Ortigia, Napolitano: "Sconfitta a tavolino col Telimar fa male" - Live Sicilia

Ortigia, Napolitano: “Sconfitta a tavolino col Telimar fa male”

"Ci ha colpito molto nel morale, perché comunque lavoriamo per un obiettivo tutto l'anno e poi subiamo una decisione come questa"
PALLANUOTO
di
0 Commenti Condividi

ORTIGIA – Tra i tifosi dell’Ortigia (e non solo), gli sportivi e gli addetti ai lavori si discute ancora della decisione assunta dalla LEN (e mai comunicata ufficialmente alla società biancoverde) di assegnare al team di Piccardo la sconfitta per 10-0 a tavolino nella semifinale di andata di Euro Cup contro il Telimar. La LEN ha parlato di scelta compiuta sulla base della documentazione ricevuta, senza chiarire le ragioni e soprattutto senza spiegare cosa di quella documentazione non andasse bene.

L’Ortigia ha preparato il ricorso e ha chiesto alla LEN tutta una serie di informazioni sulla regolarità della decisione, mentre sui social arriva da più parti l’indignazione per un provvedimento che punisce prima di tutto la pallanuoto e la credibilità delle sue istituzioni europee. In tutto questo, quelli che sicuramente hanno subito il colpo più duro sono stati i giocatori, che hanno preferito non parlare e non rilasciare dichiarazioni, nell’attesa che la società facesse le proprie comunicazioni e assumesse le proprie decisioni ufficiali. Oggi, invece, in un’intervista sul sito dell’Ortigia, a parlare a nome della squadra è il capitano, Christian Napolitano.

LE DICHIARAZIONI

“Questa decisione – esordisce il centroboa biancoverde – ci ha colto un po’ alla sprovvista, Ci ha colpito molto nel morale, perché comunque lavoriamo per un obiettivo tutto l’anno e poi subiamo una decisione come questa, con un 10 a 0 a tavolino e la necessità di recuperare vincendo 11 a 0, impresa fisicamente impossibile. Abbiamo preso molto male la notizia, però la stagione è ancora lunga. Adesso c’è solo da lavorare a testa bassa e rimboccarsi le maniche. Alla squadra ho detto proprio questo. Siccome l’ho vissuta già questa situazione, anzi l’abbiamo vissuta in molti nel 2020, quando per il Covid-19 sono state cancellate le competizioni con noi già in finale di Euro Cup, l’unica soluzione per noi ora è quella di pensare a lavorare sempre di più, per arrivare a raggiungere altri obiettivi. Vuol dire che ci sono cose ancora più grandi che ci aspettano”. 

PROFESSIONALITÀ

“Noi giocatori – continua il capitano – non abbiamo altra scelta, possiamo solo andare avanti con la solita professionalità. Certo, il morale è quello che è, perché da 2 anni ci tolgono questa dannata coppa e io non so se l’anno prossimo avrò la possibilità di rigiocarla o se altri miei compagni avranno l‘opportunità di fare altrettanto, visto che molti siamo a fine carriera. Personalmente posso dire, da giocatore, che andare avanti così non ha senso, noi atleti abbiamo degli obiettivi per i quali lavoriamo duramente facendo sacrifici, mentre quelli che decidono queste cose forse non sono mai stati atleti. Secondo me sono più dei segretari, dei burocrati che stanno seduti sulle loro poltrone e non sanno nemmeno se c’è l’acqua in piscina o forse neanche come è fatta una piscina. Purtroppo noi siamo quelli che vengono danneggiati da queste decisioni e possiamo rispondere solo lavorando più forte”.

IL RAMMARICO

Per Napolitano, il provvedimento della LEN non danneggia solo l’Ortigia: “Questa scelta – afferma – fa molto male soprattutto alla pallanuoto. Tanti giocatori di altre squadre ci hanno scritto indignati, definendo questa cosa una schifezza. Io da sportivo posso dire che non mi piacerebbe vincere una partita in questo modo, perché le partite si giocano sul campo e lì poi ha la meglio chi è più forte. Non troverei stimoli a vincere a tavolino, sarebbe da perdenti, sarebbe un segno di debolezza. Preferisco sempre giocarmela, poi festeggiare se vinco o applaudire e stringere la mano agli avversari se sono più forti e vincono loro”. 

Molti sui social ritengono che il Telimar avrebbe potuto chiedere alla LEN di rinviare il match rifiutando la vittoria d’ufficio. Il capitano biancoverde non commenta le scelte degli avversari: “Non entro nella testa dell’altra società, non mi interessa dire cosa avrei fatto io se fossi stato al posto loro. Noi guardiamo sempre e solo a noi stessi. Andiamo avanti, lavoriamo duro, perché fisicamente è un’impresa impossibile rimontare. Vedremo cosa accadrà, per ora c’è solo da far silenzio e allenarsi. Dobbiamo pensare solo a giocare, abbiamo il campionato e la coppa Italia. Per quanto riguarda l’Euro Cup, al ritorno di sicuro daremo un segnale forte. Non aggiungo altro”.

IL RICORSO

Infine, sulla possibilità che il ricorso presentato dall’Ortigia vada a buon fine, il centroboa siracusano è laconico: “Il ricorso secondo me non cambierà le cose, perché loro non sconfesseranno mai la loro decisione, anche se è sbagliata”. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.