Palermo fa il pieno di turisti | Hotel e B&B vicini al sold out - Live Sicilia

Palermo fa il pieno di turisti | Hotel e B&B vicini al sold out

Turisti a Palermo (Foto d'archivio)

Il ponte del 25 aprile porterà nel capoluogo una nuova ondata di visitatori.

FESTA DELLA LIBERAZIONE
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Italiani, stranieri, giovani e meno giovani, in visita per un giorno grazie alle crociere o pronti a soggiornare per qualche notte. Sono sempre di più i turisti che scelgono per le proprie vacanze Palermo: una “invasione” pacifica che si fa via via più numerosa e che, dopo Pasqua, sembra praticamente inarrestabile. Le scene di frotte di visitatori che nel fine settimana del 15 e 16 aprile hanno preso d’assalto il centro del capoluogo siciliano sono destinate infatti a ripetersi anche per questo lungo “ponte”: il fatto che la festa del 25 aprile cada di martedì e che quella del primo maggio venga di lunedì ha, in pratica, creato un lungo periodo di possibile riposo di cui la città sembra poter giovare.

Un aumento dei flussi turistici dovuto a più fattori (dalla economicità della meta ai problemi legati alla sicurezza di altri Paesi), ma che pare poter diventare sempre più solido in vista del prossimo anno, quando Palermo sarà anche capitale italiana della cultura e sede della biennale d’arte contemporanea Manifesta. Una prospettiva di lungo termine, anche se la città intanto si gode i buoni numeri del 2017.

Secondo i numeri della Gesap il ponte del 25 aprile, tanto per fare un esempio, porterà ben 85.500 passeggeri all’aeroporto di Punta Raisi, in aumento di 6.500 unità (+8,19%) rispetto allo stesso periodo del 2016. Saranno 34 i movimenti in più (+5,74) e, di questi, 22 saranno collegamenti con l’estero (+14,47%), con l’incremento di 3.500 passeggeri internazionali (+16,76%).

“I dati elaborati dal Centro studi turistici di Firenze la scorsa settimana confermano come Palermo sia una delle mete preferite dai turisti – dice Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo e vicepresidente regionale – segnali sicuramente incoraggianti, ma a cui bisogna far seguire investimenti e interventi seri e puntuali: solo così potremo fare del turismo un vero volano della ripresa economica”.

Secondo il Cst che si rifà alle rilevazioni su portali web come Booking, Expedia, Trivago e Airbnb, infatti, da questo week-end alla festa della Liberazione l’indice di saturazione delle camere a Palermo toccherà il 65% (+2% rispetto al 2016), con percentuali destinate ad aumentare. “Confesercenti da tempo invita a una stretta sinergia fra istituzioni e tessuto produttivo locale – spiega Attinasi – solo così sarà possibile offrire un’accoglienza di qualità e stabilizzare i flussi turistici che ad oggi rappresentano una boccata d’ossigeno per Palermo”.

Per Federalberghi l’indice di occupazione tra alberghi e b&b potrebbe sfiorare l’80%. “Un trend in aumento che conferma l’interesse nazionale e internazionale per Palermo sia per le condizioni di sicurezza che per quello che è in grado di offrire – commenta Nicola Farruggio, vicepresidente vicario regionale e responsabile di Federalberghi Palermo – la città è tra le più economiche in Italia e questo spiega anche l’aumento dei connazionali che arrivano qui. Palermo non è più la tappa di un tour, ma è diventata una meta precisa per chi viene in Sicilia”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Mah non so….. io vedo solo croceristi scendono al Porto 2 ore e tornano su in nave..

    Facciamo una bella legge per rendere la vita impossibile a chi cerca di ospitare i turisti nel proprio appartamento e così abbiamo chiuso definitivamente col turismo. Penso che Federalberghi avrà capito che il flusso turistico negli hotel non dipende dagli affitti delle case ma dalla capacità degli hotel di adeguarsi ai tempi. Oggi il turista arriva a Palermo perché trova molta scelta tra una vastita’ di offerte. Linitarle significherebbe farli scappare con grave danno per l’economia della città.

