Alla sbarra il maestro Elia| I verbali: “Erano coccole” - Live Sicilia

Alla sbarra il maestro Elia| I verbali: “Erano coccole”

Oggi udienza chiave in Appello, determinanti in primo grado i video choc registrati dagli investigatori. Su facebook è nato un gruppo a sostegno di Manlio Elia, condannato in primo grado a 6 anni per violenza sessuale nei confronti di minori.

2 Commenti Condividi

CATANIA-  Il processo d’Appello contro il maestro Manlio Elia della De Amicis, condannato in primo grado a 6 anni per violenza sessuale nei confronti di minorenni, si sta avvicinando alla sentenza e si preannunciano udienze infuocate.

Non a caso, per assistere le parti civili e l’imputato sono scesi in campo alcuni tra i più prestigiosi avvocati catanesi. Manlio Elia è difeso dallo studio Trantino, mentre le parti civili, cioè i bambini ritenuti in primo grado vittime di violenze sessuali, sono assistiti da Emanuela Fragalà, Patrizia Impallomeni e Andrea Gianninò

Non si tratta di un imputato qualunque, Manlio Elia, insegnante di storia e geografia e icona della pallavolo, ha cresciuto migliaia e migliaia di bambini. Poco più che cinquantenne, Elia ha organizzato campus sportivi, ha lavorato alla Valtour e coordinato una sezione di pallavolo del Cus Catania.

Per molti amici è una persona “meravigliosa”, alcuni suoi ex studenti hanno creato un gruppo su facebook “Noi che sosteniamo Manlio Elia” e non si contano i messaggi di solidarietà con tanto di magliette.

Per il tribunale di Catania però, sarebbe responsabile di violenza sessuale nei confronti di minori. Per farsi giudicare, Elia ha scelto il rito abbreviato e non sono state riconosciute le attenuanti generiche. Ad inchiodarlo sono state le riprese delle telecamere piazzate dagli investigatori coordinati dal Pm Agata Consoli. Le cimici hanno immortalato consuetudini che testimonierebbero, secondo il Tribunale, “l’insana mania sessuale” del maestro che “avrebbe selezionato i bimbi sui quali concentrare le proprie attenzioni, evitando il coinvolgimento di figli di amici o di professionisti, privilegiando anzi i bimbi più malleabili, provenienti da ambienti difficili o bisognosi di sostegno psicologico”.

I fatti sono venuti a galla grazie alla denuncia della madre di uno degli alunni del maestro, che ha trovato il coraggio, tre mesi dopo il racconto del figlio, di recarsi in questura e dare il via alle indagini.

I bambini che avrebbero subito molestie sono stati sentiti anche con l’ausilio di uno psicologo e hanno ricostruito ogni particolare. La Procura però, non si è accontentata del racconto dei bambini.

Gli investigatori coordinati dal Pm Agata Consoli hanno piazzato alcune telecamere nascoste nella classe del maestro Manlio Elia.

Dopo aver immortalato per diversi giorni, il maestro che “accarezza dall’interno del maglione la schiena del ragazzo, inserire da tergo la propria mano tra le gambe del bambino”, dopo aver immortalato contatti “viso a viso e baci che sfiorano le labbra del bambino oltre che sulla sua guancia”, le telecamere registrano anche “particolarissime attenzioni a sfondo chiaramente sessuale da parte del maestro”. Manlio Elia “provvede a sistemarsi nell’abbigliamento e sembra anche le parti intime”. Un alunno viene invitato a sedersi sulle gambe del docente, “viene continuamente accarezzato dall’insegnante dapprima sulla schiena, mediante introduzione della mano sotto il maglione e poi, scendendo, sembra insinuare con la mano, in costante movimento, anche la zona intima del ragazzo”. Il maestro “tocca ripetutamente il sedere e la schiena del ragazzo anche dall’interno”. Mentre tutti gli alunni sono seduti al proprio posto, il maestro e il bambino, all’unisono, “si avvicinano l’uno all’altro scambiandosi, per diversi secondi, vere e proprie effusioni amorose, fatte da intensi abbracci e baci reciproci”. Poco dopo il maestro manifesta “attenzioni sessuali con evidenti palpeggiamenti prolungati, anche nelle parti intime del ragazzo, che adagia il capo sul busto dell’uomo rimanendovi immobile. L’alunno riceve carezze e baci, anche sulle labbra. L’azione continua sino a quando il maestro risistema i pantaloni indossati dal bambino”. Lo stesso maestro “evidentemente eccitato dalle effusioni procuratisi, sistema le proprie parti intime e l’abbigliamento”. Poco dopo il maestro prende la mano del bambino e la porta sulle proprie parti intime”.

LA VERSIONE DEL MAESTRO.

Interrogato dai magistrati il 12 dicembre del 2012, il maestro Manlio Elia, ha detto che “ci sono bambini che hanno bisogno di contatto, un contatto trasparente e puro con una persona che non ha nessunissimo bisogno di fare un’operazione del genere e, ribadisco, quando succede io sono una parte…io non partecipo perché non ho il benché minimo trasporto. Era una forma di coccole, una forma di contatto, una forma di affettività e di calore umano nel quale io non ho mai assolutamente visto nulla di…cioé non ho mai messo una malizia e, soprattutto, la cosa più importante, io…cioé non è dettato da una mia esigenza, io non ho un trasporto a fare questo. E quindi è normale che se gli metto la mano dentro il maglione…”. Il tribunale del Riesame, dopo l’arresto, contesta la ripresa in cui si vede il bambino immobilizzato sulle sue gambe, mentre il maestro muove la mano dentro il maglione. “Già un punto secondo me importante è che questa esigenza non parte da me”. Ad un certo punto il docente nega di toccare le parti intime, da di limitarsi alla pancia. Secondo il giudice, “il maestro rifiuta di confessare a se stesso la propria insana mania sessuale e più volte ribadisce che non ha bisogno del contatto dei bimbi, contatto che si limita a privilegiare come scelta pedagocica ottimale, rivendicandone la proficuità didattica”.

Il maestro ammette di essere arrivato, con le “coccole”, “al pube” dei bambini, “ma neanche volutamente perché non c’è nella mia intenzione di praticare nessuna forma di masturbazione”.

Tutti elementi che lo hanno fatto condannare a 6 anni di reclusione per pedofilia. In attesa della sentenza definitiva, dopo 10 mesi di arresti domiciliari, Manlio Elia è stato rimesso in libertà. E adesso la parola passa alla Corte d’Appello

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Sicuramente prima di giudicare bisogna avere certezza dei fatti, e se comunque ciò fosse vero è uno schifo principalmente perché è un maestro un allenatore e le sue competenze gli permettono di stare a contatto con dei minori.
    E un solo video se evidenzia le sequenze indicate direi sia sufficiente a dimostrare la sua colpevolezza….e se ciò sono solo coccole sarei curioso di sapere se tutti coloro che lo difendono sarebbero disposti a far accarezzare, baciare in bocca e toccare le parti intime dei propri figli.
    Personalmente condanno la pedofilia in tutte le sue forme ed espressioni perché un adulto che desidera avere attenzione per un minore anche se bisognoso…di calore si limita ad una carezza sul viso fatta con tutto l’amore possibile e basta.
    E le mani sotto il maglione devono essere messe solo per massaggiare una pomata e simili.
    Un pedofilo deve stare in manicomi a vita oppure dovrebbe avere il coraggio di togliersi di mezzo senza recare danno alla società e a chi inconsapevolmente gli vive accanto.

    È Manlio che sta subendo violenza ! anche da questo tendenzioso articoletto, dettato ad arte da sciacalli rognosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *