Lombardo querela il pentito Avola - Live Sicilia

Lombardo querela il pentito Avola

Le dichiarazioni e la controffensiva
di
6 Commenti Condividi

La controffensiva di Raffaele Lombardo si materializza nel testo di una denuncia-querela per calunnia contro il pentito Maurizio Avola. A presentarla è stato il legale del governatore, l’avvocato Massimo Motisi. A riceverla, tre giorni fa, il procuratore della repubblica di Catania, Vincenzo D’Agata, lo stesso che indaga su Lombardo, sul fratello e su altre decine di persone citate in una lunghissima informativa dei carabinieri del Ros. Il presidente della Regione attacca il collaboratore di giustizi e , nel contempo, tira in ballo due testate giornalistiche: Il Fatto quotidiano e la Repubblica che per primi hanno pubblicato la notizia dell’indagine per concorso in associazione mafiosa. Notizia “inattesa e sorprendente” la definisce il leader del Mpa, che ribadisce di averla appresa dai media: “Non sono a conoscenza degli atti del fascicolo non avendo ricevuto una informazione di garanzia”.

Lombardo ricostruisce nella denuncia di avere saputo attraverso articoli di stampa che il procedimento a suo carico “nasce dalle dichiarazioni del pentito Maurizio Avola che ha raccontato ai pm che Lombardo partecipava negli anni Ottanta alle attività del boss catanese Nitto Santapaola”. Ed ancora che “sulla scorta delle dichiarazioni di Avola già tre anni fa, prima dell’elezione a presidente della Regione, i magistrati catanesi avevano iscritto Lombardo nel registro degli indagati per concorso esterno”. Il governatore smentisce la ricostruzione di Avola che lo indica come il medico del boss e racconta di quella volta in cui, a bordo di una lancia Delta, Lombardo andò a trovare Santapaola a Belpasso in casa di un falegname di nome Zappalà. Il presidente bolla queste dichiarazioni come “palesemente false e strumentali”. Le considera passaggi di un piano per “mascariare – parole testuali – l’immagine di una persona per bene e arrivare all’obiettivo, centrato, della doverosa ma ingiusta apertura di un procedimento penale nei suoi confronti”. A far storcere il naso al governatore è soprattutto la tempistica delle dichiarazioni di Avola. “Dice di avere riconosciuto Lombardo in tv solo nel 2007 e di avere associato il suo volto a quello del medico che incontrava Santapaola”, si legge nell’esposto dove il governatore parla di sé in terza persona come si fa negli atti giudiziari. Infine, l’ultimo affondo. “Ricordo riesumato, propalazioni fantasiose precofenzionate e studiate”, sono le parole che chiudono le quattro pagine protocollate il 5 ottobre alla procura della Repubblica.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Ecco come Lombardo e la magistratura hanno messo in piedi un sistema micidiale di eliminazione degli oppositore. Ricordarlo non fa mai male.

    1) Primavera 2009 Antinoro è uno degli assessori che si oppone a Lombardo: avviso di garanzia ad Antinoro.
    2) giugno 2009 Vizzini, Romano si oppongono ai giochi di Lombardo che, dopo un pessimo risultato alle Europee, si appresta a riformulare la giunta a proprio piacimento: avviso di garanzia a Vizzini e Romano
    3)Dicono ma magari non è vero che D’Alema e Lombardo allo Scudiero siglano un patto: “Raffaele tirati dentro il PD e noi, attraverso la Finocchiaro, ex magistrato di Catania, ti fermiamo la procura”
    4)Il Procuratore D’Agata che doveva andare in pensione è alla seconda proroga, e otterrà la terza, quarta,…
    5)Dicono ma magari non è vero che il procuratore D’Agata è in affitto(?) negli appartamenti della moglie di Lombardo
    6)Miccichè e il suo gruppo si oppongono al Lombardo quater: avviso di garanzia a Cimino
    7)Dicono ma magari non è vero che Massimo Russo l’assessore duro e puro ha un rapporto privilegiato con la multinazionale della bigpharma Jhonson&Jhonson

    Ce ne sarebbero tante di inchieste da fare….

    Caro ascanio fiorentino, una volta la verità era rivoluzionaria, oggi serve solo a farti querelare……magari da uno che è per giunta arcicolpevole…
    Mala tempora currunt…..

    perché non credere alla buona fede di Lombardo. La sua giunta è di altissimo profilo.

    Avola o non avola

    E per continuare la lucida visione di fiorentino ascanio…

    Super Pippo dichiara: “non ne posso più di Lombardo, ta-dah” e il prezzo delle noccioline americane raggiunge i 10.000 € al chilo.

    A parte lo scherzo comunque…a quest’ora ‘sto Avola sarà tutto scantato eheh

    E don raffaè pensando al pentito cantava:
    UN’ORA SOLA TI VORREIIIIIIIII…….

    don raffaé: non si puote.
    It’s impossible!!!!!!

    hahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.