Nigeriano rischia il linciaggio |Si masturbava davanti a bimbi - Live Sicilia

Nigeriano rischia il linciaggio |Si masturbava davanti a bimbi

I militari hanno faticato non poco per "salvare" il richiedente asilo dalla furia dei genitori dei bambini.

ARRESTATO DAI CARABINIERI
di
3 Commenti Condividi

CALTAGIRONE – Corruzione di minorenne e atti osceni in luogo pubblico sono i reati per i quali i carabinieri di Caltagirone hanno arrestato e rinchiuso in carcere un nigeriano di 25 anni, senza fissa dimora. E’ accusato di essersi abbassato i pantaloni per masturbarsi dinanzi ad un gruppo di bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni. I militari sono intervenuti nei pressi di una scuola nel centro del paese ed hanno dovuto faticare non poco per sottrarre l’extracomunitario alle ire di alcuni papà che stavano per scagliarsi contro il giovane. L’intervento dei militari è avvenuto su segnalazione al 112 di una delle mamme dei ragazzini.(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    A parte il fatto in questione sarebbe interessante sapere cosa ci faccia in Italia un nigeriano senza fissa dimora, visto che l’ex ministro dell’Interno Alfano aveva più volte detto che tutti quelli arrivati erano seguiti dal programma di accoglienza.

    Però l’asilo politico glielo daranno lo stesso. Dai, in fin dei conti è una risorsa; anche lui ci pagherà le pensioni. Eppure bastava che i Carabinieri arrivassero con qualche minuto di ritardo: il problema lo avrebbero risolto i padri.

    Prima o poi succederà qualche disgrazia pesante.Caltagirone è piena di questi “vagabondi”senza controllo e a bighellonare tra le strade, alla villa ,ai giardinetti.Ci sono pseudo centri di accoglienza ovunque senza requisiti o a norma.Qualcuno deve intervenire per fermare questa “occupazione”del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *