Fuori Di Marco, Barbera, Bazzi e Giuffrè |Orlando sceglie Arcuri, Marano, Raimondo e Gini - Live Sicilia

Fuori Di Marco, Barbera, Bazzi e Giuffrè |Orlando sceglie Arcuri, Marano, Raimondo e Gini

Il sindaco di Palermo rompe gli indugi e vara il rimpasto della giunta a Palazzo delle Aquile. Sostituiti quattro assessori. Al loro posto l'ex candidata alla presidenza della Regione, l'esponente della prima stagione orlandiana, un docente di botanica e un urbanista. LE REAZIONI

Palermo
di
61 Commenti Condividi

PALERMO – Il sindaco Orlando rompe gli indugi e, sorprendendo tutti, cambia quasi metà della sua giunta. Nel tardo pomeriggio di oggi, il primo cittadino ha presentato nel corso della conferenza stampa la sua squadra da cui escono ben quattro assessori: Agata Bazzi, Marco Di Marco, Tullio Giuffrè e Giuseppe Barbera che lasciano il posto ad Emilio Arcuri, Giovanna Marana, Giuseppe Gini e Franco Maria Raimondo.

Nomi in parte annunciati e in parte inediti che segnano il primo rimpasto della sindacatura ma che potrebbe non essere l’ultimo visto che il Professore, nel corso della conferenza, ha già annunciato per gennaio 2015 un nuovo “tagliando” alla sua squadra di governo. Intanto però saltano all’occhio le prime novità, con la delega di vicesindaco che passa da Cesare Lapiana a Emilio Arcuri.

“E’ arrivato il momento di procedere a una riformulazione della giunta – ha detto il sindaco – chiedendo a professionisti senza tessera di partito, che sono espressione della società civile, di dare il proprio contributo in sostituzione di altri quattro professionisti. Abbiamo presentato il rendiconto del 2013 e grazie all’impegno di tutti siamo riusciti ad evitare il dissesto, siamo all’uscita del tunnel. Ho espresso gratitudine a Tullio Giuffrè che ha vinto la cattedra all’università di Enna, a Giuseppe Barbera, a Marco Di Marco che da tempo aveva chiesto di essere esonerato e ad Agata Bazzi. Viviamo adesso una seconda fase”.

Ma, come detto, i rimpasti non sono finiti qui. “Dovremo formare la squadra della seconda metà del mandato, gli esami non finiscono mai – ha continuato il Professore – nessuno può distrarsi rispetto agli impegni dell’amministrazione, nè si può far fare a loro i compiti per i dirigenti”. Annunciate anche le deleghe, che però verranno formalizzate solo lunedì mattina: Attività produttive alla Marano, Lavori pubblici ad Arcuri, Urbanistica a Gini e Verde a Raimondo. “Ci sarà un assessore al lavoro e alla disoccupazione giovanile – ha continuato il sindaco – e metteremo fine agli Ipab e alla loro scandalosa gestione, sono mangiatoie autorizzate che alimentano commissari e cda: ci sono centinaia di immobili chiusi. Daremo un preciso mandato per la Favorita e renderemo fruibile il patrimonio comunale”.

Il sindaco ha comunque assicurato di trovare positivo il bilancio di questi mesi, difendendo anche la scelta di assessori non proprio giovani: “Abbiamo bisogno di persone capaci”.

LE REAZIONI
“Auguri di buon lavoro ai nuovi assessori della giunta Orlando, ma nessuno pensi che questo basti a risolvere problemi che rimangono tutti sul tappeto”. Così Sandro Leonardi, capogruppo di Leva Democratica a Sala delle Lapidi, commenta la nomina del nuovi assessori del comune di Palermo. “Il vero lavoro – continua Leonardi – è quello della programmazione e non è stato nemmeno cominciato. Basta pensare al crollo della Vucciria, alla gestione del personale, a una cabina di regia usata come slogan pubblicitario per le conferenze stampa, ai contratti di servizio dai costi esorbitanti come quello di Rap e agli altri che ancora non si sa quando saranno prodotti. Nel momento di più bassa popolarità e in assenza di qualunque progettualità, il sindaco prima si scaglia contro Crocetta e poi fa un rimpasto che visto il livello precedente potrà fare soltanto meglio, anzi poteva essere più incisivo, ma che si scontrerà inevitabilmente con la debolezza di un sindaco che non ha alcuna voglia di pagare prezzi politicamente significativi per il bene della città. Con 8.000 dipendenti comunali, senza contare le partecipate, di cui il 10% andrà via nei prossimi anni, pensiamo davvero di sostituirli con i dipendenti Gesip anziché fare un concorso per diplomati e laureati per aumentare il tasso tecnico, culturale e produttivo dell’amministrazione? Dobbiamo fare della Rap una azienda che funzioni e costi meno: questi sono i rimpasti che ci interessano”.

