Maxi rotazione di 200 boss | Trasferiti anche Riina e i Graviano - Live Sicilia

Maxi rotazione di 200 boss | Trasferiti anche Riina e i Graviano

Il boss Totò Riina

Il provvedimento è stato deciso dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. Provenzano a Milano, Riina a Parma.

2 Commenti Condividi

PALERMO – Da Totò Riina a Bernardo Provenzano, da Leoluca Bagarella ai fratelli Filippo e Giuseppe Graviano. Una maxi rotazione di detenuti al 41 bis coinvolge i pezzi grossi della mafia. Il provvedimento è stato deciso dal Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Si parla di routine, ma di routinario sembra esserci davvero poco. A cominciare dai numeri: sono stati trasferiti di cella 200 detenuti sottoposti al regime del carcere duro per impedire loro di avere contatti con l’esterno.

Non ci sono solo i boss di Cosa nostra, ma anche quelli di altre mafie. I movimenti sono stati eseguiti, naturalmente in gran segreto e con un enorme spiegamento di forze, nell’ultimo mese. L’ultimo è avvenuto ieri. E probabilmente nulla si sarebbe saputo, almeno per il momento, se non fosse venuto a galla il trasferimento da Parma a Milano di Provenzano, che è stato ricoverato in ospedale nel capoluogo lombardo. I due padrini corleonesi si sono dati il cambio: Riina, infatti, adesso è a Parma dove è stato a lungo detenuto il suo compaesano.

La grande fibrillazione di questi mesi, provocata anche dai dialoghi di Riina intercettati in carcere, fa pensare che di ordinario ci sia ben poco nel maxi trasferimento. Il capo dei capi, per mesi, è stato ascoltato durante l’ora d’aria nel peniteziario di Opera mentre dialogava con il detenuto pugliese Alberto Lorusso. Parlava di attentati contro i magistrati della Procura di Palermo e del processo che gli stessi stanno celebrando sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. E non sono mancate le plemiche. A spiazzare sarebbe, però, la richiesta avanzata ieri dal ministro della giustizia Andrea Orlando di avere chiarimenti sui motivi del trasferimento di Provenzano. Eppure il Dap è un dipartimentio che dipende dal dicastero da lui retto.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Crocetta e la Monterosso fanno scuola: eliminiamo le incrostazioni mafiose pure in carcere.

    Il Ministero trasferisce 200 boss ma Livesicilia intervista solo il legale di Provenzano.
    Anzi, devo dire che sono tre anni che leggo su questo sito le lamentele (infondate) dell’avv. Di Gregorio e del figlio di Provenzano.
    Come si spiega questo trattamento preferenziale?
    Mi piacerebbe avere risposta da Lo Verso, un giornalista che apprezzo perché ben informato e capace di distinguere i fatti dalle opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.