Smog, superati i limiti in città - Live Sicilia

Smog, superati i limiti in città

Torna l'allarme inquinamento a Palermo, dove ieri si sono registrati nuovi sforamenti dei limiti previsti per legge. Gli assessori Giuffrè e Barbera annunciano provvedimenti in accordo con il ministero dell'Ambiente.

PALERMO, LE RILEVAZIONI DELL'AMIA
di
1 Commenti Condividi

A Palermo torna l’allarme smog. Ieri, infatti, sono stati sforati nuovamente i limiti in quattro centraline cittadine, ovvero quelle di piazza Indipendenza, via Belgio, Via Evangelista Di Blasi e piazza Giulio Cesare, così come rilevato dall’Amia. “E’ evidente – dichiarano gli assessori per la Vivibilità Giuseppe Barbera e per la Mobilità Tullio Giuffrè – che l’uso e l’abuso delle auto private, unite a condizioni metereologiche certamente eccezionali, provocano un grave peggioramento della qualità dell’aria in città”.

Una problematica al centro del confronto tenutosi stamattina con il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, e alla quale si dovrebbe porre rimedio con alcune specifiche misure allo studio dei tecnici.

“Fin dai primi giorni dopo l’insediamento, l’Amministrazione si è attivata per ottenere un’accelerazione ai lavori relativi ad importanti opere infrastrutturali per la mobilità e sta predisponendo un Put che miri a ridurre e razionalizzare il traffico privato favorendo e rafforzando il trasporto pubblico, la mobilità con mezzi alternativi all’automobile, la riscoperta della possibilità di vivere a piedi ampie aree della città in diversi quartieri”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Accesso in città solo ai mezzi pesanti a metano , mobilità elettrica per i mezzi leggeri.Filobus al posto degli autobus sulle linee principali come il 101

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *