Manifestazioni violente e molotov | Perquisizioni e denunce per 8 ex Pip - Live Sicilia

Manifestazioni violente e molotov | Perquisizioni e denunce per 8 ex Pip

Il lancio della molotov alle forze dell'ordine

La manifestazione del 24 maggio 2013 in piazza Indipendenza si trasformò in una vera e propria guerriglia urbana. All'interno tutti i nomi degli indagati. Ecco il video degli scontri.

Palermo, le indagini della Digos
di
24 Commenti Condividi

PALERMO – Non solo operai della Gesip. A provocare i disordini che per mesi hanno mandato in tilt la città ci sarebbero anche gli ex Pip, sulle quali manifestazioni si è concentrata l’attenzione degli uomini della Digos che già due giorni fa hanno fatto scattare le manette per tre operai dell’ex partecipata del Comune di Palermo. Le indagini coordinate dal sostituto procuratore Calogero Ferrara, durante le quali sono state effettuate numerose perquisizioni, hanno condotto all’individuazione di otto operai del bacino ex Pip che il 24 maggio dello scorso anno avrebbero dato vita ad una violenta manifestazione non autorizzata.

A tutti sono stati inviati avvisi di garanzia per resistenza a pubblico ufficiale pluriaggravata. Si tratta di Francesco Scalia, 44 anni; Salvatore Vassallo, 59 anni; Michele Saccomando, 35 anni; Jonni La Mattina, 38; Maurizio Tutone, 39; Guglielmo Terranova, 41; Giovanni Ciaramitaro, 40 anni e Giovanni Rao, 52 anni. Una manifestazione che era sfociata in una vera e propria guerriglia urbana, con tanto di lancio di pietre, molotov, rami e distruzione della segnaletica stradale.

I manifestanti avevano anche lanciato caschi da motociclista alle forze dell’ordine impegnate nel servizio di ordine pubblico, ma i volti dei partecipanti sono rimasti immortalati in alcune fotografie e video di quel giorno e non lascerebbero dubbi, tanto da permettere all’autorità giudiziaria di indagare formalmente gli otto operai, alcuni dei quali si sarebbero anche resi responsabili del lancio di due molotov contro la polizia.

Ad essere colto in flagrante, durante quelle ore, era già stato Francesco Scalia, per il quale era già scattato l’arresto: in base a quanto accertato dalla Digos aveva non solo lanciato grosse pietre a polizia e carabinieri, ma anche divelto alcuni paletti della recinzione ed impugnato due bottiglie di pietre con l’intento di colpire i militari schierati. A fugare ogni dubbio, anche i capi d’abbigliamento trovati a casa di alcuni degli indagati, gli stessi indossati il giorno della manifestazione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

24 Commenti Condividi

Commenti

    Un sentimento di sdegno per certa politica che riconosce diritti a coloro che pongono in essere certi atteggiamenti delinquenziali, mentre invece facendo le persone per bene si è penalizzati…
    Magari ora avranno arricchito il curriculum in vista delle prossime assunzioni, perchè, rispetto ad altri, maggiore è l’esigenza del recupero, no?
    Sembra una barzelletta, ma è la verità!

    Alla violenza dei sovversivi le Forze dell’Ordine dovrebbero rispondere con violenza ancora maggiore, ma siamo in Italia e le leggi buoniste non lo consentono, così come le parole di Papa Francesco, malgrado sia argentino e conosca bene la storia recente del suo paese.

    magari la prossima volta con lo schifo che fanno i politici oltre ai ex pip ci sara’ tutto il popolo siciliano

    premetto che la Violenza non deve esistere,ma come si fa’a lavorare dal 2001,prima per il comune poi per la regione siciliana lavorando in NERO SENZA CONTRIBUTI,quando i signori incocciano delle persone che lavorano in Nero nelle attivita’commerciali,fruttivendoli etc… etc…. invece i signori politici possono con i precari,sono daccordo con Giuseppe,per la prossima volta spero che scende tutto il popolo non solo siciliano ma ITALIANO,ci stanno toccando il polso,con l’imu,tari,tasi etc… e poi si futtinu iddi i picciuli.

    e la persona per bene saresti tu.la gente e esasperata .quando un politicante quadagna 200.000 € l’anno e cerca di toglierti il sostentamento dei tuoi figli ,il cervello ribolle ,ma tu che vuoi capire ,per rilasciare questi commenti ,sarai un fighettino del cavolo .ma poi perche parli di Giuseppe uva e di tutte quelle persone che le forze dell’ordine hanno ammazzato senza pagare nulla,il marcio e ovunque ,specialmente nella tua bocca.

    perchè non mostrate le manganellate prima di questo episodio ,questo e stata una reazione a una carica senza alcuna ragione .poi scusate vogliono far morire i nostri figli di fame ,che facciamo ci caliamo pure le braghe a che ci siamo

    Nella vita, per trovarsi bene, non bisogna cominciare mai sapendo con quali metodi sono stati assunti quelli della Gesip, pip, lsu, precari, etc.
    Oggi i nodi sono venuti al pettine.

    Che schifo di persone che esistono nella terra!!!

    Sono un ex pip, non è giusto lavorare in nero dal 2001 per l’amministrazione, quando se fanno dei controlli nei locali, negozi, ambunanti, ecc…. Li consumano facendogli multe e chiudendo il locale, invece loro possono far lavorare i pip in nero, senza pagarci contributi, ed utilizzandoli per gli uffici quando non l’ho potremmo fare. Con 800 € al mese che si deve fare? Lo stato ci sta’ mettendo i piedi in testa, tasse sopra tasse. Ci vuole la rivoluzione! Sanno solo confiscare con le falsita’ siamo all’era DELL’INQUISIZIONE. MA DIO ESISTE E PROVVEDE. DA Salvo P.

    Se non vuoi far morire i tuoi figli di fame, vai fuori da Palermo (e dalla Sicilia) e cercati un lavoro

    visto che la giustizia nn e’ uguale per tutti e che i politici fanno i loro porci comodi calpestando la dignita’ dei lavoretori,ma cosa si ci doveva aspettare dai pip o da altre migliaia di precari?che se ne stavano a braccia conserte mentre crocetta li licenziava?

    non distruggerti la vita ma prima distruggi il politico che tia’ distruggendo

    Tutte le categorie di lavoratori dovrebbere scendere per cacciare via sti schifosi di politici corrotti, che rubano ecc…. E la magistratura ne è al corrente e non fa’ nulla. È uno schifo, il lavoro èun diritto sacro santo per tutti. Facciamoci sentire. Lavorare in nero per ll’amministrazione, e la gdf dove sta’, arrestateli tutti hai politici.

    pietro io c’e l’ho un lavoro ,hai capito ,perchè non te ne vai tu .invece di sputare veleno.io ho 42 anni dove dovrei andare , a fare cosa .vedi di non sparare fesserie ,poi non capisco che ti rode

    non distruggerti la vita ma prima distruggi il politico che ti sta distruggendo

    PIP: Palermitani Iper Pregiudicati….forza che ogni reato in più fa curriculum per le prossime assunzioni comunali!

    crocetta con i suoi deputati stanno distruggendo migliaglia di famiglie.alla faccia della sua legalita .personalmente mi sta uccidendo a me con tutta la mia famiglia.tutto questo x me e un ingiustizia che colpisce ancora di piu le famiglie disagiate.x un paio di furti di pochi euro mi sta distruggendo la famiglia.chiedo aiuto a chi booo….se rubano loro pero milioni di euro nn li tocca nessuno e x di piu nn perdono il lavoro…cosa essenziale x poter vivere…AIUTO…

    paolo stai certo che come te non sopporto i fighettini del cavolo e come te sono a favore di chi cerca onestamente il sostegno per la famiglia. Ma tra un fighettino del cavolo e quelli che lanciano sassi e molotov meglio i primi. Quanto poi al riferimento agli impuniti delle forze dell’ordine che vuoi dire…che è giusto che ammazzate la gente per strada? ma la colpa non è certo tua di tutto questo, torno al mio commento iniziale ….

    Bisogna capire che questi P.I.P. non sono altro che individui (furboni), (molti con altre attività), altri ex detenuti, altri ricchi. Insomma un bacino eterogeneo di individui di la Regione avrebbe fatto volentieri a meno.
    Chiarito questo esaminiamo:
    1) nessun PIP ha fatto un”pubblico concorso”. Anzi molti di loro sentendo parlare di concorsi pensano si tratti di raccolta di punti presso un supermercato….;
    2) ci sono (centinaia) di Furboni (P.I.P.)”intrufolatati” nel bacino grazie al sostegno di certi individui…. ;
    3) Molti sono benestanti con floride altre attività e grazie al solo fatto di essere P.I.P. godono di 833 euro + assegni familiari, “a gratis”:
    4) Di recente è passata all’A.R.S. una norma salva P.I.P. che ritengo assolutamente incostituzionale. Stranamente il Commissario dello Stato non ha ritenuto opportuno di cassare tale norma.
    Insomma, si potrebbe continuare a parlare di questi signori all’infinito.
    Giustamente il Presidente Crocetta, per far posto alle persone oneste e veramente disoccupate, aveva cercato di far passare all’A.R.S. la norma sul sussidio per coloro che “realmente” hanno un I.S.E.E. (familiare, come si considera in tutta Italia) inferiore ad euro 5.000,00. Purtroppo sappiamo come è andata a finire….

    e tutto questo chi l’ha creato?
    i veri colpevoli di tutto cio e sempre della classe politica il vero problema non sono i pip ma la gente che votate e che crea queste schifezze, l’unica vera rivoluzione è il M5STELLE NON CI SONO ALTRE ALTERNATIVE

    Per Paolo, non hai un lavoro, ricordati. Percepisce solo un sussidio (non dovuto) solo perchè ti sei intrufolato nel listone dei PIP.
    Fatti un “concorso pubblico” se conosci il significato di questa parola, e dopo parla di lavoro.

    perche non si indaga sul poliziotto che sparo 8 colpi di pistola ad altezza d’uomo,documentato con foto e video ! un pip morto non fa’ notizia.

    sai qual è il problema ,perchè questa nazione non andrà mai avanti,?
    Perchè noi italiani non siamo buoni ,siamo dei maledetti opportunisti dei traditori e dei Caini.con i tempi che corrono invece di provare rispetto e considerazione per il nostro prossimo ,vince sempre l’odio il rancore e la viltà.dovremmo essere tutte le categorie unite verso e contro una società che ci sta strangolando, contro un potere che,o fai quello che ti dicono e stai zitto o ti sbattono in galera.complimenti continuate a dare addosso a gli ultimi c’è chi parla di concorsi ,signori sappiamo benissimo come funzionano i concorsi in sicilia,basta andare nelle amministrazioni regionali e guardare i cognomi ,e vi rendete conto da soli.poi chissà come mai il90% dei dei dirigenti e dei pezzi grossi sono delle province di palermo che durante gli anni 70 80 90 diciamo che erano calde ,anzi bollenti . e ora mi sono stufato ,pensatela come volete ,tanto prima o poi tutti inodi verranno al pettine.

    DA premettere che nella categoria dei ex pip ci sono tanti cani rognosi (avendo rispetto per i cani),ma ci sono almeno il 60% di gente onesta che tira avanti a calci e a morsi.si è vero c’è gente che di lavorare non ne vuol sentire ,ma non siamo tutti cosi ,si è vero che in mezzo a noi ci sono spacciatori rapinatori e usurai,ma non siamo tutti così ,e come dire che i polizziotti sono tutti corrotti,o che i preti sono tutti pedofili,e sappiamo che non è così quindi vedete di allentare un pò le redini ,e di lasciarci stare che credetemi di problemi ne abbiamo abbastanza .poi ricordatevi ,chi non ha peccato scagli la prima pietra ,parole di un ex detenuto famoso ,NOSTRO SIGNORE ,si perche anche lui è stato arrestato.e u immurutu imminzu a via u soo immu un su talia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.