Anziana bloccata e rapinata in casa| Arrestata una donna - Live Sicilia

Anziana bloccata e rapinata in casa| Arrestata una donna

Due uomini hanno trascinato la pensionata dentro casa, poi hanno passato al setaccio tutte le stanze e si sono dati alla fuga con soldi e oggetti preziosi. Caccia ai complici.

Palermo, nella zona di corso calatafimi
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Stava uscendo per fare la spesa, ma la routine quotidiana di una pensionata di 83 anni è stata interrotta da un vero proprio assalto avvenuto in casa sua. Davanti alla porta è stata bloccata da due uomini che l’hanno trascinata dentro all’appartamento e immobilizzata.

Da quel momento in poi è cominciato l’incubo: i malviventi hanno passato al setaccio tutte le stanze alla ricerca di qualcosa di prezioso. E’ successo poco prima di mezzogiorno in via Giuseppe Mulè, dalle parti di corso Calatafimi: i due si sono impossessati di mille euro in contanti e di alcuni gioielli che l’anziana custodiva in un cassetto della camera da letto. Poi si sono dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Sotto choc e in preda alla paura la pensionata ha lanciato l’allarme alla polizia: sul posto sono giunti gli agenti delle volanti e gli uomini della squadra mobile che hanno effettuato i rilievi e raccolto la testimonianza della vittima, che ha fornito una descrizione dettagliata dei malviventi.

E’ l’ennesima rapina ai danni di anziani che si verifica in città: un fenomeno in continua ascesa che semina il terrore tra i pensionati che vivono da soli. Proprio come è successo un mese e mezzo fa nella zona di Cruillas, dove un uomo di 78 anni è stato picchiato e rapinato. E’ finito nel mirino di due malviventi che si sono finti postini: gli hanno fatto aprire la porta dicendo di dover consegnare un pacco, poi l’hanno aggredito sferrando calci e pugni.

A giugno è stata la volta di un anziano che abita in piena zona residenziale, in viale Strasburgo: in tre, molto giovani, sono entrati nell’appartamento al piano terra in un residence. Hanno immobilizzato l’uomo che si trovava all’interno e hanno rovistato in casa portando via soldi che hanno trovato in alcuni cassetti. La polizia raccomanda, ancora una volta, di non aprire mai la porta se non si è certi di chi si ha davanti, specie se si è soli in casa. “In ogni caso – consigliano dalla questura – di fronte ad ogni dubbio è meglio avvisare le forze dell’ordine”.

*Aggiornamento ore 19.37
La polizia ha arrestato una giovane di 29 anni per la rapina messa a segno questa mattina da due uomini in via Filippo Mulè nella zona di Corso Calatafimi. Gli uomini della squadra mobile sono riusciti a risalire alla donna che guidava la macchina con la quale i due erano arrivati nei pressi dell’abitazione dell’anziana. I due aggressori si erano finti impiegati di una società di gas e avevano bloccato la donna e rapinata di soldi e gioielli. Qualcuno ha annotato la targa dell’auto intestata alla donna che nel corso di un lungo interrogatorio ha ammesso di essere il palo del colpo. Adesso è caccia ai complici.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Indegni..buttate le chiavii

    In questi casi si dovrebbe dare l’aggravante di avere assalito una persona inerme e dare minimo 30 anni di reclusione. Capisco che ormai in carcere ci va solo il poveretto che ruba il pacco di pasta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *