Porcello, ecco l'assassino| Aveva già ucciso - Live Sicilia

Porcello, ecco l’assassino| Aveva già ucciso

Angelo Porcello, 50 anni

Angelo Porcello, 50enne di Blufi, aveva lasciato il carcere un anno e mezzo fa, dopo una condanna a 19 anni per un omicidio di natura passionale. Ad agosto era nuovamente finito in manette. Era ancora ai domiciliari.

Ha sferrato la coltellata mortale
di
28 Commenti Condividi

BLUFI (PALERMO) – Aveva già scontato una lunghissima pena per un omicidio di natura passionale. Finito dietro le sbarre per diciannove anni, era stato rilasciato un anno e mezzo fa. Ma Angelo Porcello è finito nuovamente in manette. Era stato arrestato l’ultima volta lo scorso agosto il pluripregiudicato di 50 anni residente a Blufi che nel tardo pomeriggio ha ucciso la farmacista Giuseppina Jacona all’interno del suo negozio del corso principale del paese. Poi si è dato alla fuga, tornando a casa e facendosi trovare dai carabinieri in pantofole e pigiama.

Le accuse nei suo confronti erano di detenzione abusiva di munizioni, ricettazione e minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. L’arresto, dopo una perquisizione nei pressi della sua abitazione, la stessa nella quale avrebbe dovuto trovarsi oggi, visto che stava scontando la pena ai domiciliari. Porcello, già pregiudicato ai tempi per diversi reati, fu trovato in possesso di tredici cartucce calibro 12 ed un cellulare marca Samsung s3 risultato provento di furto.

Porcello, infastidito dal controllo dei carabinieri, quel giorno perse le staffe, cominciando a insultare e aggredendo uno dei militari. Quest’ultimo stava per scovare le munizioni delle quali Porcello non aveva mai denunciato il possesso. Il cinquantenne finito in manette fu così condotto al carcere Cavallacci di Termini Imerese, ma all’udienza di convalida il giudice optò per i domiciliari.

Oggi, nel suo appartamento che dista soltanto qualche metro dal luogo del delitto, avrebbe ricevuto la visita del giovane Gandolfo Giampapa, fidanzato della nipote. Insieme si sono recati alla farmacia per tentare la rapina finita nel sangue e proprio Porcello ha afferrato il coltello che aveva in tasca colpendo al collo la donna, per la quale i soccorsi non hanno potuto fare nulla.

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

28 Commenti Condividi

Commenti

    Ergastolo a vita … Vergogna !!!

    Poverino, le carceri scoppiano e doveva stare in un metro quadrato i una cella superaffollata… ditelo a Pannella e Napolitano; magari adesso lo mandano al Grand Hotel, giusto come premio.

    Ma come si fa a tenere ai domiciliari un omicida che si ribella ai carabinieri e detiene munizioni?
    In questo caso il giudice è stato “leggermente superficiale”…

    Porcello è lo zio della ragazza di Gabdolfo.

    il porcello meriterebbe ben altro che il carcere, perche: il carcere e educativo, ma lui a bisogno di essere punito amaramente e selvaggiamente, poichè gli anni trascorsi in galera non l’anno educato.

    2 anni non di piu e poi di nuovo domiciliari
    no stavolta la notizia ha fatto rumore quindi gli daranno la giusta pena
    quella che dovevano dargli prima….

    Bisognerebbe tornare a catalogare le persone e trattarle come meritano. La pietà, la comprensione, la fiducia, la stima, sono valori che si guadagnano. Dobbiamo smetterla col buonismo fasullo che mette insieme mele marce con quelle buone. I giudici, non si dovrebbero basare solamente sui codici o sulle appartenenze…, ma dovrebbero avere soprattutto esperienza umana e buon senso. Non si può lasciare in giro una bestia che ha già ucciso e che sarà pronta a rifarlo, in quanto il suo istinto è più forte della ragione.
    In una società non ci sarà mai pace se non ci sarà vera giustizia.

    una brava persona e’ morta un assassino torna a casa.

    Speriamo che il tarlo del rimorso, gli tolga il sonno per sempre. L’ ergastolo è assicurato, deve marcire in carcere povero e pazzo.

    dovrebbero mettere la pena di morte!! così si risolverebbe il problema affollamento carceri.. se ci fosse la dicitura che dice: se si uccide una persona, si verrà puniti con la sedia elettrica! scommettiamo che gli omicidi calerebbero del 80%? ma giusto per dirne una: ho visto un documentario sulle carceri in america e ho visto con mio stupore che un ragazzo di 18 anni che uccise un’uomo per rapina è stato condannato per 96 anni ma quì perchè non le fanno queste leggi così severe?? è facile dare 10-20-30 al massimo e con la buona condotta e indulto leggi svuota carceri al massimo scontano la metà della pena e ci troviamo ad affrontare la feccia per le strade poi fanno i danni e la colpa di chi è?

    il giudice, colpevole dell’assassinio della povera farmacista.

    Se avete il cellulare della Cancellieri, fatele una telefonata per farglielo sapere.
    Altro che condizioni disumene del carcere, in Siria o in Cina lo manderei per scontare la pena.

    grande giudice …domiciliari….bravo !!!!
    perche’ i giudici non devono pagare i loro errori nell’applicazione delle norme,visto che ormai sbagliano di continuo…quante morti assurde,,,maledetti !!!

    il cellulare della ministra squilla solo per le persone buone e bisognose….i Li Gresti,persone rette e moralmente ineccepibili!!!

    facciamoli morire in galera!!!!

    Al Giudice va attribuita la responsabilità di questo omicidio. I Giudice DEVE pagare per quello che ha fatto così come devono pagare chi commette dei crimini a qualunque titolo.
    Basta buonismo, basta soliderietà ai criminali. Non è possibile andare avanti così.

    il carcere? troppo bene sono trattati li io li metterei dentro una fogna con pane e acqua e farei delle campagne con recinzione di cemento armato alto scoperchiati e farli vivere col il freddo la pioggia e col caldo quando batte il sole a farli scoppiare sta gente di m….. cosi’ solo si sfollano le carceri e soprattutto metterei a chi struprano donne , bambini e anziani che ci levano la vita sensa pieta’ e noi non dobbiamo avere pieta’ su di loro . cosi solo si leveranno il vizio basta farlo provare state tranquilli che altri ci penseranno due volte prima di levare la vita ad un altro/a .

    SIGNOR giudice , ma lei la notte riesce a dormire?

    beh almeno ora sappiamo che il Giudice legge Livesicilia: su ogni post di denuncia contro questo luminare della Giustizia c’è un “bed”. Sig. Giudice esca fuori, certo potrà ricevere insulti di ogni colore e di ogni tipo, ma stia tranquillo: nessuno potrà nuocerla fisicamente…non perchè non vuole, ma perchè non può!

    Ma che ce ne facciamo sulla terra di uno cosi? Colpa del carcere che non lo ha “recuperato”? Ma buttiamo le chiavi, anzi, pena di morte!

    i giudici si sentono onnipotenti e quando sbagliano nessuno ha il potere di chiedergli spiegazioni.che giustizia malata

    Ci vorrebbe la pena di morte, sarebbe un vantaggio anche per tutta la cittadinanza, ricordiamo che ogni carcerato ci costa 300 euro al giorno, e più ne mettono dentro più ci alzano le tasse per pagare quest’altre spese, bisogna copiare la Cina e l’America.

    Per casa intendi la galera

    @salvo secondo me questo episodio deve fare riflettere su due cose, una che il carcere non è per niente educativo anzi rendi i detenuti ancora più aggressivi (dopo 19 anni vedi il risultato) la seconda: il giudice che metro di giudizio ha utilizzato ? Come fa a non ritenere pericoloso un’omicida ? Pagherà per questo?

    Udite Udite, proprio la scorsa settimana in una nota piazza di Palermo un gruppo di buonisti ha simulato la grandezza di una cella lamantandosi che vivere in quelle condizioni è disumano. Io li criticai, venni attacato…………………..bene proponiamo che questi due elementi vengano rinchiusi nelle case di codesti manifestanti. Vediamo se riescono a rieducare il Porcello facendolo vivere con tutti confort.
    P.S. di notte attenti alla gola.
    PENA DI MORTE CON CAMERE A GAS!!!!

    Ma in che mondo viviamo?
    Chi fa del bene muore ammazzato!””
    Xche’ prendersi pena di questa specie umana, non sono nemmeno bastardi sarebbe un offesa x la razza canina.
    Quando si hanno delle certezze si che ci sta la pena di morte anche xche’ se da 20 anni e’ stato un tipo losco xche’sperare x i prossimi sarebbe un danno x l’intera umanita’.
    Che giustizia sia fatta!””
    e che i signor giudici si facciano benedire

    per ogni assassino o delinquente che uscito dal carcere ricomette un reato e che sta fuori per colpa di un giudice che ha dato una pena sbagliata, io proporrei che il giudice debba pagare di tasca propria 200 mila euro e in più debba finire in carcere scontanto la pena assieme alla persona che ha graziato, così vediamo quanta gente tengono ancora fuori e quanto sono ancora superficiali! e magari riusciamo anche ad ottenere dei soldi per mantenere in carcere i fetenti assassini!

    Ma nessuno parla di responsabilità civile dei Giudici, peraltro voluta dagli italiani col il referendum popolare del 1987.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.