlo anche NOI ?

    Già mi immagino il pubblico dibattito: io ho impostato i sig.i….
    50 unità presso….
    invece io 70
    Poi alla fine i sig.ri Lumia e Cuffaro (mentori) a premiare il vincitore…
    Che spettacolo!!!!!!!

    Invito quanti hanno commentato fin ora, a leggere quanto scritto da Salvo e che mi precede, lo stesso vale per l’on. Romano. Se l’italiano non è una lingua straniera, l’interpretazione corretta è proprio quella precedentemente menzionata. Si evidenzia il clientelismo con il quale è stato fin qui gestito il mondo del lavoro. On. Romano accetti il dibattito pubblico, così da dimostrare che tutto ciò non è vero.

    salve proprio on. romano non deve parlare perchè lui ha il 7o % dei dipendenti a sicilia e servizi tra parenti compaesani e amici.

    Infatti, caro Gomma, ed è per questo che il sig. lombardo ha scatenato una caccia alle streghe a larga scala per stanare gli amici di cuffaro per rimpiazzarli con i suoi.

    On.romano ma che parla a fa, perché non fa una bel confronto tv con Faraone e ci racconta della Romano e-servizi, dei suoi compari fedelissimi che lavorano all’interno dell’azienda?

    In politica, chi è senza peccato? Probabilmente nessuno e quindi chi ha il coraggio di scagliare la prima pietra rischia lui di essere lapidato perché fa emergere i peccati di tutti, che poi tutti sanno. Eppure la pietra è stata sollevata per eliminare, o almeno così spero sia l’intenzione, il male, ed è già un atto di coraggio perchè si può immaginare la ritorsione. Ci vorrebbe anche qualche atto di coraggio da chi si scaglia con la bava alla bocca a dire ..si però tu…

    Ma Faraone Davide figlio di Rosario ex segr. REG. CGIL telecomunicazioni e mi fermo quiiii !!!!!!!!!!!
    Sa che all’interno di Socilia &Servizi é stato da poco nomanato nel cda un uomo di suo compare Cracici e Gaspere Vitrano ? E …..
    Mi Fermo qui ! Vah !

    On. Faraone, il suo silenzio a seguito dei commenti dei lettori mi fa capire che lei è molto in difficoltà.
    Non so…mi sembra un pò chi si avvale della facoltà di non rispondere in attesa di sentire il proprio avvocato…
    Certo per uno che si candida a sindaco di una città come palermo le cose non si mettono benissimo secondo me…

    Dietro alcuni commenti si cela il tipico siciliano di gattopardesca memoria, ovvero: quello che sa che il malaffare è il male principe della Sicilia ma si uniforma a tal punto che diviene (coscientemente) una tessera del mosaico.
    Così è dura che cambino le cose, d’altronde, credo, che la svolta è deleteria per molti!

    Siamo al solito si predica bene e si razzola male; chi sono oggi tutti questi nomi emergenti della sinistra di Palermo? figli di operai del cantiere navale? figli di massari-agricoltori? trovatemene uno …. e forse tornerò a prendere in considerazione di votare a sinistra.

    Il godimento del mio nipotino Daniele, fresco di nascita, mi fa sentire lontane (di molte miglia)le beghe dela politica palermitana. Però, mentre Lui riposa nella carrozzina che mia moglie e mia figlia hanno messo accanto a me (per farmelo controllare) mi viene la tentazione di dare uno sguardo alle notizie sparse nel Web. Ho letto i tanti messaggi sulla vicenda nata dalle dichiarazioni di Davide Faraone e dalla risposta di Saverio Romano. Su esse ho già avuto modo di dire la mia. Adesso aggiungo di trovare molto sterili, seppur legittimi, alcuni degli interventi che mi è capitato di leggere. Soprattutto quelli che fanno riferimento ai rispettivi padri. Cosa c’entrano ? E questo, beninteso, vale sia per i figli del Bontade che del Faraone. Ritengo che occorrerebbe limitarsi ai fatti. Dovremmo, quindi, dire un NO convinto alle assunzioni clientelari e/o per fazioni di appartenenza (chiunque le faccia). Dovremmo anche dire NO alle dichiarazioni qualunquistiche o per slogan e, soprattutto, alle offese personali. Dire, invece, un SI altrettanto convinto alle battaglie politiche sui contenuti e sui fatti. Ed, allora, Auspico il richiesto confronto politico e pubblico tra i due personaggi. Auspico anche che il Faraone venga giudicato per le battaglie di opposizione con cui ha guidato il Gruppo PD in Consiglio comunale (dove, sovente, è risultato non in linea con i colleghi della propria parte) e per l’impegno che sta ponendo per emergere all’interno del proprio Partito e nel panorama politico della città di Palermo. A mio parere dimostra di essere (tra i tanti giovani in circolazione che pur vi sono)uno di quelli che denoti barra dritta e parole chiare. E, molto coraggio politico. Per la città di Palermo, dopo tanti anni di non politica, potrebbe essere un bel segnale di riscatto.

    Salvo 48

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.