    Spero sia così ma serve decoro per le strade. Con tutti i netturbini che abbiamo non si riesce a tenere le strade pulite…e che….!

    Hotel e B&B pieni.
    Certificato dalle loro associazioni di categoria.
    Alla faccia di chi dice che sono solo i turisti delle crociere che si fermano per due ore…

    Effettivamente Palermo è piena di turisti. L’amministrazione comunale però, visto che incassa tassa di soggiorno per non dare nessun servizio al turista, potrebbe migliorare qualche cosa. Per esempio, evitare gli ambulanti con le lenzuola stese a vendere borse, che dà un senso un pò troppo da suk; oppure mettere più panchine a Piazza Massimo, così da consentire alla gente di godersi la piazza non seduti sui marciapiedi, che dà un senso troppo da scouts (anche per gli anziani); oppure, strano ma vero, fare piccole opere di manutenzione in città, dalle strisce pedonali, che sono scomparse, all’eliminazione di pali inutili (ce ne sono forse milioni), fermate bus dismesse, marciapiedi rotti (non ce n’è uno solo in città che non sia distrutto), fare piccole cose, insomma, che qualunque amministratore di buon senso farebbe, quanto meno per giustificare il pizzo che viene chiesto sotto forma di tassa di soggiorno.

    …ma se qualcuno NON ha alcun merito, tra questi vi è sicuramente la GESAP.

    L’elevatissimo numero di turisti che vogliono venire ultimamente a Palermo si può benissimo spiegare anche con l’effetto Orlando. Da tutto il mondo desiderano personalmente constatare quanto sia cresciuta e migliorata la nostra città grazie all’attuale Amministrazione.

    ahahahah questa è bellissima
    Grande Skrillex per la battuta sarcastica. Perché è una battuta vero?

    Per ottenere tutto questo prima dobbiamo sbarazzarci dell’attuale sindaco.

    Il problema sono i troppi palermitani incivili no i netturbini

    Forse a qualcuno sfugge il dato ufficiale. Palermo secondo i dati per l’appunto ufficiali (fermi al 2015) si pone al (vergognoso) 34′ posto nella classifica dei comuni italiani per presenze turistiche. Pertanto questi “spot” elettorali con me non attaccano.
    Parlando di turismo, chi ha amministrato questa città sino ad oggi (e non mi riferisco solo ad Orlando) ha semplicemente fallito.

    Ma no, Fabrizio, non essere sarcastico; guarda che Skrillex ha ragione!

    Se noti, gran parte dei turisti visitano piazza Pretoria, ma è proprio per stare vicini ad Orlando. Il quale, fa tendenza; non sai quante persone, nel mondo, ormai girano con un automobile blu, riservando l’uso del tram alle situazioni in cui devono presenziare ad un’inaugurazione.

    La città di Orlando, in Florida, è stata chiamata così in suo onore. Vi è una linea ferroviaria che l’attraversa, ma niente tram perchè non esistono targhe da scoprire. L’assenza di tram la rende molto trafficata, con interminabili code di auto blu.
    Purtroppo vi sono pochi migranti perchè, negli States, con l’espressione “effetto Orlando” si è voluto indicare la stretta sull’immigrazione voluta da Trump, giustificandola con la strage di Orlando. Ma qui, l'”effetto Orlando” (di cui Skrillex deve essere considerato a pieno titolo lo scopritore) invece i migranti li attrae. E per estensione attrae anche i crocieristi; in fin dei conti giungono con dei natanti anche loro.

    E’ prevista un’amplificazione di tale effetto con estensione al di fuori dei confini del Sistema Solare; è pertanto già stato approvato un progetto per la costruzione di un astroporto, su terreno confiscato alla mafia. Lo costruirà la Tecnis…
    …vuoi aprire un Bed&Breakfast?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *