Putin annuncia: "Niente gas ai Paesi che impongono il price cap" - Live Sicilia

Putin annuncia: “Niente gas ai Paesi che impongono il price cap”

“La Russia non agirà contro il buon senso, pagando di tasca propria per il benessere degli altri“
L'EMERGENZA
di
1 Commenti Condividi

“Dirò una cosa: la Russia non agirà contro il buon senso, pagando di tasca propria per il benessere degli altri. Non forniremo energia a quegli Stati che impongono un tetto ai prezzi dell’energia. Verso coloro che preferiscono i trucchi sporchi e i ricatti spudorati, e sono decenni che viviamo in un paradigma di questo tipo, in ambito politico, non agiremo a nostro discapito”. Lo ha ribadito il presidente russo Vladimir Putin, intervenendo al forum della Settimana dell’energia russa, come riporta Tass. 

Misure come il tetto ai prezzi per le risorse energetiche russe sono un “gioco truccato”, ha affermato il presidente russo. “I beneficiari della rottura del Nord Stream sono evidenti: gli Usa e i Paesi con rotte di approvvigionamento alternative”, ha detto Putin.

“Lo scopo dell’atto terroristico contro i gasdotti Nord Stream era quello di minare la sicurezza energetica dell’intero continente. Dietro il sabotaggio c’è qualcuno che vuole tagliare completamente i legami tra la Russia e l’Ue e così indebolire l’Europa”, ha aggiunto. 

“Non ci sono garanzie che l’Europa sopravviva a questo inverno con le attuali riserve negli impianti di stoccaggio sotterranei di gas”. Lo afferma l’amministratore delegato di Gazprom Aleksej Borisovič Miller, come riporta Tass. “Le forniture di gas via Nord Stream 2 possono iniziare immediatamente” se riceverà le autorizzazioni, ha aggiunto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    lo zar sta giocando al gatto col topo con tutti i leader europei tranne uno che aveva capito tutto come l’ormai ex ministro degli esteri Luigi Di Maio tant’è vero che anzicchè essere premiato è stato invece trombato alle elezioni dopo essere stato spinto ad uscire dal M5S. Addirittura Di Maio è stato pure accusato di essere troppo vicino sia al presidente che al segretario di stato USA come se questa fosse una colpa e di essere un guerrafondaio solo perchè ha sostenuto l’esigenza di una guerra da parte della Nato alla Russia. Se in Italia spuntano leader capaci come Di Maio o Draghi possiamo essere certi che verranno esautorati proprio perchè essere capaci e preparati non paga affatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *