Lo lega all'auto e lo trascina| Così ha ucciso un cane: denunciato - Live Sicilia

Lo lega all’auto e lo trascina| Così ha ucciso un cane: denunciato

Individuato un pensionato. Gli animalisti: "Siamo inorriditi"

NEL SIRACUSANO
di
0 Commenti Condividi

SIRACUSA – Ha legato con una corda le zampe anteriori di un cane randagio e lo ha agganciato con una corda al paraurti posteriore della sua auto e lo ha trascinato. E’ l’accusa contestata dai carabinieri che hanno denunciato un pensionato di 69 anni di Priolo, nel Siracusano, per maltrattamenti di animali.

Ad avvertire i militari dell’Arma è stato un giovane che faceva attività sportiva su una bicicletta da corsa ed ha notato in una stradina di campagna la macchina che trascinava il cane. L’animale, malgrado le immediate cure prestate dal personale veterinario, è deceduto. Il pensionato, interrogato dagli investigatori, non ha detto alcunché.

“Siamo inorriditi – affermano Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza Popolare Ecologista (Ape) e Ilaria Fagotto, presidente della Lega Antispecista Italiana (Lai)- davanti a tanta crudeltà. È inaccettabile che simili crudeltà possano essere tollerate. Auspichiamo una intensificazione dei controlli sul territorio finalizzata a prevenire maltrattamenti degli animali e nuovi abbandoni di animali d’affezione. Ci costituiremoparte civileper assicurarci che questa vittima indifesa abbia giustizia”. “Adesso basta o con il rispetto per gli animali o contro” afferma Cristiano Ceriello, segretario del Partito Animalista Italiano. “Sono anni -aggiunge – che la politica promette di attuare vere pene per chi sevizia e uccide animali, ma questa valgono solo per le campagne elettorali”. Il Partito Animalista ha sporto denuncia alla Procura di Siracusa.

 

(ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *