Sono ex burocrati di Ars e Regione | Ecco i cinquanta pensionati d'oro - Live Sicilia

Sono ex burocrati di Ars e Regione | Ecco i cinquanta pensionati d’oro

Ex dirigenti, segretari generali e prossimi candidati alle elezioni regionali. Tutti i nomi.

LE STORIE
di
17 Commenti Condividi

PALERMO – Costano tanto. E lo abbiamo detto. Circa 700 milioni di euro l’anno. Ma chi c’è dietro i numeri? Quali facce si nascondono dietro le prestigiosissime pensioni di Assemblea regionale e Regione? Eccoli i nomi di chi in questi anni ha goduto, dopo aver lasciato i ranghi delle pubbliche amministrazioni regionali, di pensioni superiori ai 140 mila euro lordi. In qualche caso, si arriva persino a 260 mila euro. E dietro ogni nome, c’è una storia.

Ars, le misteriose pensioni dei segretari generali

A Palazzo dei Normanni, una di queste pensioni è ancora avvolta da un fitto mistero: è quella dell’ultimo segretario generale dell’Ars, Sebastiano Di Bella. E celato dalle nubi è stato per lungo tempo il suo stipendio, mai reso noto pubblicamente dall’Assemblea regionale. E così, non resta che affidarsi a quanto dichiarato dal presidente della Regione Crocetta, che ha parlato di 600 mila euro annui. Che si tradurranno in una pensione non molto distante da quelle cifre e si è già tramutato in una buonuscita milionaria. Insomma, una uscita di scena ricca e anche molto tempestiva. Giunta proprio poco prima dell’arrivo dei nuovi tetti a stipendi e pensioni, fissati a 240 mila euro. Prima di Di Bella, era stato il turno del suo predecessore, Giovanni Tomasello. In questo caso la liquidazione è stata di “appena” mezzo milione. Mentre la pensione, giunta all’età di 57 anni, dovrebbe oscillare attorno ai 12 mila euro netti al mese. Superiori ai 200 mila euro anche le pensioni degli altri segretari generali andati in quiescenza, da Silvio Liotta a Gianliborio Mazzola. In alcuni di questi casi, le liquidazioni hanno sfiorato i due milioni di euro.

Il caso Crosta

Era diventato un caso nazionale, invece, la pensione di Felice Crosta, ex dirigente dell’Agenzia regionale per l’acqua e i rifiuti ai tempi del governatore Cuffaro. Una pensione record da 1.400 euro al giorno, frutto di un mega-stipendio da 460 mila euro l’anno, guadagnato per pochi mesi prima della pensione, ma poi tornato utile come base pensionabile in forza a una legge che l’Assemblea regionale siciliana varò proprio alla vigilia della sua nomina. Una pensione-monstre, contro la quale si oppose il governo Lombardo. “Non si tratta certo di un regalo, io ho lavorato per 45 anni”, spiegò Crosta. Nel 2010, in primo grado, la Corte dei Conti ha riconosciuto il suo diritto, ma in appello ha ribaltato il verdetto, stabilendo che al manager pubblico spettava “soltanto” una pensione commisurata all’indennità percepita prima del brevissimo “compito” assegnatogli da Cuffaro: 227mila euro, circa la metà del vitalizio percepito fino a quel momento. Oggi Crosta sta restituendo a poco a poco le somme “illegittimamente” ricevute.

Il caso Russo

Tra le pensioni d’oro della Regione ce n’è una andata a un pensionato “baby”: Pier Carmelo Russo è andato “a riposo” ad appena 47 anni, grazie alla famosa legge 104 che riguarda i parenti di persone che necessitano di assistenza. Ex segretario del Pci a Bagheria nei primi anni ’90, Russo ha fatto carriera come funzionario regionale, fino ad occupare il massimo livello burocratico dell’Isola: quello di segretario generale. Russo è andato in pensione nemmeno cinquantenne per accudire il padre malato, ma pochi giorni dopo è stato nominato da Raffaele Lombardo assessore all’Energia e Rifiuti del suo terzo governo. In compenso, Russo non ha mai percepito l’indennità assessoriale, che ha devoluto in beneficenza, scegliendo di contare ‘solo’ sulla sua pensione da 11 mila euro lordi al mese. Ma ha anche collaborato per anni, in qualità di consulente legale, con la Regione sulla vertenza milionaria relativa al fallito progetto dei termovalorizzatori voluto da Cuffaro e bocciato da Lombardo.

I pensionati a lavoro

Quello di Russo non è l’unico caso di pensionati chiamati a lavoro nonostante fossero andati poco prima a riposo. Antonino Scimemi, già dirigente del dipartimento alla Programmazione, poi direttore generale dei Beni Culturali e dell’Urbanistica in epoca cuffariana, ad esempio, rientrò tra le maglie della pubblica amministrazione dell’Isola in qualità di capo di gabinetto di Raffaele Lombardo (poi sostituito da Patrizia Monterosso). Scimemi ha fatto parte anche dei consigli d’amministrazione di Sicilia e-Servizi, Irfis Siciliacque e Italkali e nel 2007 è stato assessore comunale al centro storico a Palermo in quota Mpa e direttore generale della Provincia di Catania quando Lombardo era presidente.

Alfredo Liotta, ex dirigente generale del Dipartimento del personale, era andato in pensione alla fine del 2008, dopo 40 anni di servizio. Liotta poi fu nominato dell’allora assessore Caterina Chinnici, come capo di gabinetto, ma si dimise presto. Santino Cantarella, da dirigente di seconda fascia alla Motorizzazione civile di Catania è diventato direttore generale dell’Ente Acquedotti. Per lui, fino al 2010, oltre alla pensione, anche il ruolo di commissario straordinario dello Iacp (l’Istituto autonomo case popolari). Girolamo Di Vita guidò il Dipartimento bilancio e tesoro in epoca cuffariana per poi guidare l’Aran, l’ente che si occupa dei contratti dei regionali. Saverio Ciriminna era uno degli uomini più potenti della sanità siciliana. Dopo il pensionamento rientrò nel mondo della Sanità diventando il nuovo capo della Croce Rossa regionale. Tutti questi percepiscono oggi pensioni superiori ai 150 mila euro annui lordi.

Il pensionato candidato

C’è anche uno dei candidati alla corsa per la presidenza della Regione, tra i “pensionati d’oro”: si tratta di Francesco Paolo Busalacchi, ex direttore regionale alla Programmazione. Tra i nomi degli ex regionali destinatari di pensioni superiori ai 140 mila euro lordi poi ecco Luigi Castellucci, ex direttore generale della Sanità, tra i diversi ruoli ricoperti nell’amministrazione regionale, vanta anche quello di capo di gabinetto del presidente Lombardo. Tra i dirigenti eccellenti della Sanità dell’Isola, ad essere andati a riposo con ricche pensioni anche Michele Bagnato, Antonio Mira, Santo Amandorla. Tra gli ex dirigenti dell’assessorato alla Presidenza spunta il nome di Tullio Martella.

I superpensionati che provengono dall’assessorato all’Agricoltura e alle Foreste sono invece il già citato Felice Crosta, Benedetto Lucchese e Ignazio Sciortino. Quest’ultimo nel 2008 si era candidato alla Camera, ma in posizione non eleggibile, con l’Mpa. Dall’assessorato ai Beni culturali provengono invece Marco Aurelio Lo Franco e Giuseppe Grado. Mentre tra i pensionati d’oro spunta anche un nome legato all’assessorato al Bilancio e Finanze: si tratta di Ercole Rabboni che ha chiuso la sua carriera alla Regione da dirigente generale alla Formazione. Ex dirigente dell’assessorato alla Cooperazione è Beniamino Landolina, dall’Industria proviene invece Michele Sarrica, che era stato anche capo di gabinetto dell’ex governatore Salvatore Cuffaro, nonché dell’ex assessore all’Industria Pippo Gianni. E ancora, la lunga lista dei pensionati d’oro si riempie coi nomi dell’ex segretario Gaetano Di Fresco, e degli ex dirigenti generali Domenico Pergolizzi, Agostino Porretto, Giovanni Sapienza, Americo Cernigliaro.

I fedelissimi dei presidenti

Tra i destinatari di assegni assai “pesanti” anche due ex dirigenti che, a vario titolo, sono stati tra i più graditi agli ultimi due governatori. Gesualdo Campo è stato infatti tra i burocrati più influenti durante l’era di Lombardo, e al centro anche di diverse polemiche. Mentre Vincenzo Sansone deve in qualche modo ringraziare il governo Crocetta: la scelta del governatore di nominarlo a capo del dipartimento tecnico ad appena un anno dalla pensione, ha consentito al burocrate stesso di calcolare il suo assegno sulla base di quel (ben remunerato) incarico di dirigente generale. Non era per niente amato dal governo in carica, invece, Marco Salerno. Fino a pochi mesi fa unico dirigente di prima fascia della Regione. Un titolo non sufficiente per ottenere incarichi di primo piano dal governo Crocetta, che invece l’ha “relegato” nell’ultima parte della sua carriera, al “Centro regionale del catalogo”. “Forse perché sono un bibliotecario” ironizzava un po’ di tempo fa su Livesicilia.

Le altre pensioni d’oro

Tra i nomi dei pensionati d’oro spuntano anche quelli di Vincenzo Galioto, Francesco Castaldi, ex dirigente dell’ufficio legislativo e legale della Regione Siciliana; Francesco Castiglione ex capo dell’ufficio di Genio Civile di Agrigento poi alla guida dell’Ente Acquedotti Siciliano; Giorgio Colajanni, ex direttore all’Agenzia Regionale per i rifiuti e le acque; Antonino Colletti, ex ispettore generale dell’Azienda regionale foreste demaniali; Giuseppe Geraci, che è stato direttore ufficio idrografico regionale; Giuseppe Turturici, ex capo di gabinetto dei Lavori Pubblici. Godono delle invidiabilissime pensioni anche l’ex dirigente generale del Dipartimento della cooperazione, del commercio e dell’artigianato, Francesco Paolo Guerrera; l’ex dirigente generale del Dipartimento regionale ai Beni Culturali, Antonino Lumia; l’ex dirigente generale dell’ispettorato tecnico dell’assessorato ai Lavori Pubblici, Rosario Navarra Tramontana; l’ex segretario di giunta, Carmelo Ruffino; l’ex segretario generale di Palazzo d’Orléans, Gaetano Scaravilli. E ancora, ecco i nomi di Maria Teresa Ribaudo, Michele Cipolla, Maria Vitale, Piero Di Maggio, Castrense Marfia, Giovanni Arnone. Tutti in pensione. Tutti con un’indennità compresa tra i 132 mila e i 256 mila euro annui. Pensioni d’oro, in una Sicilia che è stata per tanto tempo terra di privilegi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

17 Commenti Condividi

Commenti

    L’altro giorno ero in una importante enoteca del centro città, qualcuno sussurrava che il propietario è uno di loro!
    Vero è ….?

    Rispetto arusso il primato forse lo detiene un altro burocrate del palazzo di fronte andato ancora più giovanotto con la mitica 100e4.

    In tempo di crisi non valgono nemmeno i diritti acquisiti. Queste pensioni sono immorali ingiuste e foriere di discriminazioni sociali. Dovrebbero essere ridotte ex lege in maniera consistente guardando a quella che è oggi la realtà economica disastrosa della Sicilia,situazione disastrosa causata spesso proprio dalla inefficienza ed inettitudine di dirigenti regionali . Si deve trattare come quello che è : un caso di ingiustizia sociale di ingiustificabile privilegio. Sperando che la magistratura non difenda caste indifendibili in nome di principi anacronistici…tanto quando vogliono decidono come vogliono.

    Sempre la solita solfa. Ma qualcosa di più interessante quando?

    E’ da populisti sperare che alla regione arrivino i 5 stelle e facciano una legge semplice semplice:

    Tutte le pensioni erogate dalla regione siciliana, anche quelle vigenti, dall’anno 2018 saranno liquidate secondo gli attuali criteri del metodo contributivo.

    La storia insegna che quando il popolo sta male e la cosiddetta casta si arricchisce….il popolo si Inc….a e poi si ricomincia

    e una controllatina alle pensioni di reversibilità……anche li grossi scandali

    Questo è l”unico motivo per cui forse questa gente passerà alla storia della sicilia

    Questo succede perchè hanno a che fare con un popolo che si disinteressa della cosa pubblica e che è disposto ad essere servo in cambio di piccoli favori.

    Verrebbe immediatamente abrogata per violazione di principi fondamentali del diritto quali i c.d. Diritti quesiti e la irretroattivita’ delle leggi.

    Alla faccia dei milioni di pensionati che prendono pensioni da morire di stenti e di fame.

    Una sola parola schifo.
    Spero che qualche magistrato verifichi se tutti quelli che hanno usufruito di benefici di legge come la 104 se è stato solo un pretesto.

    AVESSERO CREATO PROSPERITA` , POSTI DI LAVORO, MIGLIORATO IL BENESSERE DEI CITTADINI AVREI CAPITO…

    INVECE IL NULLA!!! NON SI MERITANO QUESTO TRATTAMENTO A SPESE DELLA COLLETTIVITA`

    NELLE AZIENDE SERIE, I DIRIGENTI CHE NON FANNO FRUTTARE I PROFITTI /LAVORO /SANA GESTIONE /MIGLIORARE/PROSPETTIVE FUTURE ED INIZIATIVE DI SVILUPPO , SONO LICENZIATE INVECE LA MAMMA REGIONE LI PREMIA.NESSUNO HA FATTO UN CONTROLLO DI PRODUTTIVITA’ DI QUESTI DIRIGENTI!!!!!!.

    N.B. – LA MAMMA REGIONE ANCORA OGGI, VI SONO DIRIGENTI ” SOLO PER I PROPRI STIPENDI E COMPENSI”

    Ma chi sono queste persone, sconosciute a tutti, forse anche ai loro familiari. Cosa hanno fatto per la Sicilia ed i siciliani !???

    Forse sarebbe stato opportuno ricordare che la legge di Stabilità 2015: ha fissato un tetto all’importo delle pensioni riconducendovi anche quelle di chi è andato in quiescenza precedentemente.

    Che puro esercizio di INvidia (alla quale neanche io sono esente) nient’altro che questo! Le pensioni ormai in regione sono calcolate col sistema contributIvo. Ma quelli indicati , tutti dirigenti generali, sono del passato e cioè soggiacciono alle leggi allora vigenti. La certezza del diritto deriva dal fatto che essa vale dalla sua entrata in vigore e non può retroagire, se così non fosse da sempre e dovunque sarebbe tremendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.