Donna uccisa, fermato il compagno | La sua ricostruzione non regge - Live Sicilia

Donna uccisa, fermato il compagno | La sua ricostruzione non regge

Marco Ricci e il figlio sostengono di essersi difesi dall'aggressione di Anna Scavo

1 Commenti Condividi

Tre giorni dopo il delitto scatta il provvedimento di fermo nei confronti di Marco Ricci, accusato di avere assassinato l’ex compagna, Anna Scavo, sabato scorso all’interno di un negozio di calzature a Carini.

Secondo l’uomo e il figlio, pure lui rimasto ferito, era stata la madre ad aggredire Ricci che aveva reagito disarmando la donna e uccidendola con un taglierino. Una ricostruzione “incongruente”, così la definiscono gli investigatori, con i risultati delle indagini. In particolare, con quelle dei carabinieri della sezione investigazioni scientifiche del Nucleo investigativo di Palermo eseguite all’interno del negozio di calzature dove Scavo lavorava come commessa.

Il provvedimento di fermo, emesso dalla Procura della Repubblica di Palermo, è stato notificato dai militari della compagnia di Carini.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Che si indaghi per bene e speriamo che il figlio non si sia reso complice del padre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *