Altri 23 rischiano il processo| Sagramola verso l'archiviazione - Live Sicilia

Altri 23 rischiano il processo| Sagramola verso l’archiviazione

Per l'ex ad del Palermo calcio i pubblici ministeri hanno chiesto l'archiviazione. Per tutti gli altri, invece, c'è la richiesta di rinvio a giudizio. Sono in ventitré di cui diciotto persone fisiche, fra cui sette politici, e cinque giuridiche.

scandalo ciapi
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – L’unico, per la stessa Procura, a meritare di uscire dall’inchiesta denominata Ciapi 2 è l’ex amministratore del Palermo calcio, Rinaldo Sagramola: non ebbe alcun ruolo nelle truffe e nelle false fatturazioni che ruotavano attorno all’ente palermitano di Formazione professionale. Per lui i pubblici ministeri hanno chiesto l’archiviazione. Per tutti gli altri, invece, c’è la richiesta di rinvio a giudizio. Sono in ventitré di cui diciotto persone fisiche, fra cui sette politici, e cinque giuridiche.

L’elenco si apre con Fausto Giacchetto, manager della pubblicità e consulente dell’ente di formazione palermitano travolto dallo scandalo. Poi, ci sono i politici: Francesco Scoma, senatore di Forza Italia, l’ex deputato regionale Santi Formica, anche lui di Forza Italia, l’ex parlamentare del Pdl all’Ars, Salvino Caputo, e Nino Dina, dell’Udc, attuale presidente della commissione Bilancio del Parlamento siciliano. Ed ancora: gli ex consiglieri comunali di Palermo Salvatore Alotta e Gerlando Inzerillo (Pd e Grande sud), il sindaco di centrodestra di Santa Flavia, Salvatore Sanfilippo.

Il solo Scoma è indagato per corruzione e violazione della legge sul finanziamento pubblico dei partiti. Scoma, secondo l’accusa, da ex assessore regionale alla Famiglia avrebbe consentito al Ciapi di ottenere finanziamenti per 5 milioni di euro, parte dei quali sarebbero poi finiti nelle tasche di Giacchetto, le cui società si occupavano dei piani di comunicazione per conto dell’ente di formazione con sede al Roosevelt di Palermo. In cambio Scoma avrebbe ottenuto il pagamento di 13.200 euro di spese elettorali, un soggiorno a capri (6.400 euro) e due abbonamenti allo Stadio Barbera per assistere alle partire del Palermo. Tutti gli altri indagati rispondono solo di finanziamento illecito ai partiti, un reato che si prescriverà nel 2016.

A completare l’elenco degli indagati, per le ipotesi di truffa di Sandro Compagno e Carmelo Bellissimo, dirigenti del Ciapi, Calogero Bongiorno, che per l’ente di formazione curò il progetto Co.Or.Ap finito al centro dell’inchiesta, e degli imprenditori Massimiliano Sala, Armando Caggegi, Giancarlo Ferrara, Maurizio Pipitone, Antonina Di Salvo, Alfredo Flaccomio, Ornella Graziano. Le cinque società coinvolte nell’indagine sono: Media Consulting, Media Center&Managment, Effemmerre Group, Cofarg, Adilat sas.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai sostituti Agnello, Demontis, Paci, Padova e Picchi, è già sfociata in due condanne e in un altro processo. L’ex assessore Gianmaria Sparma ha patteggiato la pena mentre l’ex dirigente del Consorzio Asi di Palermo, Domenico Di Carlo, è stato condannato in abbreviato.

Giacchetto è già sotto processo nella cosiddetta inchiesta “Ciapi 1” assieme a Stefania Scaduto e Concetta Argento (rispettivamente segretaria e moglie di Giacchetto), Francesco Riggio, ex presidente del Ciapi, all’ex d


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Continua ad essere giusto che altri politicanti di grido restino fuori dall’inchiesta?

    Caro Parrino, mi hai rovinato la vita.

    Ottimo, dopo mesi di silenzio assoluto, spunta il topolino invece della montagna. complimenti

    Attenti a considerarli già colpevoli, vorrei infatti ricordare che di recente un Giudice ha ordinato il dissequestro di tutto l’ingente patrimonio che in un primo momento era stato sequestrato a Faustino Giacchetto.

    Alla fine non pagherà nessuno il conto. Tutti all’aria aperta. Ormai lo dicono tutti: siamo un paese spazzatura.

    Questi qua colpevoli ,ma quali colpevoli, signori magistrati smettetela,i veri colpevoli sono tutti in mezzo ad una strada (nel vero senso della parola) e sono i lavoratori della formazione che hanno esportato i capitali sottratti in Svizzera e vivono ahimè nella miseria senza dignità di uomini ,.di padri di famiglia e futuro.

    Bisogna chiedere scusa a questi martiri della Costituzione compresi ai professori universitari senza laurea della stessa allegra compagnia.

    Caro Francesco errore c’è !!!

    x favore mi fate conoscere i criteri x avere pubblicati i post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.