“Il rimpasto della giunta arriva troppo tardi – dice il capogruppo di Forza Italia Giulio Tantillo – e colpisce alcuni assessori tecnici competenti che hanno lavorato bene, lasciando in giunta assessori che sembrano avulsi dalla realtà cittadina. A Palermo non serve cambiare i nomi ma serve una politica, soprattutto una programmazione che riduca le tasse, migliori i servizi, rilanci le aziende e crei posti di lavoro. Orlando prenda atto che i tempi sono cambiati e che la sua giunta è rimasta indietro. I nuovi assessori li giudicheremo a fine anno quando sicuramente un nuovo rimpasto sarà inevitabile”.

“Dopo due anni anche il Sindaco si è reso conto dello scollamento tra l’Amministrazione da lui guidata e la città. Questo rimpasto forse è addirittura carente nel numero degli assessori da sostituire. Faccio gli auguri ai nuovi assessori, confido nelle capacità organizzative di Arcuri, ma faccio ancora più auguri alla città, con la speranza che ritorni ad essere amministrata con cura e ragionevolezza. Il Pd continuerà nel suo lavoro di proposta e valutazione attenta delle iniziative della Giunta, con la prospettiva di costruire un nuovo progetto per la guida della città”. Questo quanto dichiarato da Rosario Filoramo del Pd.

“Nel tentativo di rinnovarsi un’immagine ormai vecchia, Orlando ripesca elefanti del passato nel solco delle sue migliori tradizioni. Invece, farebbe bene certamente ad auto rottamarsi e dare spazio a volti nuovi per la città”. Lo afferma Angelo Figuccia, consigliere comunale di Forza Italia.

“Porgo i miei migliori auguri di buon lavoro ai nuovi assessori – dice Roberto Helg, Presidente di Confcommercio Palermo – a cui mi permetto di consigliare di ascoltare i cittadini palermitani prima di prendere provvedimenti che poi si è costretti a rivedere”. “All’Assessore alle Attività Produttive, in maniera particolare, consiglio di ascoltare le associazioni di categoria – conclude Helg – che certamente daranno la massima collaborazione, nel rispetto delle regole, per il bene della città e delle imprese”.

“Di certo, la Giunta comunale e’ stata rimodulata con innesti nuovi e col ritorno di volti già noti alla città nel tentativo, speriamo fortunato, di ricucire quel rapporto di fiducia tra l’amministrazione e i cittadini adesso incrinato – dice Teresa Piccione, capogruppo del Pd – è quello che ci auguriamo tutti. Per questo il Partito democratico ascolterà con attenzione il programma che il Sindaco presenterà in consiglio insieme alla giunta e valutera’ se vi si individuano soluzioni idonee a risolvere i troppi problemi ancora sul tappeto. Noi siamo aperti al confronto e faremo le nostre proposte costruttive per contribuire responsabilmente alla realizzazione di una politica a favore dei cittadini. Valuteremo la Giunta per la sua disponibilita’ al dialogo e per la sua capacità a rilanciare l’azione di governo nell’interesse di tutti. Domani avrà luogo la Direzione provinciale del Partito democratico durante la quale avremo modo di confrontarci e di concordare le nostre proposte”.

“Questo rimpasto arriva in ritardo e carente nei numeri – dice Fabrizio Ferrara del Pd – la giunta andava azzerata perchè sono stati fallimentari questi due primi anni di amministrazione Orlando a dispetto delle grandi aspettative. Nessuno dei grandi problemi della città è stato risolto: il tema dei rifiuti e della pulizia, la riorganizzazione delle partecipate, la creazione di aree pedonali e ciclabili, pari a zero la capacità di attrarre investimenti così come la capacità di spesa dei fondi comunitari in grado di rilanciare l’occupazione. La preoccupazione è che il Sindaco con questa mossa corra il rischio di rimanere ancora più isolato per via di un rimpasto che non guarda al futuro ma ad un passato che non c’è più”.

