Istituto Bellini, CittaInsieme:| "Sconvolti e amareggiati" - Live Sicilia

Istituto Bellini, CittaInsieme:| “Sconvolti e amareggiati”

L'associazione plaude alla magistratura etnea.

LA NOTA
di
3 Commenti Condividi

CATANIA – Siamo sconvolti e amareggiati dalla disinvoltura con la quale 23 soggetti, tra impiegati dell’Istituto Bellini ed imprenditori, hanno impunemente rubato per dieci anni soldi destinati alla cultura, alla musica, alla crescita dei giovani nella nostra città. 14 milioni di euro spesi in gioielli, viaggi e crociere da parte di persone che hanno sfruttato per anni, del tutto indisturbati, una fitta rete di relazioni e di silenzi con il solo scopo di poter rubare meglio e di più. Così la nostra città balza, in tutta Italia, agli onori della cronaca e non certamente per le sue bellezze e il suo decoro ma per la disonestà di chi amministra il pubblico denaro. Il plauso di CittàInsieme e dei cittadini che hanno a cuore le sorti di questa città va alla Magistratura ed alla Guardia di Finanza per l’eccellente lavoro sin qui svolto. Vi preghiamo accoratamente: “Continuate!” Perché se avete scoperto una cloaca, tante altre ce ne sono da ripulire.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    La società civile non reagisce più .

    A parte due associazioni ; Politici, Sindacati , Chiesa , Associazioni di categoria , Giornalisti e per finire Amministratori e Consiglieri Comunali …. tutti concordi nel silenzio , nessuno chiede le dimissioni della Consigliera.

    A questo punto mi sorge spontanea una domanda :
    In questa città cosa deve succedere per dimettersi ?

    Salvatore

    GRAZIE AGLI UOMINI DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE HANNO SVOLTO UN ECCELLENTE LAVORO , I NOSTRI FIGLI ESPRIMONO LA LORO GRATITUDINE.

    La punizione del danno di 14 milioni in gioielli, conti correnti e beni sequestrabili , oggi ci fa sperare in altre punizioni per danni cento volte più gravi causati dagli altri apparati che hanno collassato le casse comunali. Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *