Piano casa, regge l'asse Lombardo-Pd - Live Sicilia

Piano casa, regge l’asse Lombardo-Pd

No a emendamento del Pdl
di
3 Commenti Condividi

Non passa all’Assemblea regionale siciliana, dove si è votato il Piano casa, l’emendamento del Pdl ‘ufficiale’ che prevedeva l’estensione dei benefici degli ampliamenti per gli edifici abusivi, anche se sanati. Vince, al momento,  la linea del presidente Raffaele Lombardo e viene premiato l’asse di ferro con il Pd. Il governatore prima del voto a scrutinio segreto sulla proposta di modifica all’articolo 2, aveva preso la parola: “Abbiamo inaugurato uno stile di confronto a 360 gradi con tutti i capigruppo e si era trovata un’intesa decisa su alcuni punti imprescindibili. Io c’ero quando questa era stata raggiunta”.  La questione ha rallentato i lavori che si misuravano su un’ipotesi di intesa della maggioranza, Pdl-Sicilia e Mpa, concordata con il Pd. L’aula si è spaccata tra quanti nel Pdl e Udc intendevano concedere la possibilità di usufruire del beneficio degli ampliamenti degli immobili anche a chi ha giovato della sanatoria, e quanti, invece, tra il Pdl Sicilia Mpa e Pd, era contrario a concedere questa opportunità. Distinguo che hanno attizzato un incendio polemico. “Ogni giorno – ha aggiunto Lombardo – un pezzo del nostro territorio aggredito dal cemento cede, come a Caronia o a San Fratello. Invocare i condoni è inopportuno e il governo esprime il suo dissenso profondo. E’ giusto escludere da questi benefici chi ha abusivamente costruito ed è stato sanzionato”. Sull’emendamento è stato chiesto il voto segreto ed è stato bocciato (47 voti contrari e 25 favorevoli). “L’aula ha tenuto – ha detto il capogruppo del Pd Antonello Cracolici – è importante che non vi siano premi per le sanatorie. Con questo voto è stata riconosciuta la posizione di chi ha rispettato le regole”.
Nel corso della seduta conclusasi in serata, alla cui presidenza si sono alternati il presidente Francesco Cascio e il vicepresidente Santi Formica, sono stati approvati, dopo un ampio confronto su numerosi emendamenti, gli articoli 2, 3, 6 e 7. Si tratta di norme che riguardano l’ampliamento degli edifici esistenti; il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente; la semplificazione e lo snellimento delle procedure; la riduzione degli oneri per chi adotta misure antisismiche. Il presidente Santi Formica ha quindi aggiornato i lavori a domani alle 16.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Pare proprio che chi ha predetto vita breve per questo governo, gufando, c’azzecca pure. Prima o poi, arriva l’ora dei conti. In guerra, tutti compatti, in pace, ognuno pensa per sè. Chi ci fà una cattiva figura? Lombaro? No!! Miccichè? Nooo!! Il Pd ? Siiiii !! Sempre loro, per le cattive figure, sono sempre i primi. I records negativi li guadagnano tutti loro.In questa occasione, all’interno del Pd, si evidenziano coloro che sono contro il provvedimento,ligi alle loro idee, poi, coloro che, per amore di ….. ,sono pronti ad aggiustare e ad adeguarsi. L’importante è stare al governo, indirettamente, negando ogni coinvolgimento e fare i propri porci comodi.gente sen’altro coerente, non alla propria linea di partito, ma a quella di qualcun’altro. D’altronde un detto siciliano dice: un asino, si strofina con un altro asino. Il gioco è fatto!!! Un segnale da Roma è arrivato, come monito, non tanto al pupillo, quanto a colui che vuole traviarlo. dallo sguardo di Lombardo, nel commentare l’acaduto,non traspsriva nulla di buono. Sembrava non sapesse cosa dire. Quasi in una forma di imbarazzo. Continuava a ripetere all’ossessione il termine ” scivolone”.Non ha fatto capire bene da parte di chi… Forse suo? Non può pretendere di fare tutto quello che vuole, anzi, ultimamente sembra pure nervosetto, chissà perchè…? Mi rimetto al detto . Chi di spada ferisce, di spada muore.

    La decadenza della Sicilia si misura pure da qui.

    Tutti parlano delle alchimie politiche sottostanti a questo disegno di legge, ma nessuno dice che si tratta dell’ennesima legittimazione di scempi ed abusi edilizii in un territorio che ormai frana dalla Sicilia alla sera.

    Mi piacerebbe conoscere l’avviso della redazione

    … era dalla mattina alla sera ovviamente… (lo correggete voi?)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *