Truffe porta a porta, l'allarme: i falsi agenti sono tornati - Live Sicilia

Truffe porta a porta, l’allarme| “I falsi agenti sono tornati”

Ecco quali sono le zone della città più colpite e come evitare di finire in trappola
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – L’arresto di pochi giorni fa di un 37enne che avrebbe truffato i clienti Enel tramite una società fantasma, è solo l’ultimo dei casi che alimenta un fenomeno molto più ampio a Palermo. Quello dei raggiri attraverso le bollette della luce, portato avanti da falsi agenti, è infatti un meccanismo ormai tristemente collaudato che registra segnalazioni e denunce da un capo all’altro della città.

Le zone più colpite

Dalla fine del lockdown provocato dall’emergenza sanitaria per il Coronavirus, sono infatti tornate anche le ‘visite’ di sospetti dipendenti delle compagnie di energia elettrica, soprattutto nelle zone tra Pallavicino e viale Strasburgo. Entrerebbero in azione quasi sempre in coppia, con camicia bianca, cravatta nera e un cartellino che provoca non pochi dubbi. In base alle segnalazioni degli utenti, chiederebbero di riscuotere l’importo di alcune fatture insolute, nonostante il cliente sia in regola con tutti i pagamenti. Per fortuna, in molti intuiscono subito di trovarsi di fronte a presunti truffatori e lanciano l’allarme alle forze dell’ordine.

“Pretendono di entrare in casa”

“Pretendono di salire al piano e di entrare in casa – racconta Piero Fantauzzo, un residente in viale Strasburgo – ma quando diciamo che arriverà la polizia si dileguano. Se non avessero nulla da temere non se ne andrebbero”. I falsi agenti conoscerebbero i dati sensibili degli utenti, al punto da riuscire ad intimorirli: “La scorsa settimana – spiega una donna che stava per finire in trappola – ho temuto di essere davvero in debito con l’Enel. Mi hanno parlato della chiusura del mercato tutelato del settore energetico e della possibilità di poter cambiare società, se solo avessi voluto. A quel punto ho contattato il servizio clienti, che mi ha rassicurato, e li ho invitati ad andare via”. A finire nel mirino sarebbero soprattutto gli anziani. In tre casi, i pensionati stavano per ‘abboccare’, ma i familiari sono intervenuti giusto in tempo. “Mio padre ha 79 anni e abita da solo in via Belgio – racconta Paolo Davì -. A fine giugno mi ha chiamato, confuso e preoccupato. Voleva lo aiutassi a trovare il codice fiscale e altri documenti: due uomini erano in casa sua, quindi mi sono precipitato da lui e abbiamo chiesto spiegazioni. Non ci hanno convinto, anzi. La paura di essere stati smascherati li ha traditi e sono andati via”. Ma ecco i consigli delle forze dell’ordine per evitare di finire in trappola:

Il vademecum delle forze dell’ordine

  • Non aprite la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un’uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità.
  • Ricordatevi che prima di fare dei controlli nelle case, gli enti affiggono avvisi nel palazzo.
  • Verificate sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi.
  • Se non ricevete rassicurazioni, non aprite per nessun motivo.
  • Ricordate che nessun ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente.
  • Per qualunque problema e per chiarivi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 113.

L’Enel: “Chiamare il numero verde”

Ma a mettere in guardia è anche l’Enel, che ribadisce: “Ci sono numerosi accorgimenti che gli utenti possono adottare per capire se si ha ache fare con un truffatore. I nostri dipendenti infatti posseggono un tesserino che li identifica e accerta l’appartenenza reale all’Enel. Poi è necessario osservare nel dettaglio la documentazione in loro possesso, dove i dati dell’azienda devono essere ben dettagliati e affiancati dal logo originale. Per evitare ogni dubbio, il cliente può immediatamente chiamare il numero verde 800.900.860 e verificare che l’agente non sia un truffatore”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Via danimarca: vengono un giorno si e l’altro pure. Palesemente attori, quando chiamiamo la polizia scappano! Oltre a tutti i problemi che abbiamo dobbiamo avere a che fare anche con questi disturbatori in cerca di soldi. Più controlli!!!!

    A me una signora per citofono mi ha perfino minacciato se non gli avessi aperto il portone di farmi immediatamente tagliare seduta stante sia l’energia elettrica che il gas (che tra l’altro ho con due fornitori diversi da quello che lei rappresentava).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.