Parte la bonifica dei primi sei siti inquinati: sul piatto 40 milioni di euro

Parte la bonifica dei primi sei siti inquinati: sul piatto 40 milioni di euro

L'annuncio dell'assessore Baglieri
REGIONE
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Pronti a partire, in Sicilia, i primi sei interventi di bonifica di siti inquinati. A disposizione quasi quaranta milioni di euro. La Regione, attraverso l’assessorato all’Energia, ha proceduto alla nomina dei soggetti attuatori (i Comuni) che dovranno presentare entro sei mesi i progetti per la realizzazione degli interventi.

“Mettiamo in sicurezza le aree a rischio”

“Il governo Musumeci – afferma l’assessore Daniela Baglieri – intende mettere in sicurezza le aree a rischio che per anni hanno rappresentato uno scempio ambientale, oltre che un pericolo per la salute dei cittadini. Un risultato ottenuto dopo mesi di duro lavoro e lungo confronto con Roma. Adesso siamo pronti a partire».  Questa prima tranche di interventi riguarda la provincia di Siracusa e di Caltanissetta. Nell’area aretusea sono coinvolti i Comuni di: Augusta (discariche di contrada San Giuseppe e contrada Ogliastro); Priolo Gargallo (risanamento delle aree contaminate delle Saline, messa in sicurezza del sito Campo sportivo ex Feudo); Siracusa (caratterizzazione rifiuti, progettazione e messa in sicurezza ex discarica Arenura). Nel Nisseno a essere interessata è la discarica di contrada Piana del Signore a Gela.

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    nemmeno Nicoletta Orsomando – decana delle annunciatrici rai – ha fatto tanti annunci quanto quelli fatti dal governo musumeci, con una differenza però: gli annunci della Orsomando erano seguiti dai programmi tv, quelli del governo musumeci….da nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *