Sciacca, pensionata fa causa alla banca per gli interessi e vince

Sciacca, pensionata fa causa alla banca per gli interessi e vince

Il conto era in rosso, ma ora devono darle 81 mila euro. Ecco perché
IL CASO
di
0 Commenti Condividi

SCIACCA – La pensionata ha avuto la meglio sulla banca. Il tribunale di Sciacca, in provincia di Agrigento, ha accolto il ricorso di una correntista della Banca Popolare di Milano, una esercente oggi in pensione, che si era rivolta all’autorità giudiziaria denunciando l’applicazione, da parte dell’istituto di credito, “di interessi passivi ultralegali oltre all’illegittima commissione di massimo scoperto”, calcolando tassi trimestrali ben oltre la soglia antiusura, in qualche caso più del 20%.

La sentenza, pronunciata dal giudice onorario Filippo Barba, dispone “la rideterminazione del saldo del conto corrente intestato alla donna”, a cui adesso la Bpm dovrà versare oltre 81 mila euro su un conto che, al momento della presentazione del ricorso, indicava un “rosso” di 569 euro.

LEGGI I PARTICOLARI SULLA SENTENZA

Accolte dal giudice le conclusioni contenute nella perizia del consulente tecnico di parte Giuseppe Toto. L’autorità giudiziaria ha poi rigettato un’ulteriore istanza presentata dalla ricorrente tesa ad accertare tassi usurari riferiti anche ad un contratto di mutuo stipulato con la medesima banca.

A rappresentare l’esercente gli avvocati Mauro Tirnetta e Roberta Lo Iacono.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *