Palermo, denunciati 60 presidenti di seggio: "Malati di calcio"

Palermo, denunciati 60 presidenti di seggio: “Malati di calcio”

Sono stati identificati dalla Digos. Informativa in Procura
VERSO UN MAXIPROCESSO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – A giudicare dai numeri dell’inchiesta il 12 giugno scorso, a Palermo, ci fu un’epidemia da pallone. La Digos ha denunciato 60 persone alla Procura della Repubblica. Erano tutti presidenti di seggio ed erano tutti allo stadio per la partita tra Palermo e Padova che segnò il ritorno in serie B dei rosanero.

Allo stadio, nonostante dovessero essere ai seggi. Provocarono il caos. I poliziotti hanno riscontrato che i tagliandi a loro intestati sono stati vidimati elettronicamente agli ingressi del Renzo Barbera. Non risulta alcun cambio. Nessun altro è andato allo stadio al loro posto.

La stragrande maggioranza ha presentato un certificato medico. Dall’influenza al mal di stomaco: le loro scuse sono ritenuti non credibili. E adesso, nel successivo step investigativo, anche i medici che hanno certificato le malattie saranno chiamati a spiegare cosa sia accaduto.

L’informativa, consegnata nei giorni scorsi al procuratore aggiunto Sergio Demontis e ai sostituti Eugenio Faletra e Andrea Fusco, è il risultato di uno screening che ha riguardato 600 seggi elettorali cittadini.

Molti hanno ammesso di esseri andati allo stadio, altri che non valeva la pena fare il presidente di seggio visto l’esiguo compenso. Escluse chissà quali pressioni esterne subite da presidenti o il boicottaggio pianificato.

C’era la partita del Palermo. Punto. Dietro la diserzione di massa, dunque, non c’è alcun mistero, ma la voglia di assistere al ritorno in serie B dei rosanero. Al momento dell’apertura dei seggi saltò fuori che 174 tra presidenti e scrutatori avevano rinunciato. C’erano volute ore per rimpiazzarli. Nel frattempo alcuni elettori avevano trovato le scuole chiuse.

Cosa rischiano? Una multa da 206 a 516 euro nella “migliore” delle ipotesi. Nei casi più gravi, e sono la quasi totalità, ci sarà l’iscrizione nel registro degli indagati. Si va verso un maxi processo per falso e interruzione di pubblico servizio.

Non solo i medici, d’ora in poi i poliziotti valuteranno la posizione degli scrutatori. L’unica speranza è che l’inchiesta scoraggi comportamenti simili. Per fortuna il 25 settembre, giorno di elezioni nazuionali e regionali, il Palermo non scenderà in campo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    D’altronde con questa grande squadra da Champions che avete un comportamento da tifoso accanito dovete considerarlo anche in un presidente di seggio. A Manchester, Liverpool, Barcellona o Madrid piuttosto non fanno coincidere le partite con le elezioni.

    L’Ordine dovrebbe provvedere e sanzionare e cancellare… … sempre che non siano troppo impegnati con le università “estere”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.