Mercato abusivo e rifiuti in fiamme| Corso Tukory: danni al museo - Live Sicilia

Mercato abusivo e rifiuti in fiamme| Corso Tukory: danni al museo

Il direttore del Gemmellaro: "La situazione degenera nell'indifferenza".

PALERMO
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Il fumo ha improvvisamente invaso tutte le stanze, le fiamme alte hanno raggiunto il secondo piano del palazzo. Un incubo per i lavoratori del museo geologico Gaetano Giorgio  Gemmellaro di corso Tukory, che in fretta e furia hanno lasciato i locali e lanciato l’allarme ai vigili del fuoco. L’incendio è divampato oggi pomeriggio in via Giuliano Majali, alle spalle del museo. Un’area ormai da anni invasa dai rifiuti, la stessa sulla quale si affaccia l’ingresso riservato ai disabili.

Cumuli e cumuli di immondizia circondano quotidianamente i cassonetti. Sacchetti, vecchi mobili, montagne di abiti usati, cataste di cartoni e rifiuti solidi urbani coprono il marciapiede. Un microcosmo all’insegna del degrado a due passi da uno dei varchi di accesso al percorso Arabo-Normanno. Come se non bastasse, ai rifiuti che si accumulano dopo il mercatino abusivo che si svolge ogni giorno nella zona, qualcuno oggi ha deciso di appiccare un incendio.

“E’ stato il panico – racconta Carla D’Arpa, conservatrice museale del Gemmellaro – perché abbiamo improvvisamente sentito cattivo odore, ma abbiamo capito cosa stava accadendo soltanto quando il fumo ha invaso le stanze. Per fortuna in quel momento non c’erano visitatori o scolaresche. Io e miei colleghi ci siamo affacciati: le fiamme erano alte, a fuoco c’era qualunque tipo di materiale, soprattutto plastica. Abbiamo visto sciogliersi le serrande, i climatizzatori sono andati in tilt, la parete sul retro del museo si è completamente annerita. E’ stato l’apice dell’inciviltà con cui dobbiamo ormai convivere da diversi anni a questa parte”.

Il museo fondato nel 1860, gioiello della cultura a livello europeo che custodisce più di seicentomila reperti, è infatti “ostaggio” del suk dell’illegalità da tempo. “Non sappiamo più a chi rivolgerci – dice il direttore Valerio Agnesi – la situazione continua a degenerare senza che venga preso alcun provvedimento. Sarebbe questo il biglietto da visita per chi verrà a trovarci in quanto città capitale della Cultura? E’ questa la cornice del percorso Arabo-Normanno che dista solo pochi metri? Il sindaco Orlando, alcuni anni fa, partecipò ad un evento organizzato al museo e dopo le nostre segnalazioni l’area fu sgomberata dagli abusivi. Il risultato durò poco, perché l’invasione non si è mai fermata. Chiediamo nuovamente un provvedimento definitivo – conclude Agnesi – perché quello che è accaduto oggi è la conseguenza del degrado in cui è sprofondata la zona”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Egregio Direttore Agnesi, nella Palermo capitale della cultura con diversi monumenti dichiarati patrimonio dell’Unesco, capitale dell’accoglienza, il sindaco non e’ in grado di eliminare il mercato dell’illegalita’ che si tiene tutti i giorni nei pressi del museo da Lei diretto.
    Questo assieme ai parcheggiatori abusivi, al commercio per strada incontrollato, alla doppia fila ovunque, alle periferie abbandonate, fanno da cornice a uno che il sindaco lo sa fare, ad uno che fa squadra e che ha la faccia tosta di ricandidarsi.

    Complimenti a Palermo Capitale della cultura!

    Ma lui lo sa fare così bene…di che vi lamentate??ingrati

    Credo che al museo Gemmellaro non rimanga altro che trasferirsi altrove. L’amministrazione comunale e le istituzioni in generale non hanno la forza d’intervenire, o forse non vogliono intervenire. La situazione è opaca e col passare del tempo sempre più ingovernabile. Ormai il mercatino del “rubato” è una città nella città , che si sta sempre più estendendo,dove governa la delinquenza.

    E’ uno schifo. Domenica gia’ alle 7 del mattino era il caos. Amministrazione complice ed incapace a far rispettare la legalità. Se avessi una casa da quelle parti e la volessi vendere non ci riuscirei mai, ma avrei la soddisfazione di andare in tribunale contro il comune indifferente

    E’ semplicemente una vergogna. Palermo città metropolitana ????? Con il degrado della zona C.so Tukory, via Giuliano Maiali è semplicemente da vergognarsi. Il Comune nel tempo non ha saputo gestire la situazione che di giorno in giorno va più a peggiorare. Non basta fare il “BLITZ” ogni tanto perchè dopo ricomincia tutto peggio di prima. In questo caso si evidenzia la mancanza delle istituzioni a cominciare dal sindaco all’Assessore competente, al quale più volte è stato rappresentato il problema.

    Amministrazione della fuffa, ecco uno dei risultati.

    W Palermo e il suo super sindaco Orlando per Palermo capitale della cultura e si vede da queste cose come la citta e lontano da questa retorica autorferenziale

    dai lui il sindaco lo sa fare, e si vede e come …si vede come e’ ridotta Palermo.
    anche un ENNESIMO MOTIVO PER NON VOTARLO MAI PIU’….

    RINGRAZIATE IL VOSTRO CARO SINDACO

    Da anni i cittadini denunciano, il risultato ,lo vediamo tutti, se c’è un responsabile ,lo
    si butti fuori. Il blitz di facciata, soddisfa gli stolti che ancora credono nelle istituzioni ,
    quello che conta sono i risultati, le soddisfazioni di essere riconosciuti, come
    percorso arabo normanno ,come patrimonio UNESCO,e poi presentarlo in questo
    contesto di degrado,dovrebbe farci inorridire , eppure ancora oggi a turno i rappresen
    tanti di questa amministrazione, ci raccontano dei risultati , positivi, raggiunti, nessuno
    che abbia il coraggio morale , di raccontare i fallimenti, forse perché sono maggiori ?

    Ci vorrebbe l’esercito h.24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.