Sistema tranviario, proseguono i lavori| A luglio le prime corse della linea 1 - Live Sicilia

Sistema tranviario, proseguono i lavori| A luglio le prime corse della linea 1

Una delle carrozze che verranno impiegate nelle corse delle tre linee del sistema tranviario

E' cominciata la collocazione delle pensiline alle fermate, mentre prosegue l'installazione dei punti semaforo, che potranno contare su un sistema che garantirà l'onda verde automatica per non interrompere la corsa del mezzo e rendere quindi più regolari i tempi di percorrenza. La linea 1 dovrebbe essere attiva a partire da luglio, mentre per le linee 2 e 3 occorrerà attendere il 2014.

trasporti
di
28 Commenti Condividi

PALERMO – Procede a ritmi spediti il piano del comune di Palermo per il miglioramento della viabilità ed il potenziamento dei trasporti pubblici in città. Dopo aver presentato, lo scorso novembre, il progetto per la costruzione di quattro mega-parcheggi, di cui tre sotterranei, per oltre duemila nuovi posti auto in via Imera, piazza Giulio Cesare, piazza Giovanni Paolo II e piazza Sturzo, l’amministrazione comunale ha annunciato che sono giunte a Palermo tutte e diciassette le carrozze necessarie per l’avvio del servizio tranviario cittadino, ognuna delle quali disporrà di una capienza complessiva di 180 passeggeri. La consegna dei mezzi, a cura della Bombardier, era iniziata il 18 maggio del 2011, con l’arrivo al porto, da Napoli, della prima carrozza.

Le corse della linea 1 dovrebbero partire dal prossimo mese di luglio, anzi, stando a quanto dichiarato nei mesi scorsi dal sindaco Orlando addirittura in tempo per raggiungere in tram il Foro Italico per il prossimo Festino di Santa Rosalia. Per quanto concerne le linee 2 e 3, invece, bisognerà attendere il 2014. Il servizio verrà gestito dall’Amat, lo scorso 19 febbraio la giunta comunale, infatti, ha approvato un atto di indirizzo che incarica gli uffici di predisporre tutti gli atti tecnici ed amministrativi necessari per la designazione della società come esercente del sistema tram. Secondo l’assessore alla Mobilità, Tullio Giuffrè, si tratta di una scelta che dovrebbe facilitare “la realizzazione di un sistema che sia dal dal punto di vista logistico sia dal punto di vista tariffario favorirà l’integrazione fra tutti i mezzi del servizio pubblico in città”. Nei prossimi mesi l’azienda dei trasporti dovrà definire alcuni aspetti fondamentali, tra cui la predisposizione di un regolamento d’esercizio, l’individuazione e la formazione dei macchinisti, la preparazione di un piano di manutenzione sia degli impianti che delle vetture, oltre alle verifiche tecniche e ai collaudi dei mezzi .

Nel frattempo, proseguono i lavori sul manto stradale: già installati in corrispondenza di alcune fermate i punti semaforo, che potranno contare su un sistema che garantirà l’onda verde automatica per non interrompere la corsa del mezzo e rendere quindi più regolari i tempi di percorrenza. Secondo quanto riferito dal Comune, inoltre, lungo il percorso delle tre linee è partita l’installazione delle pensiline alle fermate. I vagoni, invece, correranno su corsie ben separate dalla superficie stradale attraverso barriere di separazione alte circa un metro.

Il progetto ha previsto la costruzione di tre differenti linee per collegare le periferie al centro cittadino e, più in particolare, alle principali stazioni del passante ferroviario e del sistema ferroviario metropolitano. La linea 1 unirà il quartiere di Roccella alla stazione centrale. Le linee 2 e 3 avranno parte del percorso sovrapposto: la linea 2 condurrà dal quartiere Borgo Nuovo alla stazione Notarbartolo, mentre la linea 3 condurrà dal quartiere San Giovanni Apostolo alla stazione Notarbartolo, come la linea 2, attraversando in parte la circonvallazione.

Secondo il sindaco Leoluca Orlando “l’avvio delle corse del tram rappresenterà un passo importansissimo per lo sviluppo di un sistema della mobilità sostenibile e veloce, che sarà uno degli elementi chiave su cui vogliamo definire la forma della nuova città. Grazie ai tram, migliaia di cittadini avranno una ulteriore e sempre più valida alternativa al mezzo privato, come scelta ecologica e di vita”.

via Twitter: @LiveSiciliaPalermo @_rubinhood_


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

28 Commenti Condividi

Commenti

    le linee tram …… una cagata basta vedere dove sono state realizzate , francamente mi dite chi prenderà il tram al CEP per poi scendere a borgo Nuovo o alla stazione Notarbartolo …. peccato ancora una volta abbiamo fatto un’opera inutile . In Via Regione Siciliana dove si poteva fare la sopraelevata si tappano gli attraversamenti , mentre nel viale Michelangelo o L. Da Vinci si distruggono strade che no avevano fino a poco tempo fa problemi di traffico , certo che le scelte politiche hanno fatto si che la vivibilità è migliorata di molto …… fatevi un giro e poi ne riparliamo !!!

    Abito a Baida, e quindi ho seguito e seguo la nascita della linea del tram che collegherá Borgo Nuovo alla stazione Notarbartolo. Lavori complessi, impegativi e lunghi.
    E, considerando che i tram hanno una sede dedicata chiusa, perché non dedicare la stessa sede transennata agli autobus invece che ai tram? Con lavori più veloci, meno costosi, e con risultati simili. Francamente non so trovare una spiegazione logica. A meno che abbia pesato il costo nettamente minore…

    sola hai ragione, aggiungo dopo qualche mese questi tram saranno ridotti a pezzi dai vandali della periferia, quindi diventeranno presto invivibili…..non sono cose per noi purtroppo, prima di tutto bisogna investire nel rispetto della legalità e dei beni comuni

    spero invece che questo mezzo alternativo snellisca e lo fara’ di molto il traffico nsieme alla nuova metro!!!!dobbiamo cambiare NOI cittadini la mentalita’,lasciando a casa le fottute tanto care auto dei palermitani che usano pure per andare al bagno!!!non possiamo sempre prendercela con le istituzioni,vogliamo essere ipure imboccati forse..–nessun palermitano non andra’ mai dalla stazione notarbartolo al borgo nuovo???non ci credo…..lasciamoli lavorare,facciamogli almeno completare l’opera (sempre meglio di una eterna incompiuta)…e poi si vedra’………

    p.s.—con questo non voglio essere dalla parte del comune,MI IMPORTA UNA CIPPA DI ORLANDO,ma dalla parte delle opere che si stanno costruendo in citta’ e che vanno avanti (infatti abito soopra la nuova fermata di piazza lolli,e vorrei non veder vano tutto il sonno perso a causa dei lavori….XDDDDD )

    concordo con l’inutilità di un opera che costringe comunque a cambiare mezzi per poter arrivare in centro. senza contare la riduzione della carreggiata delle due strade una volta più larghe di palermo (viale michelangelo e via leonardo da vinci).
    A borgonuovo tra l’altro sono stati abbattuti alberi decennali che rendevano il quartiere un po meno squallido dando un po di colore verde al paesaggio.
    Si è persi una grossa occasione perchè l’unica vera opera da fare era la metro che avrebbe percorso l’intera città sottoterra lasciando inalterate le strade in superfice.

    EVVAI!!!!!!!!
    Comunque, come al solito i nemici ‘ra cuntintizza sono sempre in agguato…

    Forse perchè c’è ben poco di che essere contenti, considerato che un’opera destinata ad affrontare il problema della mobilità che non affronta il problema dell’attraversamento del centro, è un’opera inutile.

    Diciamo che principalmente è destinato ad agevolare il collegamento fra alcuni quartieri periferici e nodi d’interscambio quali stazione Notarbartolo e Centrale. Da qui poi si potranno prendere altri mezzi quali Passante Ferroviario, bus, bike sharing o anche car sharing

    si ma alla metro stanno pure lavorando,quindi metro e tram saranno un’ottima alternativa al mezzo privato,eppoi questa e’ la prima linea,a cui si affiancheranno la altre 2……

    Non é solo il progetto che lo pteva fare pure mia nonna… Ma é propio il modo del tubero con cui stanno realizzando a asso dilumaca 4 binari…ma vi mangiate benissimo i nostri soldi!! Questo tram é uno schifo

    Mi raccomando, il servizio di pulizia affidatelo alla stessa ditta che si occupa degli autobus dell’Amat oppure a qualche ex Gesip magari senza legare il lavoro ai risultati.

    veramente via Michelangelo è caotica da anni…evidentemente non ci passa molto.
    Spero che il tram parta presto dal CEP per poter lasciare l’auto e usare i mezzi pubblici per andare al lavoro

    @doom: il passante ferroviari onon è una metro… la metropolitana leggera credo non la vedremo mai

    Ma alla fine voi che criticate il tram, chissenefrega.. Continuerete a prendere la macchina, a pagare 1,80 € al litro, a pagare assicurazione e bollo e a breve anche il pass da €100 l’anno per entrare nella ztl…e in tutto questo sarete costretti a fermarmi ai semafori, vedendo il tram passare davanti a voi con l’onda verde. Pensatela come volete, intanto io prenderò il tram e arriverò a destinazione prima di voi e con più soldi in tasca di voi….

    Se ti devi arrestare alla stazione Notarbartolo, sì. Se, invece sei come la maggior parte delle persone, che devomno spostarsi nell’arco della giornata da un punto all’altro della città, centro incluso, e devi rispettare dei tempi, non ci contare proprio.

    mi verrà semplice…da viale michelangelo prendo il tram, scendo alla stazione notarbartolo, da li prendo la metro (passante) fino alla stazione orleans e quindi mi faccio quattro passi fino in corso vittorio emanuele dove ho l’ufficio….all’andata ogni mattina impiego 40-45 minuti con la macchina ad arrivare e facendo un conto circa 2.50 € al giorno. Con l’abbonamento risparmio un sacco….

    Conosci già gli orari? Tutto a posto con le coincidenze? E non hai una vita oltre il lavoro? Impegni di vario genere? Figli da portare a scuola? Genitori anziani da assistere? Oh, uomo fortunato!

    si porto i figli a scuola sotto casa, li va a prendere mio padre all’uscita, lavoro dalle 8 alle 2 tutti i giorni sabato compreso, le coincidenze già le conosco: un tram ogni 10 min per la linea 2 e poi arrivato alla staz. notarbartolo prendo il treno o, se passa prima, la 102…

    Ahhh…quindi papà va a prendere i bambini…e alle due fuori dall’ufficio? Lo vedi che sei un uomo fortunato?

    Una fortuna se la deve anche meritare…prenditi una laurea, un dottorato, vinci un concorso da ricercatore e anche tu un giorno sarai fortunato…

    Fino al dottorato ci sono arrivato. Evidentemente mi mancava la boria modello “io sò io e voi nun siete un cazzo” che è alla base delle tue affermazioni. Ammesso che tu sia veramente impegnato presso l’Ateneo palermitano, sei una splendida testimonianza dei motivi per cui è una delle ultime università d’Italia.
    La mobilità urbana come funzione del ceto d’appartenenza. Non si spostano persone, ma i titoli di studio. Hai la madre malata all’altro capo della città e pure la terza media? Cavoli tuoi, l’ha detto l’aspirante barone…

    Quale metro? A palermo non c’è una metro. c’è un passante Ferroviario urbano, che è diverso dalla metro come il carretto dalla lapa. E chi li equipara, compie lo stesso errore che farebbe un turista venuto a Palermo dicendo che il carretto è uguale alla lapa, perchè qualche esemplare del secondo veicolo ha le sponde dipinte come qualche esemplare del primo.

    E il concorso lo hai vinto con amenità di questo tipo?

    Io certi commenti proprio non li capisco! Come fate a dire che è un’opera inutile? Secondo me non solo sarà utilissima per la mobilità cittadina, ma andrebbe addirittura incrementata di ulteriori linee! Mi auguro che prima o poi (ma meglio prima) si riesca a fare anche la metro leggera (di cui esiste già il piano di fattibilità)… con tram, metro e passante ferroviario Palermo si potrebbe permettere il lusso di pedonalizzare anche l’intero centro storico e migliorare la qualità della vita di tutti… smettetela con questo scetticismo atavico… vi prego!

    curiosità…lei caro Zaucker laovra alla Geisp, o cosa?

    @Zaucker
    dimme la verità, ma sei così pollo che me credi pure……mica ti vengo a di a me gli affari miei, ho tutto inventato…..l’importatnte è che io risparmio e che tu arrivi dopo di me…

    Il problema è proprio la metropolitana leggera. Che era la prima cosa da fare, perchè non si costruisce ana casa dal tetto. Quando ci sarà la metropolitana leggera, ne riparleremo. Così, stiamo parlando di un’opera inutile per la soluzione dei problemi di mobilità a Palermo.

    Tanto poco lo sono, che ho scritto “Ammesso che”. Ripeto, è vero che l’Univesità di Palermo non è un granchè, ma a tutto c’è un limite.
    E’ probabile che mentre io ero chiuso in casa a studiare, tu ti recassi in locali tipo Cuba, o simili. E non con i mezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *