Strage di Nizza |La mano dell'Isis - Live Sicilia

Strage di Nizza |La mano dell’Isis

Nizza

Ucciso l'attentatore, un franco tunisino di 31 anni. Sui cercano 31 italiani.

La rivendicazione
di
1 Commenti Condividi

NIZZA (FRANCIA) – Lo Stato Islamico ha rivendicato con un comunicato la strage di Nizza del 14 luglio. Nel frattempo sono state fermate quattro persone ritenute vicine all’attentatore, il tunisino Mohamed Lahouaiej Bouhlel.

Tre italiani sono ricoverati in ospedale. Si tratta di Andrea Avagnina di Mondovì (Cuneo), in rianimazione per traumi e lesioni interne, Gaetano Moscato, di Chiaverano (Torino), a cui è stata amputata una gamba, e una ragazza di 14 anni, che ha riportato la frattura di un arto inferiore.

All’appello mancano 31 nostri connazionali. Sono ottantaquattro i morti tra cui dieci tra bambini e ragazzini. Più di 200 i feriti. Un bilancio destinato a salire. Il presidente François Hollande spiega che “cinquanta feriti si trovano tra la vita e la morte, molti bambini piccoli. E molti stranieri”. 

E’ stata una strage quella sul lungomare promenade des anglais nel giorno della festa del 14 luglio. Il tunisino si è scagliato sulla folla con un camion frigorifero di 25 tonnellate. Diverse centinaia di metri percorsi a 80 chilometri all’ora, travolgendo tutto. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Salve a tutti I lettori, Vorrei sapere come mai non si riescono a rintracciarli poiché rivendicano via web?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *