L'effetto domino della sanità catanese - Live Sicilia

L’effetto domino della sanità catanese

L'inchiesta del free-press "Sud"
di
6 Commenti Condividi

La sanità etnea, certo, in questa fase sta dando un bel po’ di grane all’assessore Massimo Russo. Un’altra vicenda si scorge all’orizzonte e parte da un’inchiesta del freepress catanese “Sud” sulla poltrona di primario della cardiochirurgia adulti dell’ospedale Ferrarotto di Catania.

I tre in lizza per la poltrona sono Alberto Lomeo, Carmelo Mignosa e Giuseppe Giuffrida e a partire da questi tre nomi, il freepress lancia una provocazione, “scommettendo” che a vincere il concorso sarà Mignosa, specializzato in chirurgia pediatrica. Questa operazione, secondo “Sud”, permetterebbe di liberare il posto che Mignosa occupa all’ospedale di Taormina, al quale andrebbe la figlia del manager autonomista Pippo Poli. Il tutto, dice il giornale online, per gestire con maggior facilità la convenzione da 7 milioni di euro che il presidio ospedaliero di Taormina ha stipulato con il Bambin Gesù di Roma.

E proprio sulla convenzione col Bambin Gesù, qualcosa da dire ce l’hanno anche gli operatori che a Taormina lavorano, dallo scorso 8 novembre, sotto la direzione dell’ospedale Romano. “Da quando siamo passati sotto la loro direzione – dice un operatore a Live Sicilia – la qualità del nostro lavoro è notevolmente peggiorata. Quando sono arrivati hanno mortificato la nostra professionalità, come se in questi 10 anni avessimo venduto caramelle. Fino a qualche mese fa lavoravamo con l’ausilio dei precari, i turni erano sempre coperti e nessuno di noi era costretto a restare in reparto da solo. Da quando è stata firmata la job commission, i precari sono stati spostati in altri reparti e noi lavoriamo in condizioni pessime”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    L’ho già scritto altre volte: la famiglia è la famiglia !
    Il caro Dott. Poli dopo essere stato destituito per raggiunti limiti d’età, con l’elisir di lunga vita, il passaggio al MPA, ha ricevuto il comando della prestigiosa Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania.
    Dopo avere gestito gli appalti per l’edilizia sanitaria con l’Arch. Aliquò, oggi al gabinetto dell’assessore Russo, ora pensa alla sua figliola….
    Ma quale padre affettuoso non lo farebbe ?
    Il Presidente riceve raccomandazioni per i figli dei boss e non dovrebbe riceverle da parte di professionisti seri come Poli ?
    Coraggio Assessore Russo, la Sicilia aspetta risposte coraggiose e Lei è l’unico che finalmente le può dare !

    Vuoi vedere che Sud ci azzecca????

    non ho parole!

    Caro Francesco, il dottor Poli ha tanto a cuore non solo le sorti della figlia, cuore di papà, ma anche di una carisisma cognata, del quale dovrebbe occuparsi anche l’irreprensibile Russo se avesse un pò di coscienza dietro il piglio dittatoriale e la mascella volitiva.

    Cosa? adesso anche i parenti acquisiti, le cognate?
    Non bastavano le mogli, i mariti, i figli/e?

    Dott. Russo: forse il Suo Dr. Poli ha non pochi scheletri nell’armadio della Sua Sanità, oltre la Cognata forse qualche Ingegnere che funziona come un “Bancomat”! per i prelievi dalle Casse della Sanità attraverso le “CONSULENZE D’ORO”…sempre sotto la DIREZIONE del Dr.POLI,…ieri al Garibaldi, oggi al Cannizzaro.

    Assessore: gli ISPETTORI!
    I Siciliani attendono rapidamente “CHIAREZZA”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *