Shawn Rhoden è morto: body building sotto choc - Live Sicilia

Shawn Rhoden è morto: body building sotto choc

Notizia confermata, ecco le cause
LUTTO
di
0 Commenti Condividi

Shawn Rhoden, star del bodubuilding ed ex campione di Mr- Olympia è morto a 46 anni a causa di un infarto.

È stato uno dei principali protagonisti, a livello mondiale, del bodybuilding, vincendo nel 2018 l’Olympia e sconfiggendo, ben 7 volte, il pluricampione Phil Heath.

Il record

Non è da poco, a 43 anni, riuscire a vincere l’ambizioso Mr Olympia.

Shawn ha iniziato negli anni ’90 ad allenarsi. Nel 2010 è diventato professionista.

“Rhoden è nato a Kingston – ha ricostruito il The Sun – in Giamaica, nel 1975. Ha iniziato nel bodybuilding all’inizio degli anni ’90, ma da giovane era un giocatore di calcio, secondo quanto riportato da Generation Iron.

Rhoden ha affrontato alcuni ostacoli all’inizio della sua carriera di bodybuilding. Ha avuto alcuni infortuni che lo hanno costretto a smettere di gareggiare. Anche suo padre è morto durante l’apice della sua carriera di bodybuilding.

Secondo quanto riferito, Rhoden aveva problemi di abuso di sostanze, secondo quanto riportato da Men’s Health. Tuttavia, è stato in grado di dare una svolta alla sua carriera e tornare nel mondo del bodybuilding”.

A luglio, la bodybuilder Odalis Santos Mena, 23 anni, ha subito un arresto cardiaco ed è morta a seguito di un’operazione fallita per fermare il sudore in eccesso delle ascelle.

I coroner hanno indicato una combinazione letale dello steroide che Mena stava assumendo e dell’anestetico,   riporta il New York Post .

I PROFESSIONISTI NON HANNO SCELTA DI SALTARE GLI STEROIDI

L’attenzione si sta rivolgendo al business del bodybuilding, alla vita delle sue star e al prezzo della ricerca di luoghi “perfetti” sui loro corpi.

Molti potrebbero essere perdonati per pensare che i corpi degli atleti siano in buona salute quando vedono muscoli sporgenti e fisici tonici.

Ma come ha ammesso il defunto bodybuilder Rich Piana nel 2016 l’uso di steroidi – che secondo lui è diffuso e quasi inevitabile per i professionisti – “fa male al tuo corpo”.

Piana, morto nel 2017 due settimane dopo essere stato messo in coma indotto, ha dichiarato nel 2016: “Se puoi scegliere di rimanere naturale o fare steroidi, rimani naturale.

“Non c’è motivo di fare steroidi, stai solo facendo male al tuo corpo, stai facendo del male a te stesso.”

Ma ha ammesso: “Se vuoi diventare un bodybuilder professionista, indovina un po’? Probabilmente dovrai farlo, cazzo. Non avrai scelta”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.