Palermo, adesso riparti | contro i fischietti "stonati" - Live Sicilia

Palermo, adesso riparti | contro i fischietti “stonati”

Il Palermo
di
1 Commenti Condividi

Una sfida buona per cancellare l’amarezza e i brutti ricordi delle ultime due trasferte. Il Palermo ospita il Brescia, dopo gli strafalcioni arbitrali che hanno penalizzato i rosanero contro Chievo e Cagliari e che hanno scatenato le proteste del patron Zamparini e persino del tecnico Rossi. Il mister ha tuonato: “Devo credere alla buona fede, ma non voglio passare per coglione”. Queste le dure parole dell’allenatore riminese alla vigilia della sfida contro i lombardi. Una sfida nella quale il Palermo potrà contare, finalmente, sull’apporto del proprio pubblico. I rosa, poi, potranno approfittare delle tante assenze tra le rondinelle. Tutto sul match del Barbera nel nuovo numero del Palermo, che potete scaricare qui sul sito livesicilia. La presentazione della gara, i precedenti, i confronti tra gli allenatori, i numeri, le curiosità, il giornale è scaricabile in formato pdf. (QUI)
Una vittoria per ripartire. Questo chiedono i tifosi. Questo vogliono il presidente e la squadra. Nella speranza che, almeno stavolta, i fischietti non siano “stonati”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    è difficile immaginare che i fischietti degli omini in nero non siano stonati.Il palazzo poi,nulla fa per non farlo credere.Se a Verona ha arbitrato con il Chievo un arbitro veneto e l’esperimento, chiamiamolo cosi,’ non è andato a buon fine,mi chiedo perchè un arbitro lombardo contro il Brescia?Il designatore, viste le polemiche, non dovrebbe far di tutto per sgomberare il pensiero dubbioso dei tifosi, rosanero e non, da ogni possibile fischio stonato?Est modus in rebus……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.