Partiti divisi sul premier |L'Mpa: dimissioni subito - Live Sicilia

Partiti divisi sul premier |L’Mpa: dimissioni subito

Briguglio (nella foto): Monti "viola le regole fondamentali dell'autonomia regionale e della democrazia politica". Plauso dell'Udc e di Miccichè. Barbagallo (Pd): impossibile il commissariamento, ma si può rimuovere il governatore. Rifondazione: "Monti tardivo e autoritario". E Pistorio (Mpa): "Vogliono evitare le elezioni, a questo punto il governatore lasci subito"

Le reazioni alla lettera di Monti
di
20 Commenti Condividi

Arrivano i primi commenti politici alla lettera di Mario Monti a Raffaele Lombardo con la quale il premier chiede conferma al governatore in merito alle sue dimissioni il 31 luglio, esprimendo “gravi preoccupazioni” per il rischio default della Sicilia.

C’è chi plaude, come Udc, Pdl e Grande Sud, chi critica Monti come i finiani e Rifondazione. E poi c’è il partito del governatore, che invita Lombardo a giocare in contropiede: dimissioni subito per “salvare” il voto anticipato da chi vuole rimandarlo al 2013.

“La lettera del presidente del Consiglio al presidente della Regione siciliana è irrituale e viola le regole fondamentali dell’autonomia regionale e della democrazia politica – attacca Carmelo Briguglio, vice presidente dei deputati e coordinatore siciliano di Fli -. Francamente viene percepita come una inelegante quanto palese imbeccata di lobby politiche e industriali che vogliono condizionare il quadro politico in Sicilia e impedire che gli elettori di una grande regione del Paese, le cui condizioni finanziarie sono non dissimili da altre, possano tornare all’esercizio del diritto fondamentale che e’ quello del voto per rinnovare democraticamente le proprie istituzioni rappresentative. Una gaffe istituzionale di particolare gravità alla quale il presidente Monti farà bene a porre rimedio”. “Le lobby romane vogliono impedire il libero ritorno alle urne in Sicilia, vogliono rinviare il voto: questa è la mia lettura della nota di Palazzo Chigi”, gli fa eco il capogruppo all’Ars dei finiani Livio Marrocco.

Plaude invece l’Udc che aveva chiesto un intervento del primo ministro: “L’intervento del premier Monti, tempestivo e corretto nella forma e nei toni, conferma appieno la giustezza dell’analisi sulla situazione finanziaria della Sicilia e la richiesta di un’azione urgente a livello nazionale per fermare una deriva che rischia di portare al tracollo dell’economia regionale e del sistema istituzionale”, commenta la presidente del Gruppo Udc all’Ars Giulia Adamo. “Ognuno, adesso, non avrà più alibi: risponderà di fronte alle generazioni presenti e future e dovrà prendersi fino in fondo le proprie responsabilità”, aggiunge la Adamo

“Siamo grati al presidente Monti per la sua iniziativa che serve a salvare la Siclia”, dice il presidente dei senatori dell’Udc e segretario regionale siciliano, Gianpiero D’Alia. “L’intervento del presidente del Consiglio – aggiunge D’Alia – è due volte più importante perché può contribuire a evitare che l’Isola precipiti nel default e consentire di preservare i fondi europei di cui l’intera economia regionale ha bisogno. In questo momento, proprio queste due preoccupazioni dovrebbero stare a cuore di tutte le forze politiche responsabili”.

.Positivo anche il commento di Gianfranco Miccichè: “Considero politicamente importantissima la lettera del premier Monti. E’ la garanzia dell’impegno concreto che il governo nazionale intende assumersi nei confronti della nostra terra”. Secondo il leader di Grande Sud, Monti “rassicura, chiunque sarà chiamato a guidare la Sicilia nei prossimi mesi, sulla concreta disponibilità del governo nazionale a collaborare nel difficile percorso di risanamento e crescita che dovrà essere necessariamente affrontato”. Consenso a Monti anche dal Pdl. “E’ la dimostrazione -dice la senatrice Simona Vicari – della grande attenzione del governo nei confronti della Sicilia, che purtroppo negli ultimi anni ha mostrato il suo peggio”. Giudica positivamente l’intervento di Monti anche il coordinatore Dore Misuraca: “La situazione siciliana è gravissima, siamo sull’orlo del baratro e questa iniziativa potrebbe essere l’inizio di una rinascita della Regione”.

Secondo il segretario del Pd Giuseppe Lupo, Monti ha “il diritto-dovere di chiedere al presidente Lombardo se conferma l’intenzione di dimettersi il 31 luglio”. Ma nel Pd c’è chi storce il naso. “Alcuni hanno paura, per questo vogliono commissariare la Sicilia per rinviare le elezioni”, dichiara l’eurodeputato Rosario Crocetta, candidato alla presidenza della Regione Sicilia, commentando la notizia secondo la quale ci sarebbe in atto un tentativo di rinviare le elezioni regionali in Sicilia, commissariando il Governo, andando così al voto alla scadenza naturale della legislatura nel 2013. “l tentativo di puntare al rinvio delle elezioni attraverso il commissariamento della Regione, – continua Crocetta – è solo un subdolo tentativo per cercare di guadagnare tempo di fronte al crescere del movimento che si prefigge di eleggere Crocetta Presidente della Regione”.

Giovanni Pistorio, leader del nuovo Mpa, tuona: “Se la lettera del Presidente del Consiglio è il preludio ad una procedura di commissariamento della Regione Siciliana, sappia il professor Monti che si tratta di un atto abnorme e fuori dalla Costituzione, in quanto mancante di qualunque presupposto formale e sostanziale”. Secondo Pistorio “è del tutto evidente l’interesse di pezzi del sistema politico nazionale di evitare a qualunque costo le elezioni anticipate in Sicilia”. Ecco perchè Pistorio chiede a Lombardo “di dimettersi e convocare immediatamente le elezioni regionali”.

Secondo Giovanni Barbagallo del Pd, “le preoccupazioni del Presidente del Consiglio Mario Monti sul ‘rischio Sicilia’ sono assolutamente fondate. L’ipotesi del commissariamento della Regione, per la mancata utilizzazione delle risorse comunitarie, non è applicabile ma ci sono valide ragioni di carattere tecnico per potere giustificare la rimozione del Presidente della Regione e lo scioglimento dell’Ars. Se lo scioglimento dell’Ars è, infatti, subordinato all’accertamento della “persistente violazione dello Statuto”, è tuttavia possibile la rimozione del Presidente della Regione (con il conseguente scioglimento dell’ARS) che abbia compiuto ‘reiterate e gravi violazioni di legge’ secondo le modifiche apportate allo stesso articolo 8 dello Statuto”.

Rudy Maira del Pid è perplesso: “fermo restando che le dimissioni del Presidente della Regione vanno notificate al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e non al presidente del Consiglio dei Ministri, considero la lettera di Mario Monti, che comunque appare inconsueta e quasi atipica. Contro Monti e in difesa dell’autonomia si schiera un partito sempre durissimo con Lombardo, Rifondazione comunista: “La grave incapacità gestionale del Governo  Lombardo, il suo livello di sperpero del denaro pubblico, la sua gestione clientelare dalla macchina amministrativa,  sono dati inconfutabili  da sempre conosciuti dal Governo Monti che, anche su  pressione del PD siciliano principale alleato di Lombardo, nè ha sempre tollerato l’inaccettabile operativià, ignorando di fatto la Sicilia – attacca il segretario Antonio Marotta -. L’intervento oggi di Monti, che sembra dare l’ aut-aut a Lombardo,  oltre ad essere tardivo  ed anche assolutamente  privo di una possibile efficacia, sembra più che altro il tentativo in estremis di togliere le castagne dal fuoco al PD  ed alla stessa Confindustria siciliana che hanno  da sempre sostenuto Lombardo nel suo percorso di governo. Il Presidente Monti sa che se il PD siciliano avesse voluto veramente votare la mozione di sfiducia a Lombardo questi oggi sarebbe già stato mandato a casa?
L’ultimatum di Monti assume,  inoltre,  così come è stato inviato, un piglio autoritario  verso una Regione Autonoma, che non può essere accettato da un premier  nominato verticisticamente e mai eletto democraticamente dal popolo italiano”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

20 Commenti Condividi

Commenti

    assurdo incomprensibile monti schiavo delle lobby se fossi lombardo non mi dimetterei piu

    La lettera di monti è stata assolutamente perfetta nei modi è nei tempi :
    a- Lombardo deve confermare nei fatti le dimissioni ;
    b- Il governo in ogni caso ha palesato senza gridare al lupo al lupo le difficoltà sicule è la volontà di prestare assistenza senza se è senza ma aldilà delle mere ragioni politiche.

    Personalmente Lombardo, anche se non lo credo uomo leale ed intransigente, a meno che si tratti dei propri affari di partito azienda, ritengo debba dimettersi palesando la sua inefficienza, già evidenziata dalla sua dichiarazione, “soli non è buono neanche in paradiso” ( comunque si è smentito da solo in questi anni facendo il vuoto attorno a sè).
    Quanto a RETURN , ed alla sua affermazione, “assurdo incomprensibile monti schiavo delle lobby se fossi lombardo non mi dimetterei piu”, ti informo che pure Lombardo ha capito che è meglio che fa le valigie. lo ha detto. Mica Mica sta cercando la scusa per rimanere a fare più danno ?
    GL

    On. Barbagallo, ci spieghi quali sono le “reiterate e gravi violazioni di legge”

    Articolo 8 legge costituzionale 26/02!948 n.2. nonchè Statuto Speciale della Regione Sicilia.

    1. Il Commissario dello Stato di cui all’art. 27 può proporre al Governo dello Stato
    lo scioglimento dell’Assemblea regionale per persistente violazione del presente Statuto.
    2. Il decreto di scioglimento deve essere preceduto dalla deliberazione delle
    Assemblee legislative dello Stato.
    3. L’ordinaria amministrazione della Regione è allora affidata ad una Commissione
    straordinaria di tre membri, nominata dal Governo nazionale su designazione delle stesse
    Assemblee legislative.
    4. Tale Commissione indìce le nuove elezioni per la Assemblea regionale nel
    termine di tre mesi.
    5. Con decreto motivato del Presidente della Repubblica e con l’osservanza delle
    forme di cui al secondo e al terzo comma è disposta la rimozione del Presidente della
    Regione, se eletto a suffragio universale e diretto, che abbia compiuto atti contrari alla
    Costituzione o reiterate e gravi violazioni di legge. La rimozione può altresì essere
    disposta per ragioni di sicurezza nazionale.

    Se Lombardo non si dimettesse, il 5 comma sarebbe pienamente applicabile, viste le reiterate violazioni di legge o atti contrari alla Cost, nonché Statuto Siciliano-legge cost, e di certo troverebbe il sostegno della maggioranza parlamentare presente nei due rami a Roma. In questo caso si avrebbe un mini commissariamento di 3 mesi.
    Mi auguro comunque che si dimetta!!!

    Monti schiavo delle lobby? Ma non vedete in quale condizione si trova la Sicilia? Quando non pagano gli stipendi di chi sarà la colpa? Attentato alla democrazia? Ma per favore…….

    Presidente dimettiti subito e si vada alle elezioni. Non possiamo farci defraudare la nostra autonomia da questi sciacalli !!!

    quanti bei commenti, quanta bella gente.
    Ma voi politici di destra, sinistra, centro ecc. ecc, che a turno avete condiviso con lombardo 4 anni di politica siciliana, che vi siete spartiti tutto quello che c’era da spartire, e che avete pensato soltanto ai fatti vostri e dei vostri amici, portandoci alla situazione attuale, pensate di essere meno colpevoli del vostro attuale o ex capo?

    Caro Giovanni Pistorio, pensi di potere dire a Lombardo di dimettersi subito? Quale autorità hai che ti permette di dirlo, se non quella “donata”da Lombardo stesso, che ad oggi, ha fatto di tutto per non dimettersi. Taci… almeno…!!! Quando, e se splenderai di luce propria, allora potrai,senza peccare di esagerazione, dire la tua…

    @ lauria ovviamente non conosci lo statuto siciliano
    La lettera di monti è palesemente in violazione allo statuto siciliano e alla sua specificita e inoltre è legato ad una richiesta informale dell udc che ha governato sino a pochi mesi fa con lombardo e dal vice presidente di confindustria lo bello che ha in giunta un suo uomo venturi.
    la verita è quella riportato nel pezzo di foresta e cioè i partiti non sono organizzati per le elezioni di ottobre e faranno di tutto per spostarle nel 2013.

    ELEZIONI subito !

    E che nessuno voti i “camerieri” di Monti : PDL, PD, UDC
    Cento volte meglio votare Grillo o IDV !

    Dobbiamo dare un segnale FORTE a chi vuole UCCIDERE la democrazia in Italia !

    Presidente Lombardo si dimetta e andiamo alle elezioni, daremo una bella legnata a questi ominicchi con la spada di latta

    Che scandalo! Si dimetta Monti così a suo posto va Lombardo ne ha tutte le capacità
    Se sembra una battuta si è sulla giusta strada.

    Ma fatemi capire….. I Finiani criticano monti in sicilia e poi prendono l’aereo per roma e lo adulano!!!! Questi sono pazzi!

    L’ Italia : Paese ROVINATO da due psudoprofessori massoni al servizio degli Speculatori

    La vedo brutta, per pensionati al minimo e salariati, con questi “professori”
    Il primo fu Prodi che DIMEZZO’ ( in un solo giorno ) il potere d’ acquisto di pensioni e salari introducendo l’ euro, ad un cambio sfavorevole della lira ( da veri “lacchè” della Germania ) promettendoci in cambio un dorato benessere “Europeo” ( che poi non arrivò mai )
    Ora arriva quest’altro “professore”, subito nominato dal canuto Napolitano Senatore a Vita ( per chossà poi quali “misteriosi” meriti ) prima che abbia ancora potuto muovere, in bene o in male, un solo dito per l’ Italia
    C’è qualcosa che non mi convince in Monti ed in particolare due cose :
    1) Ha detto che dobbiamo “imparare a rispettare la “grande Germania”
    2) Ha detto che si devono strizzare più i redditi che i patrimoni ( solfa già sentita e risentita ) perchè sennò si rischia che i ricchi se ne scappano dall’ Italia

    No, non ho alcuna fiducia in questo “professore” che a me sembra più un “gendarme” garante dell’ oligarchia speculativa e parassita Europea, che non un esperto in Economia al servizio della “Patria” !

    Bravo Monti ! Non si lasci intimidire dagli scherani di Lombardo !

    Daccordo che quello che sta facendo Monti è incostituzionale e lede l’Autonomia siciliana,
    ma per una volta vogliamo vedere la realtà per quella che è, i nostri politici e i nostri presidenti o governatori secondo voi hanno governato per il bene della SICILIA o per i loro interessi e quelli dei loro amici.
    Apriamo gli occhi e facciamo un’analisi sui nostri ultimi tre presidenti, Capodicasa, Cuffaro e Lombardo (per non andare ancora più indietro) che valore aggiunto hanno portato alla Sicilia, cosa hanno fatto per migliorare il nostro tenore di vita.
    La vera realtà è che, si sarà incostituzionale, ma ce lo meritiamo.
    Quel che abbiamo seminato con questi signori ( il nulla e la malapolitica) abbiamo raccolto…..

    ci voleva .l’mpa deve capire che, la sicilia e’ di noi siciliani e non la loro .in gamba monti ! dimissioni lombardo subito ma, no commissario. la sicilia ha bisogno di pilastri veri x vivere.elezioni subito. grazie!!!

    la realta’ e’ questa. la nostra amata terra e’ stata martoriata. ma dico io ???? ivan lo bello spunta ora??? dove e’ stato in questi anni?????? ma finiamola . noi siciliani siamo stanchi di questi”personaggi” siamo arrivati a questo punto grazie a loro. ma si faccia pulizia e si vada a votare subito. monti e’ stato costretto ad intervenire . pure napolitano sta a cuore la sicilia. la sicilia e’ autonoma se si sa governare ma l’avete portata in ginocchio con la crisi lavoro , sia x operai che x le imprese .hanno bloccato l’economia siciliana , non si puo’ piu’ vivere. che futuro abbiamo noi e i nostri figli? ma che monti e napolitano prendono la posizione giusta x essere sempre autonomi con le persone giuste. ragazzi mica e’ la fine del mondo che sono scesi in campo i lider della costituzione. siamo siciliani ma , pure “italiani !!!!!!!!!!!!

    Presidente Lombardo io al posto tuo mi dimetterei subito e mi RICANDIDEREI a Presidente della Regione Siciliana. E’ ovvio che Roma centralista non è organizzata per andare al voto…….
    vedi ad esempio l’Udc che gioca su non so quanti forni ….il Pdl che non tutti sono daccordo su una possibile ricandidatura di Berlusca, il Pd che ha una guerra interna con Matteo Renzi che vuole dire la sua . Insomma hanno bisogno di tempo…….anke perche’ Grillo otterrebbe oggi la maggioranza dei consensi. Si Ricandidi , se vinci sarai un eroe se perdi un martire del sistema centralista…..Forza Presidente………..coraggio siamo con TE:

    Monti :nominato ! Lo Bello : nominato ! Lombardo eletto dal popolo Siciliano con una percentuale da paura !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.