“Dopo due anni cambia mezza giunta e avvisa l’altra mezza che potrebbe cambiarla. Perché’ li cambia? Quali sono i limiti e gli errori? La risposta la potranno solo immaginare, perché il sindaco Orlando fa così, e se non vi sta bene non è un problema suo”. Con questo giudizio si apre una nota congiunta dei consiglieri comunali di Idv Paolo Caracausi e Filippo Occhipinti. “Il sindaco Orlando – proseguono i due consiglieri – ha il dovere di fare un bilancio sui problemi non risolti dalla sua giunta e di indicare proposte e soluzioni, sulla base di ciò si potrà esprimere un giudizio sui cambi effettuati e se questi sono adeguati alle soluzioni individuate. Se non si fa’ ciò, tutto somiglia a un cambio di persone e non di scelte. Palermo ha bisogno di una giunta che sappia cambiare passo e che sia in grado di discutere con la città e il consiglio comunale. In questo rimpasto, ci pare che l’unico vero grande assente sono i contenuti. Speriamo, che prima o poi, tornino protagonisti”.

“Augurando buon lavoro ai nuovi assessori, auspichiamo che il rimpasto della giunta serva ad accelerare l’iter di questioni ancora al palo come i regolamenti o le misure a favore del commercio e del turismo”. Lo afferma il presidente di Confesercenti Palermo, Mario Attinasi. “Siamo certi – prosegue Attinasi – che la nuova giunta saprà farsi carico di quelle iniziative che la città attende da tempo. Riconfermiamo la nostra disponibilità a collaborare con l’amministrazione comunale. Le associazioni di categoria devono rappresentare un’opportunità per chi governa la città. Mettiamo a servizio di questa giunta le competenze di Confesercenti affinché siano avviate misure concrete, evitando errori di percorso che potrebbero rallentare l’iter di iniziative importanti per l’economia della città”.

“Sia consentito, anche a chi ha avuto occasione di manifestare critiche anche severe nei confronti del settore Ambiente e del verde cittadino, esprimere solidarietà e apprezzamento per l’impegno e la competenza profusi dal professor Giuseppe Barbera che paga, per il suo ruolo di massimo responsabile politico, le storiche inefficienze e i limiti (che andrebbero allargati e distribuiti equamente) del settore ambiente, profondamente da rivoluzionare – dice Maurizio Alesi, consigliere dell’Ottava circoscrizione – ringrazio Barbera che paga per la mancanza di addetti alla potatura, per l’ insufficienza e inefficienza dei mezzi di cui non disponeva e, forse, anche per il suo volto signorile con il quale ha rappresentato degnamente la nostra città. Auguri di buon lavoro al suo successore nei confronti del quale, se non cambierà il contesto culturale e strategico del settore, potremo tornare ad usare più o meno gli stessi argomenti”.

“Sindacalisti, professori e uomini della Prima Repubblica – dice Andrea Mineo di Forza Italia – è un rimpasto che sa di attese tradite e minestra riscaldata. L’ennesima mossa inutile di un sindaco ormai solo. Il vero tema che sfugge non sono i nomi dei nuovi assessori ai quali va comunque il mio in bocca al lupo, ma il rilancio della città che non è mai avvenuto a distanza di ben due anni. Se il sindaco vuol fare un vero tagliando alla città si dimetta e dia la parola ai cittadini”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

61 Commenti Condividi

Commenti

    Leoluca hai fatto come sempre le scelte giuste.

    Sarà Cocilovo che si è dimesso dalla direzione regionale del PD ?

    Che perdite……

    MI CHIEDO: MA PER PALERMO NON CI SONO NUOVE PERSONE DA PREPORRE?
    PERSONE RICCHE DI CULTURA, MOTIVATE, COMPETENTI E NON LE SOLE MINESTRE “RIQUARIATE” DEI SOLI FALLITI.

    …e che acquisti se ci sarà la Marano! Risolveremo tutti i problemi delle attività produttive come tutte le vertenze che ha lasciato aperte in Fiom. Una non l’ha risollta…..

    Arcuri il nuovo che avanza…
    Comunque Orlando puo’ fare tutti i rimpasti di giunta che vuole,ma la realta’ è che la sua sindacatura è una delusione totale,tutto fumo e niente arrosto !!

    Le pressioni politiche a cui deve sottostare il sindaco sono forti. Quindi, gli spazi di manovra, altrettanti.
    Ma lui il rovina famiglie lo sa fare.

    Ecco perchè l’Arcuri non è più al Grande Fratello come opinionista!

    Ecco, Luca. Non c’era affatto bisogno di attendere 2 anni. Basta guardare i curriculum e parlargli, con questi assessori incautamente scelti, per capire.

    Ma La Piana, Evola e Ciulla: cosa hanno fatto in questi due anni? Qualcuno li conosce? È in grado di dire quali siano le loro deleghe?

    Ecco.

    Una buona scelta. Auguri di buon lavoro ai nuovi.

    Lasciano quei quattro ? Grandi perdite !!!!!!!!!!!!!
    Ma tra due minuti me ne faccio una ragione…

    TUTTO VECCHIO NELLE NUOVE SCELTE E IL NUOVO DOVE…….

    Speriamo che Raimondi dia un aspetto verde e una svolta ambientale

    ottima direi……ma per favore ….che vada a casa assieme a crocetta. gente inutile, incapace di amministrare…. neanche un condominio. A casa e per sempre

    Del resto sti di marco e bazzi sono stati una tragedia.

    Che delusione, Luca ,che delusione !!!

    Eh si effettivamente il Sindaco ha trovato gente nuova, motivata ……
    ah ah ah ah ah ah ah
    ARCURRIIIIIII il nuovo che avanza!!!!!

    e fra due anni il nostro Sindaco, che LO SA FARE, chi nominerà??????

    Orlando è in competizione con Crocetta.
    In palio la nomina a guastatore dei Siciliani

    Buon lavoro, ragazzi.!.. E stancatevi ogni giorno, noi palermitani vi saremo grati

    mi spiace per barbera

    Mancava solo una trombata alle regionali per avere il certificato di qualità del fallimento

    Scusate ma visto che Giusto Catania è un Assessore sempre voluto e riconfermato da Orlando questo sta a significare che Rifondazione Comunista è la componente politica della quale il nostro Sindaco non può fare assolutamente a meno?

    Invece la Marano é una tosta e farà senz’altro bene. A faccia ri viriusi.

    Per me il migliore era giuffrè… come face i timballi lui… PS non sono io giuffrè…

    Caro sindaco,ora se vuoi completare l’Opera Ludovico giàmbrone ad amg e la famiglia e salva

    Stai sereno Paride , la trombata saprà fare l’assessore come Orlando sa fare il sindaco…..ogghiu fitusu e parieddra sfunnata

    Hai proprio ragione, Giusto Catania è il suo “Agente all’Avana”.

    certamente il riciclaggio non è un’esclusiva della mafia. Al sindaco chiedo eviti false affermazioni sull’iscrizione a partiti o si informi meglio

    Ridicolo. Ormai é fuori dalla realtà. Gente incompetente e trombati che vanno e che vengono

    Barbera andava sostituito prima. Nulla ha fatto per migliorare il verde, anzi ha distrutto quello precedente per eccesso di negligenza.

    Il “migliore” era Giuffrè…
    Come parla bene lui…di cose che non conosce, nessuno!
    Ad un seminario sull’abusivismo edilizio ha fatto un intervento tra l’ilarità generale…
    Ma sapete com’è …ha studiato in Texas!!!!

    Nominabili?

    Pippo,Pluto e Paperino…
    Un”INTAMATO”,uno YES MAN e un puro di cuore “ATTASSATO” su cui fare
    cadere il fio dell’insuccesso.

    In tempi di spending rewiew bisogna riciclare ciò che si ha…

    Orlando è stata una delusione anche per me . Devo però dire che la situazione che deve gestire è da brivido . Il comune è al collasso , non ci sono i soldi per fare nulla . Sarebbe opportuno per stile ed eleganza che tutti i deputati di palazzo delle aquile devolvessero in 40% del loro emolumento mensile in un fondo nella disponibilità del governo cittadino per interventi urgenti ( vedi disinfestazione scuola art live sicilia) .
    Signori ancora voi parlate di chi sa fare cosa o meno non avete capito che siamo a pochissimo dalla Grecia . La nostra regione non và in default perchè è – appunto – una regione . I comuni ricevono pochissimo dalla Regione , i cittadini sono in larga parte evasori dei tributi locali . Le procedure per il recupero dei tributi sono troppo lente rispetto alla spesa corrente etc… etc… è la Grecia amici cari . Nei prossimi anni quelli che di voi vivevano delle briciole ( grandi o piccole) del sistema pubblico si troveranno a fare colletta al bar Sicilia ; quelli che come me vivono producendo faranno meglio ed emigrare .

    delusione e incapacita di governare una città, bhe la Bazzi confusione, inacapcità di proporre e innovatività zero, visto anche le isole pedonali e piazze pedonali che ha escoggitato per dare un tocco di europa alla nostra città…e poi a munnizza ricopre le strade e i marciapiedi…..giusto catania ma cosa fa?qual’è il suo compito?la piana non è nemmeno in grado di organizzare una festa per il palermo in A, figuriamoci cose molto più serie!ass. di marco ha fatto un vero e proprio casino tra licenze di ape carrozzelle e i gazebi in tutta la città…..continuiamo cosiche andiamo alla grande….!

    Scusate ma con tutto il rispetto della persona, vorrei chiedere al sig. Sindaco se il nuovo ass. Marano ha competenza sulle imprese e risolvere le tante difficoltà che già da tempo attanaglia il suap. Dare ascolto alle associazioni di categoria a commercianti e i tanti professionisti che operano nel settore.

    credo invece che affosserà gli orti periurbani

    non solo, questi nuovi…almeno tre, sanno come salvaguardare i poteri forti contro i poveri scemi che siamo noi sfruttati

    bisogna riconoscere che abbiamo il sindaco che ci meritiamo….siamo proprio dei masochisti….ci frustano con il tram e ora ci ridanno i vecchi baroni e chi sà come distruggere i piani regolatori…e in più si mette una sindacalista per fare il lavoro sporco…come siamo persi

    Tanti si sono fatti avanti quando hanno invitato i curriculum per cda, ecc.. Risultato? Gli stessi fedeli di sempre.

    Sono manipolabili

    Trullio Giuffrè invece … pure!

    A proposito di fumo. Che ci azzecca il direttore dell’orto botanico? Facessero i professori, senza giocare con la politica. Povera Università e poveri studenti!

    UNA DOMANDA: il comune ha lavori pubblici finanziati con i fondi europei?
    risposta:………………..
    considerazione: se la risposta è si ( ed è si!!!!!!!) allora da qualche parte c’è conflitto di interessi.

    I Presidenti delle partecipate li licenzia perché non danno continuità’ all’amministrazione comunale, alcuni assessori li licenzia perché c’è “scollamento tra l’amministrazione e la città”; il resto della giunta, dopo due anni, e’ ancora “in prova” fino a fine anno; l’assetto dirigenziale sarà’ rivoluzionato perché “i loro compii non possono svolgerli gli assessori”….
    Orlando…. ma cosa dici? Mi sa che per fare benissimo bastate Tu e la famiglia Giambrone.

    E’ divertente vedere nell’articolo i commenti di figuccia, tantillo e poi pure mineo (mi pare pure indagato). Criticano il “nuovo” che avanza……loro che hanno un capo pregidicato, decrepito e ai servizi sociali!!!Quando dovrebbe stare in galera.
    Quanto ai ciommenti dei soliti criticoni, lo sappiamo chge siete gli elettori delusi di costa (mammina!!!), ferrandelli (trasfermelli) e alicò. Dai risultati elettorali tre nullità.
    Avete deciso di rovinare questa città, ma la gente perbene vive ancora e faremo argine. Fatevene una ragione

    dove lavora la moglie di uno dei nuovi assessori?

    CERTAMENTE IL CAPO DI GABINETTO DEL SINDACO DOVRA’ NEL PREPARARE I PROVVEDIMENTI SINDACALI VERIFICARE SITUAZIONI DI INCONFERIBILITA’,INCOMPATIBILITA’ E CONFLITTO DI INTERESSI DEI NOMINANDI

    lacittàè in serie A, ma non sta per nulla bene. qualcosa doveva muoversi, speriamo bene . i quattro nuovi assessori hanno le competenze, ma sappiamo che questo non basta per amministrare bene , infatti barbera aveva le competenze, ma non ha saputo fronteggiare carenze e burocrati, peccato. in bocca al lupo ai nuovi e alla città

    mi pare che anche Orlando sia condannato in via definitiva 🙂 quindi evitale ste figuracce…ps: non mi frega niente di quelli che hai citato e sono piu’ a sinistra di te e dei dc rimessi a lustro

    l’ufficio dei controlli di SECONDO LIVELLO (autorità di audit) controllerà anche i progetti del comune di palermo finanziati con i fondi europei. Ecco il conflitto

    Orlando ti ho votato come il meno peggio, ti ho criticato, ti critico per la tua mediocre attività da sindaco popolare, ma questa volta con la nomina di Franco Maria Raimondo hai fatto 100 punti, come vedi Sindaco le persone giuste e competenti e che fanno il loro lavoro con grande passione ci sono basta cercarle al di fuori dagli ordini politici e massonici.

    Un grandissimo augurio a Franco Maria, Botanico, persona di grande qualità ed esperienza scientifica, amante della natura e degli animali, con lui Palermo può sperare di ritornare verde, con la massima tutela e rispetto per i suoi parchi, i suoi alberi e protezione e accoglimento delle specie selvatiche e d’affezione (Cani, Gatti, cavalli) che finalmente avranno una speranza di essere accuditi con amore e civica attitudine.

    Auguri Franco Maria.

    @nessuno1
    speriamo, però suggerisco un assessorato per la tutela sei cittadini che non hanno animale e che quotidianamente si trovano a fare gincana tra le cacazzate dei cani che si fanno conferire anche nei prati e nei parchi.

    non so che hanno fatto, sarà un caso ma quest’anno non si è verificato u solo giorno di chiusura della scuola materna comunale di mio figlio. stessa scuola e e 4 anni fa il delirio!…non so se è merito dell’assessore (sarei fazioso) o di Orlando (che non ho votato!!!!) è solo una testimonianza.
    Per il resto vedo pochi risultati…del resto picciuli in cassa nisba..ma questo Ollando lo sapeva!…i rimpasti di solito servono per gli equilibri di partito e non per il programma…il nodo sta nelle capacità del sinnaco a trovare soldini…

    la Bazzi fuori??? “FINALMENTE”. Grazie era ora ma non era addetta alla manutenzione strade ahahahahahah si si questa giunta si vede che è all’altezza lo si dimostri dal PURO DEGRADO URBANO INFLITTO DAL LEUCHINO SIN DAL 2012 “manto stradale dissestato, aiuole mal curate rispetto del codice della strada inesistente per non parlare del fatto che da quando c’e’ leuchino che Palermo vedi strade “in” come via de nebrodi viale Strasburgo piazza De Gasperi oggetto di puro degrado ” Palermo mai stata cosi'” tempo fa Orlando dichiaro vado dai PM no no sono i PM AD ANDARE DA TE E A CHIEDERTI Perché PALERMO è SPORCA SIN DALL’APRILE 2012, Per non parlare dell’abusivismo che c’e in via buon riposo ma come mai è apparsa una nuova circoscrizione??? mi domando è sempre stata in via San Ciro o mi sbaglio mah mistero……non AGGINGO ALTRO questa e l’ennesima prova che orlandino deve immediatamente abbandonare questa città aaa ahahahah dimenticavo Orlando ha appena affermato a casa Minutella che il tram è opera sua aahahahahahahahahaha ma che dici ma se il comune non ha i soldi neanche per pagare i dipendenti della gesip figuriamoci il tram carissimo Leuchino ed leuchini il tram? e opera di Bruxelles passata a sua volta al governo nazionale che ridere il tram opera di Leuchino ahahahah

    Stupido commento, mi scusi, generalmente mostra maggiore sensibilità e raziocinio nel scrivere.

    @nessuno1
    uno sfogo! ci può stare…eppoi ho avuto 15 cani di tutte le stazze…quasi tutti adottati…e animali di ogni genere…ho colto il suo intervento e lo condivido.
    ho pestato la cacca scendendo dalla macchina…ho il diritto di incazzarmi un po…mica coi cani…con i palermitani…

    Mi sembrava strano, ho sempre apprezzato il pensiero da te espresso e la sensibilità.

    Saluti

    Amico disinformazione, concordo con il pensiero e maleducazione dei tutori degli amici a quattro zampe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *