Maltrattava l'ex compagna e il figlio di lei, condannato un pastore a Trapani

Maltrattava l’ex compagna e il figlio di lei, condannato un pastore a Trapani

L'uomo, attualmente recluso al "Pagliarelli" di Palermo, dovrà scontare 5 anni e 4 mesi di carcere
MISILISCEMI
di
0 Commenti Condividi

TRAPANI – Un allevatore di Misiliscemi (Tp), Carlo Bucaida, 36 anni, processato per maltrattamenti a familiari, lesioni personali, atti persecutori e violazione di domicilio, è stato condannato dal Tribunale di Trapani a cinque anni e quattro mesi di carcere. Per l’uomo, attualmente recluso al “Pagliarelli” di Palermo, il pm aveva chiesto quattro anni e mezzo.

Il fatto

A subire le violenze dell’allevatore sarebbero stati l’ex compagna e il figlio minorenne della donna. Il ragazzo, portato in campagna per accudire le pecore, sarebbe stato colpito al capo anche con un “piede di porco”, con pietre e altri oggetti. E gli sarebbe stato intimato di non dire nulla alla madre, altrimenti lo avrebbe lasciato a digiuno. In altre occasioni, lo avrebbe colpito con pugni alla testa. Anche la donna, per circa tre anni, fino al termine del periodo di convivenza (gennaio 2022), sarebbe stata ripetutamente maltrattata, anche in presenza dei figli minori, aggredita, picchiata, insultata e umiliata. E quando decise di interrompere la relazione, rivolgendosi anche alle autorità, Bucaida iniziato a minacciarla e a molestarla.

L’accusa

Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe agito anche sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Nel processo, la donna e il figlio si sono costituiti parte civile, con l’assistenza degli avvocati Gaspare Stabile e Antonino Rallo del foro di Marsala.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *