Rapina e tentata violenza sessuale | Arrestati due fratelli tunisini - Live Sicilia

Rapina e tentata violenza sessuale | Arrestati due fratelli tunisini

I giovani hanno 19 e 23 anni. Le vittime della violenza sono una donna e un ragazzo.

NEL RAGUSANO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – La Polizia di Stato ha eseguito due misure cautelari nei confronti di due giovani tunisini per rapine e tentativo di violenza sessuale commesse a Comiso e Vittoria nel Ragusano. La Squadra Mobile ha ricostruito i due gravi episodi criminali incrociando tracce elettroniche ed immagini degli impianti di videosorveglianza. Decisiva è stata la collaborazione delle due vittime.

Gli arrestati sono due fratelli tunisini di di 23 e 19 anni che avrebbe messo a segno una rapina a Comiso, tentando anche una violenza sessuale, e un tentativo di rapina a Vittoria. Qualche mese fa, dice la polizia di Stato, i due avrebbero sfondato a calci la porta di un’abitazione puntando la pistola alla testa di una donna chiedendole di consegnare il denaro. Dopo aver preso i soldi uno dei due fratelli ha colpito con pugni al volto la vittima per costringerla a un rapporto sessuale. La donna però si è ribellata gridando aiuto e i due sono fuggiti. Un’altra rapina è stata invece tentata dai due fratelli a Vittoria nei confronti di un ragazzo cui volevano rubare il cellulare: la vittima è stata colpita con calci e pugni. Attraverso anche l’analisi dei sistemi di sorveglianza la polizia ha individuato i due indagati e la procura ha chiesto e ottenuto dal Gip l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, considerati anche i precedenti penali dei tunisini.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Rilasciateli immediatamente, sono due risorse che con il loro lavoro contribuiranno a farci pagare le future pensioni…..

    Naturalmente essendo Tunisini e visto che a Tunisi ci sta la grande guerra, queste due risorse bivaccavano nel territorio italiano con tutti i vantaggio dell’accoglienza.
    SIAMO UNA VERGOGNA.
    Non abbiamo capito che ci siamo messi il disordine e l’insicurezza in casa….e ancora si vuole continuare a fare entrare gente….ASSURDO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.